Aleteia
venerdì 23 Ottobre |
San Giovanni Paolo II

I bebè “hanno diritto” di andare a messa? 

MOM,BABY,MASS

Catholic Diocese of Saginaw | CC BY-ND 2.0

Edifa - pubblicato il 11/11/19

Anche se sembra un po' complicato da gestire, è possibile assistere ad una messa con il proprio bebè, senza danni né rumori.

di padre Alain Bandelier

Quando tutta la famiglia vuole andare a messa, con bambini grandi e piccoli, è sicuramente un bel desiderio e una bella testimonianza. Sta a manifestare che Dio è al centro di quella famiglia e che la parrocchia è una grande famiglia. Questo è sempre vero, anche quando le circostanze portano gli uni e gli altri a partecipare alla messa in tempi e luoghi diversi. In una comunità cristiana, ognuno è un dono di Dio per gli altri: se i bambini devono ricevere dagli adulti, anche i “grandi” possono ricevere in cambio qualcosa dai più “piccoli”. Non è ciò che Gesù ha lasciato intendere ai suoi seri apostoli, quando disse loro: “Lasciate che i bambini vengano a me” (Mc 10,14)?

Non siamo tutti dei bambini davanti al Signore? 

Personalmente sono felice che ci siano dei bambini nelle nostre assemblee. Non sono scioccato se passeggiano tranquillamente nella chiesa e cantano “Alleluia” dopo tutti gli altri, anzi. Un giorno in una chiesa, dopo la comunione, mentre ero seduto e presiedevo la messa, una bambina ha attraversato tranquillamente la metà della navata ed è venuta a sedersi piamente vicino a me. Ed ho pensato: non siamo tutti dei bambini davanti al Signore?

Inchiodare i più piccoli alle loro sedie e imporre loro di fare silenzio assoluto non è il modo migliore per ottenere la calma. Ovviamente, questo presuppone anche un po’ di benevolenza da parte degli altri parrocchiani. Mi rattrista quando delle giovani coppie mi descrivono gli sguardi corrucciati e i sospiri amari delle persone sedute accanto a loro quando i loro figli iniziano ad agitarsi. Sembra che queste persone preferirebbero che la loro parrocchia fosse frequentata solo da anziani!

Tuttavia bisogna essere realisti: c’è un’età intermedia tra la nascita e la scuola materna in cui i bambini possono essere difficilmente gestibili. In questo caso non bisogna insistere, altrimenti il tempo della celebrazione diventerà per i genitori uno sforzo di costante immaginazione per tenerli occupati, senza più potersi dedicare al Signore. Inoltre, si potrà percepire la tensione generale degli altri parrocchiani e ad un certo punto ci ritroveremo a dover attraversare la chiesa con un bambino urlante nelle braccia e con la vergogna di apparire agli occhi dell’assemblea come un genitore indegno o incapace.

Il vero problema è… l’omelia!

Sento la preoccupazione nei genitori che mi chiedono: “Ma è grave non portarlo a messa?” Certo, l’incontro domenicale con il Signore che riunisce e nutre il suo Popolo è importante, ma è un obbligo in senso stretto solo per coloro che hanno raggiunto l’età della ragione e che hanno compiuto i sette anni di età. Se il vostro bambino è in un periodo in cui potrebbe disturbare, è meglio lasciarlo a casa, o affidarlo ad un parente, un’amica o una vicina di casa, aspettando giorni migliori per tutti.

In alcune parrocchie dei genitori organizzano l’accoglienza dei bambini più piccoli in una sala parrocchiale o in sagrestia. Ogni domenica si danno il cambio e si rendono il servizio a vicenda. Se l’età dei bambini lo permette, si può organizzare un momento di preghiera, cantare oppure raccontare una storia su Gesù, mentre per i più grandi si può proporre un’iniziazione alla Santa Messa, la liturgia della Parola o una paraliturgia.

In fin dei conti, ciò che può essere davvero problematico è l’omelia che, si rivolge agli adulti e che a volte può durare un po’ troppo a lungo. Personalmente in quanto parroco ho preferito lavorare su questo punto: alla messa più frequentata dai bambini e dalle famiglie l’omelia è diventata un dialogo con i più piccoli e la liturgia semplice e gioiosa. Anche gli adulti hanno apprezzato!

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
Messa
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
i.Media per Aleteia
Il montaggio dietro alla discussa frase del p...
POPE FRANCIS AUDIENCE
Gelsomino Del Guercio
La fake news sul Papa che giustifica le union...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa su coppie gay: serve una "legge di co...
Aleteia
Gli avvisi divertenti che si leggono nelle pa...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOMAN, NECKLACE, GOLD
Annalisa Teggi
Disoccupata con 4 figli paga il medico con un...
Gelsomino Del Guercio
6 frasi di Papa Francesco sulle persone omose...
Vedi di più