Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 24 Settembre |
San Vincenzo Maria Strambi
home iconStile di vita
line break icon

Le vostre giornate sono vuote? Approfondite il rapporto con Dio

PONDER

Sophia Louise | Flickr CC BY-NC-ND 2.0

Edifa - pubblicato il 31/03/20

Ognuno di noi è chiamato ad una relazione personale e intima con Dio nel segreto del nostro cuore. Perché non approfittare della quarantena per approfondire questo rapporto?

di Christine Ponsard

Dio ama le persone una ad una, mai “in massa”. Ci riunisce in un unico popolo, ma questo popolo è fatto di persone uniche, con le quali vuole vivere una storia d’amore totalmente inedita, Dio non crea mai due esseri umani simili, e non ci ama mai con un amore standardizzato. Quando Gesù parlava alle folle tutti sentivano la stessa cosa, ma ognuno veniva toccato in modo personale; è lo stesso Vangelo che viene dato a tutti noi, ma ognuno lo riceve con le grazie che gli sono proprie, secondo una vocazione propria, che non riguarda gli altri ed è un segreto tra il Signore e lui.

Ognuno ha un rapporto speciale con Dio

Dio dà a ciascuno ciò che è buono per lui e per lui solo, a tempo debito. Durante tutta la nostra vita, ci rivela con pazienza e discernimento ciò che siamo capaci di comprendere. Ci fa avanzare al nostro ritmo, che non va paragonato a quello degli altri, ma non sta a noi misurare, ed ancor meno padroneggiare ciò che Dio realizza in noi. Molto spesso questo accade a nostra insaputa: mai senza di noi, mai a dispetto di noi, ma in un modo così discreto che ci sfugge. Così, quando preghiamo, la cosa più importante non è ciò che si vede dall’esterno, e nemmeno ciò che percepiamo dall’interno: la cosa più importante è l’opera silenziosa di Dio, “più intima a noi di noi stessi” (Sant’Agostino).

Dio non s’impone. Si rivolge sempre a noi con grande discrezione, per rispettare la nostra libertà, non cerca mai di intrappolarci, di forzarci la mano. “Ecco, Io sto alla porta e busso; se qualcuno sente la Mia voce e Mi apre la porta, entrerò, mi siederò con lui e ceneremo insieme” (1 Ap 3, 20-21). Se nessuno apre, Dio rimane alla porta: non ci obbliga mai ad accoglierLo. Nessuno può sapere se ho aperto la mia porta al Signore, né fino a che punto l’ho aperta, e non posso sapere se gli altri l’hanno aperta, anche quando questi altri mi sono molto vicini (marito, figli, amici).

Approfittare del silenzio per ascoltare meglio il Signore

Dio non fa rumore per non spaventarci. Non si nasconde, ma si fa piccolissimo, per non umiliare colui a cui si rivolge, per rivelarsi a noi Egli si fa uomo “mite e umile di cuore” (Mt 11, 29). La Sua parola non è fragorosa: è dolce “come una lieve brezza” (1 Re 19, 12). Dobbiamo quindi tacere per ascoltarLo, ritirarci nella “camera” del nostro cuore. “Voi, quando pregate, ritiratevi in fondo alla vostra casa, chiudete la porta e pregate il Padre vostro che è presente nel segreto” (Mt 6, 6).

Non ci ritiriamo “in fondo alla nostra casa ” per rimanere claustrati, chiusi in noi stessi, o rannicchiati in un comodo tête-à-tête con Dio. Entriamo in noi stessi per ricevere tutto ciò che poi ci permetterà di agire e di amare i nostri fratelli nel concreto della vita quotidiana.

La quarantena, giustamente, può essere un momento propizio per scoprire lo splendore del silenzio e per assaporare la gioia di un momento di solitudine, o per scoprire il piacere della lettura.

Coinvolgere i bambini

Questa educazione all’interiorità presuppone una grande discrezione da parte nostra. Se siamo genitori dobbiamo permettere a ciascuno dei nostri figli di sentire la chiamata di Dio e di rispondere ad essa, ma non dobbiamo sapere cosa vivono nel loro cuore a cuore con Dio anche quando sono piccoli. Non è necessariamente facile, perché dobbiamo essere attenti e disponibili per poterli aiutare quando e come ne hanno bisogno e, allo stesso tempo, rimanere rispettosamente sulla soglia del loro giardino segreto.

Tags:
diofede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Il Papa: il gender è una “ideologia diabolica”. Serve pastorale c...
3
MAN HOSPITALIZED,
Silvia Lucchetti
Colpito da ictus: la Madonna di Loreto mi ha salvato ed è venuta ...
4
FATIMA
Marta León
Entra nel Carmelo a 17 anni: “Mi getto tra le braccia di Dio”
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
BIBLE
Patty Knap
Se soffri d’ansia, devi conoscere il consiglio più ripetuto nella...
7
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L’Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Vangeli raccontano la v...
Vedi di più