Aleteia
mercoledì 21 Ottobre |
San Gaspare del Bufalo

Coppia: lavoro, bambini, uscite, catechismo... Quali sono le priorità?

Work, Family, Parents, Child, Outside

© bernd.neeser

Edifa - pubblicato il 28/02/20

Lavoro, tempo libero, impegni comunitari o parrocchiali...tante buone ragioni che possono portare la coppia fuori di casa. Se la vita sociale può cementare la coppia, può anche portarla ad abbandonare i figli e la propria vita amorosa. Allora come dobbiamo comportarci?

di Firenze Brière-Loth

Ci sono molte ragioni per essere attivi fuori casa, e spesso sono legittime. Pierre e Caroline hanno cinque figli e sono molto impegnati nella loro parrocchia: “Abbiamo ricevuto tanto, e ci sembra naturale restituire”, dice Pietro. Le parole di San Paolo ci esortano: “Guai a me se non predico il Vangelo”. (1 Cor 9, 16)”. Elena, che ha tre figli adolescenti, è un punto di riferimento nel suo quartiere. C’è una persona malata? Si precipita a fargli visita. Gli amici partono per il fine settimana? Si offre per curare i figli piccoli. “Non si può mai essere abbastanza utili agli altri”, dice. Per quanto riguarda Anna e Marco, genitori di tre bambini tra i 10 e i 19 anni, fanno volontariato in un rifugio per i senzatetto. “Non possiamo dormire tranquilli quando gli altri non hanno niente e vivono fuori sulla strada”, spiega Anna. Un’altra attività che richiede tempo è uscire con gli amici. Sofia lavora da casa ed ha un marito che è spesso assente per motivi professionali. “Sono io il pilastro della famiglia, porto tutto sulle mie spalle e se voglio mantenere il mio equilibrio, devo ricaricare le batterie con le mie amiche, questo poi mi permette di donarmi in modo più sereno”. Se una vita sociale gratificante può essere un vero cemento per la coppia, dobbiamo però fare attenzione ad analizzare per bene le ragioni che ci spingono verso esterno.

Non fuggire dalle altre responsabilità

Sophie Passot, consulente matrimoniale e familiare, mette in guardia da alcune insidie che si nascondono nel tempo passato lontano da casa: “Incontro spesso coppie il cui eccessivo attivismo nasconde una fuga”: fuggire da se stessi per non vedere il proprio vuoto interiore, fuga dall’intimità coniugale perché povera o perché ci spaventa, fuga dalla sfera familiare, che è socialmente meno gratificante del lavoro. Una persona dedita alla sua parrocchia o ad un’associazione può talvolta camuffare un perfetto egoista che si sottrae ai compiti fastidiosi della vita familiare e alle grida dei bambini. Un giovane sacerdote ha detto ai suoi parrocchiani:”Preferirei che un laico prenda seriamente un impegno solo piuttosto che si impegni in tutto, è una questione di equilibrio. Spesso consiglio ad alcuni di fare di meno e di occuparsi di più della loro famiglia”.

