Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 30 Ottobre |
San Marciano di Siracusa

I nonni hanno voce in capitolo nell'educazione dei nipoti?

Daughter, Mother, Grandmother

© Syda Productions

Edifa - pubblicato il 28/01/20

I nonni hanno spesso un ruolo importante nella vita dei loro nipoti. Ma quale dovrebbe essere esattamente il loro ruolo? Devono dare consigli educativi ai figli o semplicemente occuparsi dei nipoti senza dire nulla?

di Denis Sonet

Per i nipoti vedere regolarmente i nonni è una fortuna! Troppi nonni non hanno questa felicità, sia perché abitano lontani, sia per il deliberato rifiuto dei genitori che non si rendono conto di quanto sia doloroso per loro essere privati delle visite ai loro nipoti. Ma l’altra faccia della medaglia è che i nonni percepiscono i problemi che possono sorgere nella coppia di genitori, così come la sofferenza nascosta o espressa dai nipoti. Allora, come non far notare che non condividono la loro educazione o, ancor più, che non sono stati trasmessi i valori essenziali ? E soprattutto, come non chiedersi che cosa si debba fare per rimediare a quelle che sono considerate delle carenze educative? La risposta a queste domande dipende dalla natura del rapporto tra nonni e genitori.

Guai alle parole che avvelenano il rapporto!

Se c’è un buon rapporto tra nonni e genitori ed è implicita la richiesta di un consiglio da parte dei genitori , è possibile dare il proprio parere sull’educazione dei figli, a condizione, naturalmente, che sia fatto senza giudicare e, se necessario, con una nota di umorismo. Un consiglio del genere non sembrerà invadente se, fin dall’inizio della vita della coppia, i futuri nonni hanno chiarito che non hanno alcuna intenzione di interferire nelle scelte dei loro figli. In questo caso accade spesso che, sentendosi rispettati, i genitori chiedano spontaneamente un consiglio.

Ma se il rapporto è difficile o addirittura negativo, anche il più piccolo consiglio potrebbe essere sgradito e quindi risultare del tutto inefficace. In questo caso sarà possibile darne uno in risposta ad una richiesta esplicita dei figli, soprattutto in casi eccezionali come in quelli di difficoltà che riguardano i nipoti. In ogni caso, bisogna assolutamente bandire tutte quelle parole pungenti che avvelenano il rapporto, del tipo: “I vostri figli sono così maleducati!” oppure “Lasci fare ai tuoi figli tutto quello che vogliono e poi ti sorprendi che non ti obbediscano?“ ecc.

Vedere ciò che è positivo nella loro educazione

E’ importante invece sottolineare gli aspetti positivi dell’educazione dei genitori, perché anche se sbagliano (chi non lo fa?), nella stragrande maggioranza dei casi, i genitori trasmettono spesso gli stessi valori che sono stati loro insegnati. Un atteggiamento di rispetto è fondamentale a livello di fede. Per esempio anche se i nipoti non sono stati battezzati, o se non sono cresciuti con quei valori cristiani che hanno dato un senso alla loro vita, essi devono rispettare le scelte dei figli anche discutendone con loro.

Bisogna saper essere pazienti, non “scavalcare” la grazia e non dimenticare che la vita dei nonni , se vissuta nella gioia, è per i nipoti un esempio infinitamente più convincente di tutti i più bei discorsi. Pertanto, è più opportuno pregare e sperare, accogliendo l’imprevisto da parte di Dio.

Dare l’esempio di una vita felice e retta

I nonni hanno un ruolo importante per i loro nipoti e devono quindi stare attenti a non criticare il comportamento dei genitori, infatti parlare male dei genitori a un bambino è parlare male delle sue radici, e quindi di una parte di loro. In altro modo, quando vengono scelti come confidenti dai nipoti ormai adolescenti, felici di trovare un orecchio attento e comprensivo, i nonni possono spiegare o anche giustificare gli atteggiamenti dei genitori. Inoltre, quando i nipoti vengono a casa dei nonni, questi ultimi hanno il diritto di chiedere loro di adattarsi alle loro abitudini (senza mai far notare che ciò sia in contraddizione con l’educazione impartita dai genitori). I nonni non sono i correttori dell’educazione impartita dai genitori, ma semplicemente danno l’esempio di una vita cristiana felice e retta cosicché non sono mai di troppo nell’aiutarli ad avere successo nell’educazione, un impresa che richiede tanta competenza, attenzione e amore in un mondo che aiuta così poco.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
educazionenonni
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
CEMETERY
Gelsomino Del Guercio
Indulgenze plenarie per i defunti: come otten...
Timothée Dhellemmes
Seconda ondata di Covid: in Europa il culto c...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Vedi di più