Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 18 Aprile |
Beata Savina Petrilli
home iconSpiritualità
line break icon

Avvento: perché aspettare un evento che ha già avuto luogo?

Shutterstock

Edifa - pubblicato il 25/11/19

Durante l’Avvento sentiamo sempre lo stesso ritornello: "L'Avvento è un momento di attesa, ecc.", allora facciamo finta di aspettare. Finta…?! Sì, perché sappiamo che in realtà Gesù è già venuto. Allora qual è il senso dell'Avvento?

di fratel Thierry-Dominique Humbrech

Il nuovo anno liturgico è iniziato: l’Avvento è ritornato, e torna sempre troppo presto perché ci ricorda che Natale è alle porte e bisogna quindi pensare a tutti i regali da comprare (e non parliamo della paura di rovinarci!). Ma che senso ha aspettare un evento che ha già avuto luogo? E in ogni caso aspettare la nascita di Gesù per un mese, un’ora alla settimana, per un totale quindi di quattro ore, che non trasformerà di certo il mese di dicembre in una lunga attesa. Ma dato che il sacerdote ripete ad ogni messa che bisogna aspettare, aspettiamo.

Aspettare una natività che ha già avuto luogo

C’è qualcosa di strano in tutto questo: aspettiamo il ritorno di Cristo nella gloria, nel giorno del giudizio finale, nel giorno in cui risorgeremo con Lui con il nostro corpo. Quest’attesa è comprensibile poiché è un evento che fa parte della nostra speranza e del nostro futuro. Invece ha senso aspettare una natività che ha già avuto luogo nel passato?

In realtà l’Avvento non è un’attesa poiché non dobbiamo aspettare Colui che si è incarnato per sempre: Egli ci precede in tutto. Tuttavia, esiste un’attesa da un punto di vista liturgico per farci vivere ciò che Gesù ha già vissuto, per ricevere le grazie che ha dato a tutti. L’attesa è pedagogica, teatrale, rimembra i misteri e i vari momenti della storia della Salvezza. Quest’attesa non ci fa aspettare nulla in realtà, ma ci introduce nella vita di Colui che viene ogni giorno per offrirci la Sua grazia.

L’Avvento non è un’attesa, ma un’occasione per ricominciare

Abbiamo bisogno di nuovi ritmi e di nuovi inizi, un po’ come i bambini che amano tanto cominciare un nuovo quaderno o un nuovo diario all’inizio dell’anno scolastico. Durante l’Avvento non dobbiamo semplicemente rifare le stesse cose degli anni precedenti, ma approfondirle per esempio ascoltando le letture del Vangelo alla Santa Messa con maggior attenzione, leggendole in anticipo e riprendendole durante la settimana per impadronircene meglio.

Tags:
avvento
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Don Davide conduce la nuova edizione de "I Viaggi del cuore"
Gelsomino Del Guercio
Don Davide Banzato: la fuga dal seminario, l’amore per un&#...
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
4
BLESSED CHILD
Philip Kosloski
Coprite i vostri figli con la protezione di Dio con questa preghi...
5
Paola Belletti
È cieco chi vede in Isabella solo la sindrome di Down
6
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
7
MIGRANT
Jesús V. Picón
Il bambino perduto nel deserto ci invita a riflettere
Vedi di più