Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 18 Gennaio |
Santa Margherita d'Ungheria
home iconSpiritualità
line break icon

Nella nostra preghiera, quali dovrebbero essere le ultime due parole?

PRAY

Rawpixel | Shutterstock

Edifa - pubblicato il 15/01/20

Pregare rimarrà sempre e solo un balbettio, se quando preghiamo non diciamo queste semplici parole, usando un vocabolario ridotto: "Eccoci, grazie, perdono, per favore». Ma non avendo detto l’essenziale è come se non avessimo detto nulla.

di padre Alain Bandelier

Pregare non è dire delle cose a Dio, ma parlare di sé stessi, aprirsi e donarsi. Ricordiamo la domanda che Gesù risorto fece a Simone, figlio di Giovanni: “Mi ami tu più di costoro? (Gv 21, 15). Come Simone, anche noi rispondiamo immediatamente: “Sì, certo, sono Tuo amico”. Ma Gesù insiste: “Mi ami?” La terza volta, Simon Pietro è meno sicuro di sé forse perché ricorda il suo triplice rinnegamento. In ogni caso, non risponde più a partire da sé stesso, sarebbe difficile per chiunque, ma risponde partendo da Gesù stesso, dicendo: “Signore, Tu sai tutto, Tu sai che Ti amo” (Gv 21, 17).

Questa sembrerebbe a prima vista l’ultima parola quando preghiamo. Mille pensieri, mille sentimenti e mille mozioni dello Spirito possono animare la preghiera, ma noi in realtà diciamo una sola cosa, sempre la stessa e sempre nuova: “Signore, penso a Te, ho bisogno di Te, non voglio vivere senza di Te”.

“Ti amo”

Il sacerdote, nella preghiera prima della comunione, lo dice con forza: “Fa’ che io sia sempre fedele ai Tuoi comandamenti e non sia mai separato da Te”. Questo “Ti amo” è anche il non detto, il senso implicito di ogni autentica preghiera e la sua ragion d’essere: sono qui perché Ti amo, perché preferisco Te. Potrei fare qualcos’altro, per quanto utile, necessario e fosse anche urgente, ma non sostituisce mai quei momenti preziosi dell’incontro con l’Amato. Diversamente, se la preghiera diventa rara o faticosa, può essere che l’amore si è raffreddato.

“La mia anima ha sete di Te!” “È il Tuo volto che cerco!” “Quanto amo la Tua casa, Signore!” Bisogna rileggere i salmi per sentire il canto del cuore umano innamorato di Dio. I grandi maestri spirituali non si stancano mai di ascoltare, nel Cantico dei Cantici, l’ardente dialogo dell’anima-sposa e del suo Re. Il Re, infatti, desidera il nostro desiderio: a volte, è questa potente attrazione che solleva i mistici, al punto di strapparli alla pesantezza del mondo. Nel momento in cui Gesù muore sulla croce, Egli grida: “Ho sete!” (Gv 19, 28). Sì, l’Amore infinito ha sete del nostro povero amore, lo attende con ansia “Mi ami?” e lo riceve con gratitudine. Cosa possiamo dire di più?

“Tu mi ami!”

Un giorno, un uomo di Dio ha fatto questa profonda riflessione: l’ultima parola della preghiera, al di là di “ti amo”, è: “mi ami!” Solo allora, infatti, tutto è stato detto, è l’ultimissima parola e nel contempo anche la prima. “Mi ami ed eccomi qui, mi ami e ti dico grazie, mi ami, abbi pietà di me, mi ami e posso chiederTi qualsiasi cosa. Mi ami e questo è sufficiente”.

Tags:
preghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
SINDONE 3D
Lucandrea Massaro
L'Uomo della Sindone ricostruito in 3D. I Van...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Papa Giovanni Paolo II
Philip Kosloski
La formula di San Giovanni Paolo II per sconf...
LEANDRO LOREDO
Esteban Pittaro
Morire con un sorriso, seminando santità anch...
DEATH PENALTY
Don Fortunato Di Noto
«"Cara" Lisa, oggi morirai con l'iniezione le...
DEATH PENALTY
Don Fortunato Di Noto
«"Cara" Lisa, oggi morirai con l'iniezione le...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più