Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Stroncate sul nascere i litigi ricorrenti nella vostra relazione di coppia!

couple, arguing,
© VGstockstudio
Condividi

Molte coppie attraversano episodi di estenuanti e strazianti litigi (soprattutto durante l’isolamento, quando sono rinchiuse insieme 24 ore su 24 a casa), attraverso i quali ognuno ne esce in uno stato di doloroso disagio interiore. Questo stato può far nascere un dubbio, ogni volta un po’ più forte, sull’opportunità di continuare la relazione. Ecco un’astuzia per mettere a tacere questi pensieri e ritrovare pace e gioia nello stare insieme.

di Marie-Noel Florant

“Stiamo litigando così tanto in questo momento, mi confida Aude, che ho l’impressione che mi sto distruggendo e che non riuscirò a ripartire di nuovo.” E il marito aggiunge: “Ogni volta mi sento completamente annientato”. E mi chiedono, preoccupati “Come possiamo ritrovare la pace e la gioia di stare insieme, noi che ci teniamo così tanto?”. Per una coppia, quando entrambi sono a terra, per rialzarsi ognuno probabilmente dovrà valutare in modo molto dettagliato i meccanismi del proprio comportamento coniugale deleterio, per imparare a stroncare sul nascere i litigi ricorrenti. Ciò richiede una riflessione personale da parte di ciascuno sulla profonda motivazione a voler creare un clima più sereno. Come possiamo ritrovare la pace del cuore e la gioia di vivere, anche se la vita ci maltratta e ci trascina su questi sentieri di guerra?

La ricerca della pace, una lotta con sé stessi

Le preoccupazioni della vita generano una serie di paure che ci disturbano e ci rendono aggressivi, anche ingiusti, violenti e distruggono, se ce n’era, ogni traccia di pace interiore. I maestri spirituali hanno mostrato diversi modi per accedere a uno stato d’animo che ci introduce a relazioni serene. Come ottenere questa pace? San Francesco di Sales ci invita all’umiltà, a confidare nella Provvidenza, ad evitare la fretta, ad ammettere i nostri difetti (a patto di combatterli, però!), ad accettare, senza esserne turbati, che non sempre riusciamo a mantenere la pace!

Sì, è un programma ambizioso! La vita spirituale è una lotta e, paradossalmente, lo è anche la ricerca della pace. Prima di tutto, è una lotta con sé stessi: per discernere ciò che mi agita (pensieri, emozioni, paure), per sentire anche le parti del mio corpo che sono tese e contratte: una volta identificati, questi stati d’animo potranno essere controllati. Sarà allora possibile uscire da questo tumulto interiore ed avere la mente lucida e i rapporti con gli altri e con il coniuge in particolare beneficeranno di questa ritrovata pace. “Che la Pace di Cristo regni nei vostri cuori” (Col 3, 15)!

 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni