Aleteia
lunedì 19 Ottobre |
San Paolo della Croce

Pensate di essere dei cattivi genitori? Leggete questo articolo

Parents, Home, Daughter

© fizkes

Edifa - pubblicato il 27/02/20

Nessuno vorrebbe essere una cattiva madre o un cattivo padre, ma non cerchiamo di essere genitori perfetti a tutti i costi!

di Christine Ponsard

Tutti noi vorremo essere eccellenti genitori, per fortuna! Dimostra che vogliamo dare il meglio ai nostri figli. Ma in realtà siamo solo genitori peccatori, limitati e imperfetti. A volte commettiamo degli errori, di solito c’è una grande differenza tra ciò che vorremmo essere e ciò che siamo veramente. Di conseguenza, poiché non siamo genitori perfetti, siamo tentati di apparire irreprensibili, anche se ciò significa mascherare o negare le nostre inadeguatezze per dare un’immagine impeccabile di noi stessi e della nostra famiglia. Gesù ci chiede di cercare la perfezione: “Siate dunque perfetti, come è perfetto il Padre vostro che è nei Cieli.”. (Matteo 5, 48). Ma questa non è una perfezione esteriore, e nemmeno una perfezione morale, acquisita con i propri sforzi. Dobbiamo essere perfetti “come” il Padre, cioè “alla maniera” del Padre.

Cercare di essere dei buoni genitori, ma non in un modo qualsiasi

La perfezione di cui parliamo qui è quella della misericordia. Consiste nell’amare senza misura, anche i nostri nemici, con un cuore infinitamente misericordioso. Questo presuppone che si inizi ad accogliere la misericordia per noi stessi. Gesù non ci chiede di essere persone giuste che non hanno bisogno di misericordia, ma peccatori che accettano di lasciarsi guarire e salvare.

Gesù è venuto per i “cattivi genitori”, non per i genitori irreprensibili che schiacciano chi gli sta intorno sotto il peso della loro virtù, cosa che tutti noi potremmo essere tentati di fare in un momento o nell’altro! Per esempio, c’è un modo sottile, ma potente per far sentire ai nostri cari, specialmente i nostri mariti e le nostre mogli, che siamo persone meravigliose, devote e buone che sopportano pazientemente i loro tanti difetti! I genitori esemplari sono stancanti e scoraggianti per tutti. Ma non dovremmo sforzarci di essere dei buoni genitori? Certo che dovremmo! Ma non in qualsiasi modo o a qualsiasi condizione : l’obiettivo della nostra vita non è vincere il premio per l’eccellenza! L’obiettivo è quello di abbracciare pienamente la salvezza di Dio, e per farlo, dobbiamo riconoscere il nostro peccato, ammettere che abbiamo bisogno di essere salvati e rallegrarcene!

Se ci sforziamo di essere genitori perfetti per essere al di sopra di ogni rimprovero, per dimostrare agli altri e a noi stessi che conduciamo bene la nostra vita, rischiamo di chiuderci alla misericordia, e così ci manca la gioia della salvezza. Possiamo moltiplicare le nostre buone azioni, ma rimarremo lontani da Dio, come i farisei del Vangelo ai quali Gesù rimproverava la loro durezza di cuore.

I genitori migliori sono quelli che ripongono la loro fiducia in Dio

Rallegriamoci di essere “cattive madri” o “cattivi padri”, cioè genitori che hanno bisogno di misericordia: quella di Dio e quella dei fratelli. Questo non significa che dobbiamo accontentarci della nostra mediocrità, al contrario. Se entriamo veramente in una logica di misericordia, vorremo essere migliori ogni giorno, non per brillare e dare una buona immagine di noi stessi, ma semplicemente per amore. Se ci affidiamo alla misericordia, non vorremo più nascondere le nostre mancanze per apparire impeccabili, ma accetteremo pacificamente di riconoscerle e di chiedere perdono: a Dio, al nostro coniuge e, talvolta, anche ai nostri figli. I genitori migliori sono quelli che, camminando sulle orme di Cristo, sanno di essere peccatori e si rallegrano di ricevere misericordia per tutto. Sono quelli che, senza battere ciglio, non cercano di mantenere le apparenze, e non si preoccupano di “quello che dicono”. Quelli che non si preoccupano che gli altri conoscano le loro cadute, perché ripongono tutta la loro fiducia in Colui che è venuto a cercare e salvare “le madri ed i padri indegni” (Lc 19,10).

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
educazione
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
EUCHARIST
Philip Kosloski
Questa Ostia eucaristica è stata filmata ment...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Domitille Farret d'Astiès
10 perle spirituali di Carlo Acutis
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di D...
RACHELE SAGRAMOSO,
Silvia Lucchetti
Rachele, da adolescente tormentata a mamma di...
PADRE PIO
Philip Kosloski
Quando Padre Pio pregava per qualcuno recitav...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più