Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 30 Gennaio |
Santa Giacinta Marescotti
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

10 sentieri da esplorare per mettersi alla presenza di Dio

KOBIETA W ŚWIETLE

Evgenij Yulkin/Stocksy United

Edifa - pubblicato il 01/03/20

Ci sono diversi modi di pregare eppure molti cristiani incontrano delle difficoltà nella loro vita di preghiera. E se non fosse così difficile come pensiamo? Scoprite 10 semplici modi per pregare e mettersi alla presenza di Dio in ogni circostanza.

di Jacques Gauthier

Si impara a pregare pregando. La preghiera nasce non appena ne abbiamo il desiderio e iniziamo a pregare, è un’esperienza di fede e di amore che si vive nel profondo del cuore, molto discretamente, bussa alla porta per accompagnarci ovunque; l’unica cosa da fare è aprire. È un dono di Dio che si accoglie nella fede mettendosi a disposizione, ovunque ci troviamo. Ma allora come si prega? Molto semplicemente, pregando. Elisabetta della Trinità scriveva: “Lui è in me, io sono in Lui, devo solo amarLo, lasciarmi amare, e questo in ogni momento ed in tutte le cose”. I primi cinque percorsi di preghiera sono: pregate come siete, come vivete, come credete, come amate e come parlate ad un amico. I cinque successivi sono supporti per la preghiera: pregate con il vostro desiderio, il vostro corpo, la Bibbia, la liturgia e il silenzio.

1Pregate come siete

web3-woman-shy-shame-smile-sun-ok-shutterstock
sun ok/Shutterstock

Il miglior modo di pregare è il proprio, ma va scoperto. La tecnica migliore, se c’è, è quella che vi aiuterà a liberare la preghiera che è dentro di voi. Avete una modalità di preghiera che vi appartiene e che è in sintonia con il vostro temperamento, con il vostro stato di vita, non dovete copiare la preghiera degli altri. Inoltre la preghiera cambia a seconda dei giorni, può essere di richiesta o di lode, di supplica o di ringraziamento, vocale o silenziosa, non importa, si prega a partire da chi siete, con l’età che avete, con le vostre gioie e i dolori, con la vostra storia ed esperienza di vita. Voi pregate partendo da un’immagine di Dio che è la vostra e che può cambiare man mano che crescete nella fede. Presentatevi davanti a Dio sapendo che Lui vi ama così come siete. Siate voi stessi! Non è questo il più grande dono che si può fare a Dio? Accettandovi ed amandovi così come siete, accettate ed amate Dio come un Padre pieno di misericordia.

2Pregate come vivete

WOMAN,WORKING
Shutterstock

La preghiera non cammina accanto alla vita, è nella vita, e poiché la vita non è perfetta, nemmeno la preghiera lo è. Se aspettate le condizioni ideali per pregare, non pregherete mai. La più bella preghiera è quella che vivete oggi, nelle situazioni più diverse, a volte angoscianti: non passare un esame, mancare l’uscita in autostrada, perdere le chiavi, essere molto stressati, vivere una prova, assistere un bambino malato…La preghiera si adatta alle circostanze della vostra vita, sia che vi troviate su un banco di scuola o al lavoro, a casa o in un letto d’ospedale, sulla strada o sul treno, sdraiati o all’aria aperta, felici o tristi, insonni o lavorando di notte, è là dove pregate. Invisibile agli altri, prende ciò che è la vostra vita e la esprime al Signore sotto forma di richieste e di lode.

3Pregate come credete

smiling girl portrait
By Milos Nakovic/Shutterstock

Si prega nel modo in cui si crede: ditemi come pregate e vi dirò qual è la vostra fede! La preghiera inizia con un atto di fede, è come una freccia lanciata in cielo, più la vostra fede è viva, più vola in alto. Ma non tutti credono in Dio né Lo pregano nello stesso modo; se Dio è al centro della vostra vita, lo sarà anche la vostra preghiera. Pertanto, la vostra idea di preghiera è subordinata alla vostra immagine di Dio, se è un essere lontano e minaccioso, la preghiera sarà fredda e timorosa. Inoltre, non si prega a lungo un Dio che ci sembra indifferente a ciò che si sta vivendo, questa immagine di un Dio impassibile è agli antipodi dei grandi testi biblici dell’Antico e del Nuovo Testamento, dove Dio si presenta come un innamorato che sposa la Sua creatura. “Io ti farò Mia sposa per sempre, ti farò Mia sposa in rettitudine e giustizia, in fedeltà e tenerezza; ti farò Mia sposa in fedeltà e tu conoscerai il Signore” (Os 2, 21-22).