Ma cosa ci deve mettere in allerta? I segnali sono diversi. Raffaele ha ridotto di molto le sue uscite quando i suoi figli sono cresciuti: “Quando erano piccoli, li mettevamo a letto alle 20.30 e uscivamo facilmente. Ma, in seguito, la necessità della nostra presenza si è fatta sentire: quando era il momento di uscire, aumentava l’eccitazione, uno aveva bisogno di ripetere per l’interrogazione, l’altro di parlarci di un argomento molto importante, così abbiamo cancellato quasi tutti i nostri impegni”. E’ importante perché le opportunità di discussioni approfondite con un adolescente devono essere colte al volo, potrebbe non esserci una seconda occasione, sta aspettando delle risposte e sarebbe un peccato se si sentisse trascurato. Timoteo ed Evelina, che si erano impegnati ad accogliere nelle loro case giovani in difficoltà, si erano allarmati per il disagio di uno dei loro figli. “Non sopportava più di dover condividere quotidianamente i suoi genitori con degli estranei. La sua depressione, all’età di 13 anni, è stata “il semaforo rosso”, dice Evelina. “Ci eravamo sempre detti che i nostri figli erano la priorità, e abbiamo deciso di organizzare la nostra attività diversamente, anche se gli altri nostri tre figli vivevano bene questa situazione”. La stanchezza può anche dirci che stiamo abusando delle nostre forze. Luigi, un giovane padre di tre figli, che si è gettato a capofitto nel suo lavoro e nei suoi impegni, ha ricevuto alcuni avvertimenti: “Ho iniziato con i ritardi, poi con delle dimenticanze, delle cose non fatte, ed infine, ho avuto due incidenti a poche settimane di distanza l’uno dall’altro. Erano tutti segnali per indicarmi che stavo facendo troppo.”

Porsi le giuste domande e gestire le priorità

Se i nostri impegni si scontrano con delle difficoltà, attenzione alla tentazione di dare troppo presto la colpa a possibili attacchi del Nemico! Per discernere la causa, ognuno può già iniziare con un esame di coscienza e chiedersi se è sicuro di essere veramente al posto giusto. Preparativi ai battesimi o ai matrimoni, servire i senzatetto, guidare gruppi di scout, e da qui a fine anno non abbiamo tempo per rilassarci o cenare con la moglie! Siamo in forma, in pace, sereni? O, al contrario, un apostolo un po’ troppo agitato e nervoso? Seconda domanda da porsi: qual è la mia priorità? A Carolina e Pietro, oltre agli altri loro impegni, è stato offerto di occuparsi dei preparativi dei matrimoni in parrocchia ed hanno rifiutato pensando: “Finché i nostri figli sono a casa, la nostra priorità è stare con loro”.

Di fronte a un impegno, è bene pregare per sapere se la chiamata è veramente di Dio. Evelina parla della sua esperienza: “Siamo sempre sulla cresta dell’onda, chiedendo allo Spirito Santo se le nostre scelte devono essere riviste e se facciamo la volontà del Padre non dando nulla per scontato. La risposta ci arriva quando ci ascoltiamo l’un l’altro e quando ascoltiamo i nostri figli”. Con poco tempo a disposizione, abbiamo una ragione in più per scegliere di dare priorità a ciò che nutre la coppia e la famiglia. “Quando abbiamo interrotto la nostra attività, spiega Raphaëlle, ne abbiamo tenuta una sola, l’adorazione, perché è lì che la nostra coppia si ricarica veramente”. Per Marion, il cui marito è un non credente, la produttività della coppia è vissuta a due. Fino ad ora, aveva molti impegni dettati dalla sua fede e ha rinunciato ad alcuni per poterne prendere altri con suo marito: “Questo ora è il mio criterio.”.

Anche le opinioni dei figli contano

Alcuni, prima di impegnarsi in qualche cosa, chiedono il parere dei figli. “Non dobbiamo imporgli delle scelte che possono danneggiare la vita familiare”, dice Vianney. Anche se il lavoro la impegna spesso durante il fine settimana, Raffaella è molto chiara: “I bambini sanno che ogni anno facciamo di nuovo insieme il punto della situazione, e che mi fermerei se trovassero tutto troppo gravoso”. Altri ricercano delle attività per la famiglia: passeggiate, sport, danza…Evelina conclude: “Attenzione: non ci sono regole generali per l’organizzazione familiare, il tempo dedicato agli impegni varia molto da una coppia all’altra. Ognuno di loro è un universo, un mondo a sé stante, e si avrà a cuore soprattutto di adattarsi alla Volontà di Dio”.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
DISNEY, CARTOONS
Annalisa Teggi
Arriva il bollino rosso per Dumbo, gli Aristo...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più