Aleteia
domenica 25 Ottobre |
Santi Crispino e Crispiniano

Aborto spontaneo: dal lutto all'offerta

COUPLE,PREGNANT,ULTRASOUND

Shutterstock

Edifa - pubblicato il 16/03/20

Che sia nell’utero o al momento del parto, il dolore di perdere un bambino sembra insormontabile: le madri in lutto si sentono come se avessero perso una parte di sé stesse. Come ci si riprende dopo un aborto spontaneo? Le madri raccontano della loro lenta guarigione sotto lo sguardo di Dio.

di Firenze Brière-Loth

“Il cuore ha smesso di battere”, ha annunciato improvvisamente il ginecologo durante l’ecografia “l’embrione è probabilmente morto.” Venuta da sola dopo aver lasciato i suoi due figli maggiori a scuola, Virginia è scioccata, è al terzo mese e non riesce a crederci. “È stata una gravidanza molto facile”, dice. “Il mese prima avevo visto il bambino all’ecografia ed era vivo e vegeto e all’improvviso è crollato tutto. “Il medico le consigliò di sottoporsi ad un intervento chirurgico per rimuovere il bambino. Quando si è svegliata dopo l’operazione sono scorsi fiumi di lacrime: “Ho pianto per una settimana, non finiva più. Mio marito mi è stato vicino, mi ha parlato molto, lui stesso era terribilmente triste. Mi ci sono voluti mesi per poterne parlare senza piangere: qualcuno ci aveva lasciato”.

Sentimenti di inutilità, di rivolta, di rabbia e di aggressività nei confronti di coloro che le circondano, e il non voler vedere nessuno: tutte le donne che hanno vissuto questo dramma ammettono di aver sperimentato uno o più di questi sentimenti nel periodo successivo alla perdita del loro bambino. Per non parlare del pianto, della tendenza all’insonnia, dei disturbi dell’appetito e della intensa stanchezza cosicché, gradualmente, la depressione può insorgere.

Una sofferenza molto intensa

Sofia è al suo quinto aborto spontaneo e non ha ancora un figlio: “Non ho più speranze”. “Finché c’è una possibilità di gravidanza, nulla è senza speranza”, dice la ginecologa Dr. Florence Ballard. “Il caso deve essere seguito seriamente con test e cure, senza dimenticare il necessario supporto psicologico.” Già fisicamente, lo stato depressivo si spiega con il fatto che il corpo ha iniziato un processo di gravidanza che si è improvvisamente interrotto. “Anche se il fenomeno è spontaneo”, spiega la dottoressa Florence Allard, “c’è una discesa dei livelli ormonali, un processo metabolico e ormonale che indebolisce la donna.” Clara, che ha perso il suo quarto figlio a quattro mesi, ricorda: “È come un parto, ma senza il bambino, quindi è difficile accettare tutte le sofferenze.”

Per quanto riguarda il morale è molto basso, perché è come un progetto importante che improvvisamente crolla. “Sappiamo che è un bambino, ci si affeziona”, dice Natalia, che ha avuto un aborto spontaneo durante la sesta gravidanza. “Lo amavamo e in tre o quattro mesi di gravidanza, abbiamo avuto il tempo di pensare al futuro con un bambino in più e a dargli un posto in famiglia.” A ciò si aggiunge il senso di colpa. “Praticamente tutte le donne si sentono in colpa”, osserva la dottoressa Florence Allard. “C’è sempre qualcosa da rimproverarsi: avere accettato un sovraccarico di lavoro, un certo viaggio in macchina o uno stile di vita troppo frenetico. Valeria, che ha perso il suo terzo figlio quando era incinta di due mesi, confida: “Nei momenti di maggior depressione, ho immaginato che il Signore me lo avesse portato via perché non ero una buona madre di famiglia.”