4Pregate come amate

LOVE
Shutterstock | Dragon Images

Voi pregate perché siete amati da Dio e Gli rispondete con amore. La preghiera è un dialogo segreto e pieno d’amore che appartiene solo a voi e a Dio. Egli vi offre la Sua presenza senza che nulla interferisca, nemmeno le vostre debolezze che sono un’opportunità per sperimentare la Sua infinita misericordia. Non pregherete sempre allo stesso modo, ma pregherete sempre come amate, pregare è stare alla presenza di Dio, pensando a Lui con amore. Il beato Charles de Foucauld diceva spesso che più si ama, meglio si prega.

Ad un certo momento nella preghiera si sente come se l’amore di Dio mancasse, ma questo non significa che Dio sia assente, in realtà Egli ci guida nell’aridità per farci crescere in modo più sicuro nell’amore disinteressato. Santa Teresina di Lisieux ne è un esempio eloquente : mentre era a letto nell’infermeria del Carmelo e non riusciva a dormire, pregava. Suor Genoveffa le chiese cosa dicesse a Gesù e lei rispose: “Non Gli dico niente, Lo amo”.

5Pregate come se parlaste ad un amico

girl authentic smile
By Bricolage/Shutterstock

Pregare è intrattenersi con Dio, con Cristo, in amicizia. Nulla vi impedisce, in questo momento per esempio, di chiudere gli occhi e di dire con le vostre parole che credete in Dio: “Signore, io credo in Te, insegnami a pregare e ad amarTi. Tu mi conosci e mi ami così come sono. Ti offro me stesso così come sono e i miei cari. Manda il Tuo Santo Spirito, perché dia vita alla mia vita, Ti lodo per quello che sei e per quello che sono. Grazie per il Tuo infinito amore”. È semplice! Tenetevi alla Sua presenza, come tra amici, basta parlare con Lui semplicemente ed ascoltarLo, diteGli cosa state vivendo o guardateLo in silenzio nella fede. La preghiera non è forse ascoltare Dio che parla attraverso le vostre parole e i vostri silenzi tanto quanto attraverso la Sua parola e il Suo silenzio? Sapendo che siete ascoltati da Dio, ritroverete il filo conduttore che collega la vostra vita alla Sua.

6Pregate con il vostro desiderio

Young girl praying at home
Marie ACCOMIATO/CIRIC

“Il tuo desiderio è la tua preghiera”, diceva sant’Agostino. Voi pregate presentando a Dio non solo ciò che siete, ma anche ciò che desiderate essere, vi aprite al desiderio di Dio essendo presenti alla Sua presenza con tutto il vostro desiderio. La preghiera non la recitate solo con le labbra, sia che ripetiate interiormente una preghiera che avete imparato o che preghiate spontaneamente, ciò che Dio sta guardando è il desiderio e l’amore che mettete nella vostra preghiera. Se non riuscite a raccogliervi, vi sentite come se pregaste a vuoto, se il vostro spirito si distrae in continuazione, aiutatevi con un’immagine o un’icona, un versetto biblico o un brano musicale, o ripetendo interiormente il nome di Gesù. Ma sapete che invece di cercare di allontanare le distrazioni continuamente potete pregare partendo da esse? Sta a voi vedere cosa vi aiuta nella preghiera e qual è il vostro desiderio. Forse volete fare più del necessario, o forse vedete Dio come una persona complicata che bisogna impressionare, soddisfare e adulare? Sappiate che la preghiera è come Dio, è così semplice, è uno sguardo d’amore ed il desiderio di stare con Lui, un dolce sospiro nel silenzio tranquillo, ed è fondamentalmente riposo, grazia, dono.

7Pregate con il vostro corpo

prayING
Andrew Angelov | Shutterstock

Il vostro corpo può essere un alleato che esprime e aiuta la preghiera. Nutritevi correttamente e riposatevi il necessario, pregare significa anche sapersi fermare. Si prega meglio stando seduti fermi e in posizione eretta con la spina dorsale dritta: una buona postura seduta aiuta lo spirito a raccogliersi in se stesso e ad essere attento alla presenza di Dio. Se, nelle grandi tradizioni, la posizione seduta esprime soprattutto attesa, ascolto e meditazione, la posizione inginocchiata esprime supplica, pentimento e adorazione. C’è anche la posizione delle mani, unite o sollevate e la postura in piedi. Per il cristiano, la posizione eretta significa che è già risorto in Cristo. Sta a voi, quindi, nella preghiera trovare la postura che vi si addice e se vi addormentate pregando, non scandalizzatevi: “Dio colma il Suo amato quando dorme” (Sal 126, 2).

