Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santi Andrea Dung Lac e 116 compagni
home iconSpiritualità
line break icon

Quando la discrezione di San Giuseppe diventa il linguaggio dell'essenziale

© Philippe Lissac / Godong

Edifa - pubblicato il 21/03/20

Questo santo discreto ci insegna molto sullo stile di vita che dobbiamo condurre sulla terra per raggiungere la santità, ed è un esempio da seguire con determinazione.

di padre Nicolas Buttet

La Chiesa ha sempre riconosciuto in San Giuseppe il più grande santo della Chiesa dopo la Vergine Maria. Un Padre della Chiesa, San Gregorio Nazianzeno (IV secolo), scriveva: “Il Signore ha riunito in Giuseppe, come in un sole, tutto ciò che i santi hanno insieme di luce e di splendore”. Non è esagerato visto ciò che sappiamo di lui? Per rispondere a questa domanda, è necessario capire che non è tanto la sua biografia ad essere importante quanto il suo essere “teologico”, vale a dire la sua stessa esistenza in Dio. La sua discrezione diventa allora il linguaggio dell’essenziale.

San Giuseppe, maestro dell’ascolto di Dio

Ciò che è assolutamente disarmante è che il luogo della massima santità, Nazareth, è anche il luogo della massima discrezione. Una vita così semplice, quasi banale, una vita fatta di amore coniugale e di carità familiare, segnata dal lavoro, una vita intera rivolta a Dio attraverso la preghiera e l’osservanza delle prescrizioni religiose, segnata dall’obbedienza al dovere di stato nella monotonia della vita quotidiana! Non finiremo mai di meditare su questo rapporto contrastante tra tale santità eminente e la vita umile di ogni giorno.


SAINT JOSEPH

Leggi anche:
12 modi per onorare San Giuseppe nel mese di marzo

In questa scuola di Nazareth, San Giuseppe appare come il dottore del “silenzio”, è maestro in materia d’ascolto di Dio, vive pienamente lo “Shema Israel” (“Ascolta Israele”), pregandolo due volte al giorno. Il suo silenzio non è quindi mutismo, ma qualità d’ascolto! Giuseppe è allora pronto ad obbedire: mai prevenuto, ma sempre pronto! Questo è il segno convincente del Suo abbandono, confidente nella Divina Provvidenza: “Prese Sua moglie nella sua casa” (Mt 1, 24), andò a Betlemme (Lc 2, 4), prese la Madre e il Bambino e fuggì in Egitto (Mt 2, 13), dopo la morte di Erode tornò a Nazareth con la moglie e il Bambino (Mc 2, 19-23). Attraverso il Suo esempio di vita reale e ben “incarnata”, lo sposo di Maria, il padre di Gesù e l’artigiano del villaggio è diventato il testimone di una vita autenticamente mistica. Egli è “giusto” perché “è una persona che prega, che vive di fede e cerca di fare il bene in ogni circostanza concreta della vita”, diceva San Giovanni Paolo II.


SAINT JOSEPH

Leggi anche:
Perché le vittime della peste si consacravano a San Giuseppe

“Non immaginare la propria santità ma accoglierla, costruirla umilmente”

Ciò che non viene detto esplicitamente su Giuseppe, quegli anni di vita di amore e di lavoro, ci rimanda, per necessità, alla nostra vita quotidiana. È come se Dio ci dicesse attraverso Giuseppe: “Non cercate opportunità di santificazione in nessun altro luogo se non nella realtà della vostra vita, non fuggite fuori dalla vostra vita per trovare il Signore. Non immaginate la vostra santità: accoglietela, costruitela con umiltà ma con fermezza, nel corso di eventi che sono tante occasioni di obbedienza alla volontà del Padre che è nei cieli, tante occasioni per il dono generoso di voi stessi, tanti luoghi di incontro e di vita dell’Unico necessario: l’amore di Dio e del prossimo”.

Giuseppe, una santità senza parole, ma eloquente. Il Suo silenzio ci invita ad ascoltare il Verbo, il Verbo fatto carne che è al centro della Sua e della nostra vita.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più