Dare un nome all’afflizione

La dottoressa Florence Allard osserva che “ci vuole tempo per la ripresa psicologica. Molto spesso, una nuova gravidanza completerà il processo di guarigione, ma prima di pensarci è meglio aspettare tre o quattro mesi per sentirsi meglio. Non bisogna forzare, altrimenti, si corre il rischio di non essere guarite e proiettare sul prossimo figlio un’aspettativa delusa che lui dovrebbe colmare, un peso difficile da portare per un bambino.” Perché nonostante tutto, le donne a volte non possono fare a meno di essere preoccupate per la successiva gravidanza, avendo sperimentato nella loro carne la loro impotenza di fronte alla vita e alla morte. Come riuscire ad elaborare il lutto per questo bambino?

Sottolinea la dottoressa Florence Allard: “Il primo passo è aiutare le donne a riconoscere il loro dolore, se non prenderanno coscienza della loro ferita, la seppelliranno e non se ne libereranno mai”. Anche se chi le sta intorno continua a dire che non è grave, “non possiamo cancellare questo evento”, dice Marie, che ha perso il suo sesto figlio pochi giorni prima del parto. “Anche se la nostra testa dice che non è grave, il nostro cuore e il nostro corpo gridano il contrario.” Per fare questo, dobbiamo essere in grado di parlare e di essere ascoltate. Tutte le donne testimoniano l’importanza di aver potuto esprimere la propria tristezza a qualcuno attento a questa realtà. “Come un ascesso che non viene purgato cosi non si può conservare il proprio dolore”, dice Virginia. Il più delle volte il marito è nella posizione migliore per svolgere questo ruolo di accompagnamento. Il marito di Carolina si è preso due giorni di permesso per stare con lei: “Ha capito che per me era importante, ed anche lui l’ha vissuta come una sofferenza”.

Alcuni riti possono anche aiutare a riappacificarsi. È possibile dare un nome al bambino che abbiamo perso, permette di personalizzarlo e di collocarlo in relazione al successivo, che non deve essere il sostituto. Anche dei riti tradizionali, come organizzare una cerimonia, facilitano l’elaborazione del lutto.

Appoggiarsi alla fede per poter andare avanti

In questi casi il valore dell’aiuto spirituale è immenso. Virginia, preoccupata per la sorte di suo figlio, è stata consolata dalle parole di un sacerdote: “Questo è il figlio più riuscito, ora si prende cura della sua famiglia, potete pregarlo come protettore dei suoi fratelli e delle sue sorelle e sarà il primo ad accogliervi in Paradiso”. Alcune suore carmelitane hanno inviato a Valeria un’immagine della Vergine che porta nel suo velo un bambino piccolissimo in cielo: “Quando l’ho ricevuta, ho avuto davvero l’impressione che la Vergine fosse lì. Avevo la certezza che stava proteggendo il mio bambino e che stava bene.” Come confida Valeria, molte famiglie pregano anche il piccolo scomparso. “Lo abbiamo integrato nella preghiera in famiglia con i figli”.

Per non ripiegarsi su questa morte, è importante affidare il bambino a Dio. Ricorda Maria: “Quando la nostra bambina è morta, abbiamo capito che dovevamo offrirla a Dio, altrimenti saremmo rimasti nella ribellione. Gli abbiamo dato un nome, abbiamo fatto un atto di fede e chiesto alla Madonna di aiutarci ad accettare questa morte, che è un dire sì alla vita, e rimettersi in marcia. È la grazia dell’abbandono.”

A poco a poco, alcune donne scoprono il significato di questa prova, o almeno i suoi frutti. “Questo lutto mi ha aperto il cuore, mi sento più vicina a coloro che soffrono, non parlerò più con loro allo stesso modo”, osserva Valeria. La stessa constatazione di Maria: “Ho capito che la vita è fatta di poche cose ed è un dono che non va sprecato. Questa morte mi aveva aperto il cuore all’essenziale.” Alcune si rendono conto che possono offrire questa prova agli altri e che in questo modo la loro sofferenza sarà fruttuosa. Natalia ha perso il suo bambino il giorno della festa di Nostra Signora di Lourdes, ha sentito di dover offrire il suo dolore per i malati. Quanto a Maria, l’ha offerto per una coppia sterile e confida: “Hanno avuto figli uno in fila all’altro!”.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
aborto
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più