8Pregate con la Bibbia

Woman Praying rosary
By LightField Studios | Shutterstock
“Abitualmente ci si aiuta con qualche libro, e ai cristiani non mancano: la Sacra Scrittura, particolarmente il Vangelo...” (CCC, n. 2705)

Il cristiano non prega nel vuoto, risponde alla Parola di Dio che legge e ascolta, medita e contempla, individualmente o in gruppo. La tradizione cristiana parla di quattro esercizi spirituali che sono altrettanti gradi di preghiera: lettura spirituale, meditazione, preghiera, contemplazione. Cerchiamo leggendo e troviamo meditando, si bussa pregando e si entra contemplando. Il metodo è semplice: raccoglietevi per qualche minuto e poi leggete un versetto o una scena del Vangelo, leggete lentamente nel vostro cuore come per “masticare” il testo, meditate e gustate ciò che leggete. Non è più la vostra attività, ma quella di Dio, che può manifestarsi in un silenzio pacifico che pervade tutto. Ciò accade piuttosto raramente, perché la nostra preghiera il più delle volte vola basso, ma la preghiera contemplativa, che è un’attenzione amorosa a Dio, non è solo per i monaci e le monache poiché Dio dona liberamente.

9Pregate con la liturgia

KOBIETA W KOŚCIELE
Rawpixel.com | Shutterstock

C’è chi pensa: “Io prego in casa, non devo per forza andare in chiesa”, essendo il cuore il santuario della preghiera, è vero che non è obbligatorio andare in chiesa per pregare. Lo starets (maestro spirituale carismatico) Silouane (santo monaco ortodosso del Monte Athos) scriveva che per chi prega, il mondo intero diventa Chiesa. Ma il Signore ci dà anche la possibilità di incontrarLo nella celebrazione liturgica. La liturgia e la preghiera personale non si oppongono, ma si completano come il lievito nella pasta, la liturgia e i sacramenti sono sempre stati considerati come i luoghi privilegiati dell’incontro con Cristo Risorto. Perché quindi non andare ad attingere a quella fonte che apre la vostra preghiera agli altri, dandogli delle parole che nutrono l’interiorità? Si passa dall'”io” che prega al “noi” della Chiesa orante: “Preghiamo il Signore”. La liturgia è l’evento che ci aiuta ad essere preghiera. Attraverso i suoi riti, parole, gesti, canti, musiche, la liturgia insegna a pregare proponendo un’esperienza: l’incontro con il Risorto che conduce al Padre donando lo Spirito. Altre forme di preghiera comunitaria possono nutrire la preghiera personale: la celebrazione della Parola, la preghiera carismatica, il pellegrinaggio, le benedizioni quotidiane, il rosario, la Liturgia delle Ore o Ufficio Divino, che si trova nel l’Ufficio delle Letture del Tempo Presente.

10Pregate con il silenzio

woman-praying-at-the-office.jpg
Stockfour / Shuttersock

Essendo Dio la Parola, noi tacciamo, ma il silenzio di cui parliamo è prima di tutto interiore per poi essere esteriore. Quindi non è tanto un’assenza di parole, ma piuttosto una presenza amorevole al Mistero, una comunione a ciò che c’è di più sacro e di più profondo in noi. Da una parte si può gustare questo silenzio anche in mezzo alla metropolitana nell’ora di punta, dall’altra essere invasi da rumori interiori pur essendo in un monastero lontano dal mondo. La Beata Maria dell’Incarnazione, mistica canadese, diceva che “il silenzio è un linguaggio sacro nel quale assaporiamo l’amore”. Il silenzio è per la preghiera ciò che l’acqua è per i pesci: lo spazio vitale. Essa sveglia il cuore e lo porta alla presenza del mistero di Dio, è un silenzio fatto di attesa, una semplice attenzione alla Sua Presenza, un risveglio a Dio. Potete desiderarlo, accoglierlo e coltivarlo, questo silenzio abitato da Dio si vive soprattutto nella preghiera interiore e contemplativa. L’obiettivo è sempre lo stesso: l’unione con Dio presente al centro dell’anima. “Tu invece, quando preghi, entra nella tua camera e, chiusa la porta, prega il Padre tuo nel segreto; e il Padre tuo, che vede nel segreto, ti ricompenserà.” (Matteo 6, 6).

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più