Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 10 Aprile |
Sabato dell'Ottava di Pasqua
home iconStile di vita
line break icon

E se una lettera potesse aiutarvi a perdonare gli altri?

Rawpixel.com - Shutterstock

Edifa - pubblicato il 03/03/20

Perdonare qualcuno che vi ha fatto molto male vi sembra impossibile? Questo metodo vi aiuterà a fare un passo verso chi vi ha ferito profondamente

di Yves Boulvin*

“Non posso perdonarlo”, “Non lo accetterò mai!” Certi avvenimenti o persone che ci hanno feriti e a cui pensiamo costantemente, a volte proprio non ci vanno giù. Per quanto siano ingiuste, potrebbero comunque aiutarci a cambiare, dobbiamo solo trarne una lezione positiva mentre rifiutandoli blocchiamo noi stessi e ostacoliamo l’azione di Dio. Ci chiudono e ci ingabbiano, impedendoci di evolvere. Come possiamo liberarci da tutti questi rancori che ci opprimono, per poter vivere il presente e sentirci più liberi?

Riscoprire la gioia d’amare scrivendo delle lettere
Alcuni terapeuti propongono ai loro pazienti di scrivere una lettera nella quale possono sfogarsi ed esprimere oltremodo tutti i rimproveri che potrebbero fare ai loro genitori, parenti, capo… insomma, tutti quelli che li hanno feriti. Provate questo metodo, ma attenzione, non inviate la vostra lettera! È una “lettera spazzatura” che esprime i sentimenti contraddittori che si provano. Giorno dopo giorno, completate la vostra lettera fino a quando non vi sentirete sollevati. “Ecco, è uscito fuori tutto!”. Potete leggerla a qualcuno vicino a voi, nel quale avete piena fiducia, per assicurarvi che la “pulizia” sia fatta. Ma non restate su quelle note negative! Scrivete questa volta una seconda lettera piena d’amore, positiva, e in essa potete esprimere la vostra gratitudine per tutto ciò che queste stesse persone vi hanno dato. Portate alla memoria i bei ricordi, cercate di capire le loro difficoltà, finché non ne proviate compassione. Ogni giorno scrivete questa lettera per completarla fino a quando vi sentirete in pace e pervasi dal perdono di Dio. Questi due passaggi sono spesso necessari affinché il passato non vi appesantisca più e perché impariate a discernere. Con questo metodo, ne uscirete più forti, più amorevoli e soprattutto più positivi!

——
*Yves Boulvin è Formatore in relazioni umane, psicologo e consulente

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
girl stop in the street
Claudio De Castro
“Vieni a trovarmi”, insisteva Gesù dal tabernacolo
2
Gelsomino Del Guercio
Le assurde messe in prigione del cardinale Simoni: pensavano foss...
3
POGRZEB Z URNĄ
Toscana Oggi
Conservare le ceneri dei defunti in casa, ecco perché la Chiesa d...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Gelsomino Del Guercio
Le stigmate di Domenica Galeano, la veggente di Briatico, sono ve...
6
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
7
christian couple
Orfa Astorga
Coppia e religione: quando la “mescolanza” non è sana
Vedi di più