Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come fare più spazio allo stupore nella propria vita?

NATURE
Shutterstock
Condividi

Qualunque età abbiamo, dobbiamo rendere lode per il Creato e crescere nella capacità di vedere il mondo come un dono di Dio

di Christine Ponsard

Ogni giorno, quotidiani, radio e televisione effondono ondate di lamentele su varie catastrofi, al punto che rischiamo di dimenticare di saperci stupire. Si dice che le belle storie “non vendono”, e non c’è dubbio sul motivo per il quale il vero amore, la fedeltà, la bellezza, il dono di se stessi e la gioia non occupano le prime pagine, né riempiono la maggior parte delle conversazioni. E tuttavia, lo stupore è una di quelle qualità infantili che hanno spinto Gesù a dire: “Io ti rendo lode, o Padre, Signore del cielo e della terra, perché hai nascosto queste cose ai sapienti e agli intelligenti, e le hai rivelate ai piccoli” (Mt 11, 25).

Lo stupore non è un ottimismo irrealistico e sognatore. Al contrario, è un atteggiamente che consiste nel contemplare la realtà in tutta la sua pienezza, nel vedere al di là delle apparenze rovinate dal demonio. Sapere come meravigliarsi è aprirsi alla presenza amorevole di Dio in tutto quello che sperimentiamo. È guardare alle cose e alle persone con un cuore sempre “fresco”, senza essere indifferenti o annoiati. È sapere come meravigliarsi, accogliere ogni nuovo giorno come un dono. È rimanere puri da ogni cupidigia, da qualsiasi desiderio di appropriazione o dominio. È importante forgiare il giudizio dei nostri figli insegnando loro a discernere il male. È fondamentale aprire i loro occhi e il loro cuore alle sofferenze altrui, insegnare loro la compassione. È altrettanto importante, però, fare attenzione a non minare la capacità innata dei bambini di stupirsi.

L’arte di coltivare l’ammirazione per le cose quotidiane

Family - Children - Soap Bubbles
© Lucky Business

In primo luogo, dovremmo imparare come condividere il nostro stupore. Ciò implica il fatto di essere veramente attenti, perché la meraviglia non riguarda sempre il fatto di esprimersi in modo molto evidente; spesso è invece il contrario. Condividere lo stupore con i nostri figli non riguarda certamente grandi pronunciamenti, perché la meraviglia non si abbina bene al rumore. È piuttosto una forma di contemplazione da sperimentare nel profondo del nostro essere, in quel giardino segreto a cui solo Dio ha accesso.

Stupiamoci con e di fronte ai nostri figli. Se lo stupore è profondamente intimo e silenzioso, ci sono comunque parole e atteggiamenti che possono promuovere o soffocare la loro capacità di stupirsi. Senza tacere ciò che va male, dobbiamo anche sapere come sottolineare ciò che è bello e buono.

Prendete l’esempio della famiglia: statistiche alla mano, ci lamentiamo dell’aumento del numero di divorzi, ma non si dice mai nulla delle coppie che si amano profondamente e restano fedeli. Parliamo spesso delle tante preoccupazioni che danno i figli, mentre si dice molto meno dell’immensa gioia che ci procurano. Perché si dice spesso “Figli piccoli problemi piccoli, figli grandi problemi grandi” mentre si sentire dire raramente “Figli, piccoli e grandi, gioia ugualmente grande”? E potremmo elencare centinaia di altri esempi dello stesso tipo.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.