Aleteia
lunedì 26 Ottobre |
Santi Luciano e Marciano

Le 7 cose da fare per riuscire a pregare

WOMAN

Public Domain

Edifa - pubblicato il 09/01/20

L’orazione è un cuore a cuore silenzioso e gratuito con Dio, ma è anche una dura lotta di tutti i giorni. Quanti cristiani la iniziano con entusiasmo e l’abbandonano strada facendo. Ecco sette modi che vi aiuteranno a pregare quotidianamente.

di Emmanuel Pellat

La preghiera non è “fare” ma “stare con”. Tuttavia questo incontro della preghiera, a volte un po’ difficile, deve essere motivato e costruito. Pierre Descouvemont, prete e teologo, ci spiega le sette chiavi per riuscire a pregare tutti i giorni.

Far piacere a Dio

Dobbiamo pregare innanzitutto per far piacere al Signore che ci invita ogni giorno ad incontrarLo. La Bibbia infatti afferma che abbiamo la possibilità di contribuire alla felicità del nostro Dio. Lui non ha bisogno di noi poiché da sempre è infinitamente felice in seno alla vita trinitaria, tuttavia ci ama così tanto che ci chiede di farGli dei piccoli gesti d’amore, li “mendica” come diceva Santa Teresa del Bambin Gesù.

Non dobbiamo perseverare nella preghiera solo per ricevere torrenti d’amore e di grazie che sgorgano dal cuore di Cristo, ma dobbiamo perseverare per il piacere di farGli piacere. Pertanto, annoiarsi non è grave perché Egli si rallegra veramente di questo tempo che Gli dedichiamo. Dobbiamo solo chiederGli la grazia di crederci.

Fare il pieno

Molti cristiani si lamentano di non riuscire a fare il vuoto dentro di sé quando iniziano a pregare, ma in realtà non dobbiamo fare orazione facendo il vuoto in noi, ma facendo il pieno. Prendiamo esempio dai monaci che nutrono la loro preghiera con la lectio divina: essi pregano a partire dalle Sacre Scritture e prendono il tempo di ascoltare il Signore che ripete loro il Suo amore.

Fare silenzio

Dio non ha bisogno di sentire un esercizio di retorica, un’esposizione teologica o le vostre considerazioni inopportune sui testi biblici o sull’autore spirituale che avete appena letto. Non significa neanche che dobbiamo tacere e non dire assolutamente nulla.

Tuttavia, meno parole ci sono, meglio è, e queste possono essere semplici come le parole di un bambino: “Grazie, Signore! Ti chiedo perdono! Per favore! Signore, ti voglio bene!”

Colui che grida: “Signore, perché così tante prove nella mia vita? È così difficile accettare la Tua volontà!” piace tanto a Dio quanto chi è molto contemplativo. La nostra conversazione con il Signore deve essere semplice come un incontro d’amore: a volte ascoltiamo, a volte parliamo, a volte stiamo in silenzio.

Aver fiducia

Semplice… ma difficile! Non dobbiamo stupirci se facciamo fatica a pregare. San Paolo non esita a dire che “non sappiamo infatti come pregare in modo conveniente” (Rm 8,26). Quando preghiamo, è lo Spirito Santo che prega in noi. Anche quando non ci pensiamo, è Lui che ispira la nostra preghiera. Egli è l’anima della preghiera, il respiro che ci porta al Padre e ci fa gridare, con Gesù e in Lui: “Abbà, Padre!”

È lo Spirito Santo che ci fa assaporare l’Amore del Padre, che fa risuonare nel profondo del nostro cuore: “Anche tu sei il mio amato figlio in cui Mi diletto!”. Allora possiamo dire a Dio con fiducia: “La Tua tenerezza per me è incommensurabile.” Lo Spirito è anche Colui che aumenta la capacità respiratoria dei nostri “polmoni spirituali”, affinché il Signore ci riempia, nella misura della nostra speranza in Lui.

Fare degli sforzi

Fare orazione richiede uno sforzo indispensabile: ci vuole la nostra volontà non solo per iniziare ma anche per perseverare… e per ricominciare quando abbiamo abbandonato. Questo sforzo dobbiamo farlo come una pecorella fragile, abbandonandoci nelle mani del Buon Pastore, sotto il Suo sguardo, e questo lo farà sorridere.

Creare un angolo per la preghiera

Mettiamo in un angolo della nostra casa delle immagini sacre o delle foto davanti alle quali sarà più facile mettersi in presenza del Signore e pregare in comunione con tutti i fratelli e le sorelle del Cielo e della Terra. La presenza stessa dell’angolo per la preghiera ci ricorda il nostro futuro incontro con il Signore.

Fare un ritiro

È molto più facile perseverare nella preghiera quando abbiamo l’umiltà e il coraggio di seguire una vera “scuola di preghiera”. Per sciare bene, seguiamo delle lezioni. Per pregare bene, è normale quindi dedicare qualche giorno della nostra vita per imparare ciò che i nostri antenati scoprirono nella fede… e a praticarla. È indispensabile potersi fermare per qualche giorno per riappropriarsi di tutto ciò che si è imparato nell’ambito della preghiera.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
preghiera
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Camille Dalmas
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
Gelsomino Del Guercio
Scomunicato Vlasic, ex padre spirituale dei v...
fedez don alberto ravagnani
Gelsomino Del Guercio
Fedez e don Alberto Ravagnani: confronto su s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Padre Fortea exorcista
Francisco Vêneto
Il demonio e le chiese date alle fiamme: per ...
EVGENY AFINEEVSKY
Camille Dalmas
Come Afineevsky ha recuperato l‘estratto sull...
CARLO ACUTIS, CIAŁO
Gelsomino Del Guercio
Preghiera a Carlo Acutis con richiesta di una...
Vedi di più