Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconStile di vita
line break icon

Mentire ai propri figli significa avere poca fede

EXPLAINING TO CHILD

Shutterstock

Edifa - pubblicato il 20/12/19

Ci sembra relativamente semplice dire ai nostri figli la verità sulle cose "normali", ma quando sono dolorose come la malattia, la morte, la perdita di un lavoro, siamo tentati di nascondere il male a tutti i costi. Dobbiamo dire loro tutto?

diChristine Ponsard

Non è lecito fare il male affinché ne risulti un bene. Una buona intenzione, come aiutare il prossimo per esempio, non rende né buono né giusto un comportamento disordinato di per sé, come il mentire. È chiaro, non dovremmo mentire, anche se desideriamo proteggere un bambino. Le menzogne ci allontanano da Dio, e chiudono i nostri cuori e le nostre menti alla Sua luce. Tuttavia l’unica vera arma che abbiamo per combattere il male, l’unica protezione efficace che possiamo offrire ai nostri figli, è Dio stesso. Mentire loro perché consideriamo che non ci sia un’altra soluzione vuol dire, in fin dei conti, avere poca fede e dire a Dio: “Tu mi chiedi una cosa impossibile, so io cos’è meglio fare”. Quando dobbiamo dire la verità cerchiamo di avere fiducia nello Spirito Santo, Egli non ci deluderà.

Dire la verità, ma con un po’ di criterio

Bisogna dire la verità, ma non necessariamente tutta la verità. In molti casi, abbiamo il diritto e persino il dovere di tacere. Questo vale per molti ambiti, non solo per quanto riguarda le situazioni dolorose o malsane. Inoltre nascondere certi fatti ai vostri figli non è una mancanza di onestà, al contrario, è una questione di rispetto e pudore. Rivelare delle confidenze più grandi di loro significherebbe esercitare su di loro una vera violenza.

Tuttavia non è sempre possibile tacere, soprattutto quando pensiamo che il bambino abbia capito la verità o la intuisca. In questo caso non abbiamo scelta: dobbiamo parlare, ma non in un modo banale. Prima di parlare, dobbiamo ascoltare, cioè essere profondamente attenti al bambino che abbiamo di fronte a noi. Più una verità riguarda una situazione delicata, più è importante non rivelarla in un modo banale. Spesso è preferibile parlare con un bambino per volta perché ciascuno reagirà a modo suo e avrà bisogno di sentirsi dire le stesse cose in modo diverso. Anche quando ci ritroviamo a dover parlare a tutti nello stesso momento, possiamo poi riparlarne con ciascuno di loro a quattrocchi. Come suggerisce quest’espressione, si tratta di ritrovarsi solo in due, infatti un bambino sarà spesso molto più a suo agio a parlare con uno solo dei genitori, piuttosto che con entrambi nello stesso tempo.

Per dire la verità, le parole semplici sono sempre le migliori

Bisogna chiamare le cose con il loro nome: un gatto è un gatto, il male è il male. In un mondo in cui tutte le deviazioni sono accettate e banalizzate, è molto importante dare ai bambini dei parametri chiari. I genitori devono insegnare loro a giudicare le azioni e a dire: “Questo è bene, questo è male.”

E allo stesso tempo, devono insegnare a non giudicare mai nessuno, a parlare di ogni uomo come di un figlio di Dio infinitamente amato da Suo Padre. Infatti non si dice mai abbastanza la verità se non la si dice con amore e per amore. Solo l’amore potrà guarire il bambino dalle ferite che certe rivelazioni possono infliggergli. Solo l’amore può mettere sulle nostre labbra le parole giuste per accompagnare i nostri figli alla Verità tutta intera.

Tags:
educazioneverita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più