Aleteia
martedì 20 Ottobre |
San Paolo della Croce

Gravidanza: nove mesi per svegliare l'anima del vostro bambino a Dio

PREGNANT,WOMAN

GettyImages

Edifa - pubblicato il 03/03/20

Spesso ricordiamo che l’accompagnamento alla fede dei piccoli è come la semina del grano nei loro cuori. Ma possiamo affermarlo anche per coloro che non sono ancora nati, mentre si sviluppano lentamente il loro corpo e il loro cuore, e perché no, anche la loro anima ?

di Fiorenza Brière-Loth

Il feto, fragile e minuscolo, suscita interesse: scienziati, ostetrici e psicologi hanno da tempo dimostrato che non si tratta di un’escrescenza del corpo della madre, ma di un essere i cui cromosomi portano l’impronta di un individuo distinto. La sensibilità del feto, la sua memoria, il suo sistema nervoso… tutto questo esiste e funziona allo stato puro. È altro dalla madre, ma totalmente dipendente da lei, dalle sue impressioni migliori e anche dalle peggiori, dalle sue emozioni, dalle sue angosce e dalle sue gioie. Quindi l’interazione tra madre e figlio è evidente a tutti i livelli, anche a quello spirituale.

Quando la preghiera porta calma e serenità

“Durante la gravidanza, madre e figlio sono come un anima sola per nove mesi” dicono i Padri della Chiesa. È un momento privilegiato per coltivare il terreno dell’anima del nascituro alla venuta della Vita Divina in lui per mezzo del battesimo. La madre deve essere consapevole di questa presenza spirituale dentro di sé. Prendiamo il caso di Edvige, una giovane madre di tre figli e incinta, che ringrazia spesso Dio per il suo bambino e Glielo presenta. “Il bambino ha un’anima ed è ricettivo al mio stato interiore”, dice. Quale maggiore armonia psichica può portare al bambino se non la serenità data dalla preghiera? Da qui la necessità per la madre di stare in silenzio durante la gravidanza, e di cercare il più possibile dei momenti d’interiorità. La Vergine Maria, Colei che nella contemplazione ha portato Gesù nel Suo grembo, può essere l’esempio da seguire. La gravidanza deve quindi essere vissuta come l’Avvento : un tempo di gioia e di silenzio.

Il canto degli inni, una grazia per il bambino

Nel cuore di una giovane madre ci deve essere questa gioia profonda, perché la vita si trasmette nella gioia, perché la gioia implica la realizzazione ed è molto importante che questa gioia sia condivisa dalla madre e dal padre. Anche questo avvenimento deve realizzarsi in una grande preghiera. Maud, madre di due figli, ha sempre pregato molto durante le sue gravidanze, soprattutto indirizzandosi alla Vergine Maria, chiedendoLe di guidarla in questo periodo della sua vita. “Intuitivamente, preghiamo di più quando siamo incinte, perché poi ci ritroviamo immerse nel mistero della vita”, spiega. Bisogna svegliare l’anima di un bambino attraverso la preghiera, ma anche attraverso la musica. Quest’ultima forma l’equilibrio del bambino nel momento in cui si sviluppa l’orecchio interno, intorno al sesto mese di gravidanza. Durante la gravidanza, Maud ascoltava molto la musica classica, soprattutto il canti gregoriani, dei quali il ritmo molto lento assomiglia a quello del cuore del bambino. Al momento della preghiera, la giovane donna cantava degli inni con il marito, alcuni dei quali sono stati riconosciuti dalle figlie dopo la nascita. Anche se il bambino non coglie il significato di questi canti, la pace e la grazia che emanano da essi si imprimono in lui.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
diofedegravidanza
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Religión en Libertad
Lo jihadista non è riuscito a decapitarmi: “C...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Vedi di più