Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Vivete lontano dal vostro figlioccio? Ecco come svolgere il vostro ruolo di padrino

Homme et garçon jouent ensemble
Condividi

Essere scelti come padrino o madrina di un bambino è una grande gioia, ma è anche una grande responsabilità: come possiamo assumercela quando abitiamo lontano?

Il giorno del battesimo, ci impegniamo, come padrino e madrina, ad aiutare i genitori del nostro figlioccio ad “educarlo nella fede e ad insegnargli ad osservare i Comandamenti, affinché ami Dio e il prossimo come Cristo ci ha insegnato”. Non siamo stati dei semplici testimoni di battesimo: abbiamo dato la nostra parola. È una cosa seria… ma poi? Con il passare dei mesi, con il passare degli anni, travolti dalla vita di tutti i giorni e da mille altre preoccupazioni, geograficamente lontani, abbiamo delle difficoltà a mantenere questo impegno e ci sentiamo un po’ colpevoli di non fare abbastanza per i nostri figliocci, o per alcuni di loro. A volte siamo consapevoli di avere addirittura dei torti nei loro confronti, più o meno grandi, ma non è mai troppo tardi per migliorare: anche se non ci siamo occupati di loro per diversi anni, non è un buon motivo per rinunciare.

Essere presenti a tutti gli eventi importanti

Possiamo innanzitutto pregare per loro e chiedere allo Spirito Santo di insegnarci a esercitare la nostra responsabilità e missione. Potremmo scrivere per esempio una vera e propria lettera, in cui cercheremo di riprendere contatto con loro, magari chiedendo perdono per questa nostra lunga assenza. Anche in età adulta è prezioso avere un padrino e una madrina attenti e amorevoli e non è mai troppo tardi per iniziare.

Ricordatevi che la vostra missione è di aiutare prima di tutto i genitori, quindi è importante stabilire un rapporto profondo con loro fin dall’inizio. Anche se li conosciamo bene, anche se sono dei fratelli o dei buoni amici, il nostro statuto di padrino o di madrina stabilisce dei nuovi legami spirituali. Preghiamo per loro e, quando è possibile, preghiamo anche con loro.

E perché non mantenere una relazione epistolare?

Quando il bambino è piccolo, prendiamoci il tempo di parlare di lui con i genitori. Interessiamoci ai suoi progressi, alle sue difficoltà e alla sua personalità che si delinea poco a poco. Manifestiamogli ciò che desideriamo per lui e diamoci i mezzi per mantenere questo rapporto: programmiamo regolarmente un week-end o una serata insieme, o qualche giorno di vacanza ogni anno, quando la distanza geografica non permette di avere degli incontri più frequenti. Stiamo attenti a tutto ciò che fa parte della vita del nostro figlioccio. È importante chiedere delle notizie e farsi presenti, nonostante le distanze, a tutti gli eventi importanti, come i compleanni, il rientro a scuola, i diplomi, ecc.

Inoltre, non dimentichiamo che i bambini, soprattutto a partire dai cinque o sei anni, sono molto felici di ricevere delle lettere di cui sono i destinatari. Anche quando si tratta solo di poche parole su una cartolina, questo dimostrerà loro che qualcuno li sta pensando in modo molto speciale. E appena sapranno leggere e scrivere, le lettere permetteranno di dirsi molte cose, dalle più saltuarie alle più profonde. Una lettera è un vero tesoro: la si conserva e la si rilegge.

Creare ricordi indimenticabili

Il padrino e la madrina sono degli interlocutori privilegiati davanti ai quali il bambino si sente unico e insostituibile. Ecco perché è importante, quando veniamo a visitare il nostro figlioccio, avere un momento per stare da soli con lui: senza i suoi fratelli e le sue sorelle, senza di noi.
Questo può essere semplicemente una passeggiata insieme o un giorno speciale durante il quale facciamo delle cose un po’ divertenti che di solito non facciamo, e al centro delle quali, inseriamo con molta semplicità la Messa domenicale o un momento di preghiera.

Spesso ci sentiamo dei pessimi padrini o madrine… e a volte lo siamo per davvero! La tentazione peggiore, allora, sarebbe quella di scoraggiarci. Ricordiamoci che attraverso la richiesta dei genitori e attraverso la Chiesa che ha approvato la loro scelta, è Dio stesso che ci ha affidato questa missione. Affidiamoci a Lui per realizzarla pienamente, anche se ci troviamo a diversi chilometri di distanza e stiamo sicuri che Lui ci darà i mezzi per compierla, qui e ora.

Christine Ponsard

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni