Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Guardandoci allo specchio, vediamo Dio?

Shutterstock-goodluz
Condividi

Ogni giorno ci guardiamo allo specchio, per pettinarci o truccarci. Ci chiediamo se siamo abbastanza attraenti, o come nascondere qualche imperfezione e migliorare il nostro look. E se dovessimo trasporre tutti questi pensieri e questi gesti nella nostra vita spirituale?

di padre Alain Quilici

Ovviamente ricorderete tutti la regina della favola di Biancaneve, che chiedeva ogni giorno al suo specchio chi fosse la più bella del reame. Un giorno lo specchio le disse che c’era qualcuna più bella di lei. La regina si arrabbiò talmente che decise di liberarsi della rivale.

La regina della storia non è l’unica ad analizzare la propria immagine. Chi può dire di non aver mai bisogno di guardarsi allo specchio perché gli rifletta un’immagine lusinghiera? Tutti noi ci guardiamo allo specchio osservandoci in innumerevoli modi. Perché lo facciamo? Ci terrorizza l’idea di non essere simili all’immagine che vogliamo proiettare. Abbiamo davvero bisogno di qualcuno, di uno specchio ad esempio, che ci dica: “Sei così attraente! Sembri così perfetto!” Entriamo nel panico al pensiero di esserci persi un minimo dettaglio che ci sminuisca agli occhi degli altri provocando occhiatacce, sussurri alle nostre spalle e aperte risate quando lasciamo una stanza. Dentro di noi temiamo che quello che facciamo agli altri verrà fatto anche a noi.

Come ci vedono gli altri

Quando ci guardiamo allo specchio proviamo piacere di fronte a quello che vediamo. Non essendo davvero sicuri che gli altri possano apprezzarci per quello che valiamo davvero, possiamo almeno dirci quello vorremmo sentirci dire dagli altri. A volte, quindi, finiamo per parlare con il nostro riflesso allo specchio. Guardiamo la nostra immagine, in qualche caso siamo rassicurati, in altri cadiamo nella disperazione. Ci vediamo attraenti o repellenti.

Cosa dovremmo fare per migliorare il nostro aspetto? È così che inizia il dialogo con lo specchio: dovrei truccarmi di più, cambiare pettinatura, mettere qualche gioiello o nascondere quell’orribile macchia sulla pelle?

Il nostro specchio ci provoca molti problemi, il più grande dei quali è il fatto di rispecchiare il modo in cui ci vedono gli altri. Inevitabilmente, ci rimanda un’immagine che esaminiamo con apprensione crescente. Cosa penseranno gli altri? Ecco il problema principale che non osiamo menzionare.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.