Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 22 Aprile |
San Sotero
home iconStile di vita
line break icon

Aprire la Bibbia a caso per ricevere consiglio: superstizione o rivelazione?

Book - Reading

© Beeboys

Edifa - pubblicato il 17/10/19

Molti santi hanno ricevuto la Parola di Dio aprendo la Bibbia e imbattendosi casualmente in un certo versetto. E noi?

di padre Alain Bandelier

Testimoni irreprensibili lo confermano: possiamo ricevere un’illuminazione dal Signore aprendo la Bibbia. Uno degli esempi più famosi è quello di San Francesco d’Assisi. Una sera venne invitato a casa del suo amico Bernardo di Quintavalle, che confidò a Francesco il suo grande desiderio di abbandonare tutto come aveva fatto lui per condividere la sua vita di povertà. Ma è davvero la volontà di Dio? Francesco non aveva pensato di fondare una comunità, men che meno un Ordine religioso. Dopo una lunga conversazione, concordarono di andare a Messa la mattina dopo per chiedere al Signore di guidarli. Per farlo aprirono i Santi Vangeli tre volte, e ogni volta si imbatterono in uno dei passi in cui Gesù esorta i suoi discepoli a lasciare tutto e a seguirlo. Un po’ prima, Francesco era già stato illuminato da un passo simile della Scrittura: durante la Messa nella piccola chiesa della Porziuncola, la storia della chiamata dei discepoli, a due a due, senza bastone, senza bisaccia e senza denaro, gli aveva mostrato la strada da seguire.

C’è poi l’esempio di Santa Teresa di Lisieux. Nei suoi scritti, riferisce di come fosse stata riempita di desideri e chiamate contraddittori e irrealizzabili. Si sentiva chiamata a vivere tutte le vocazioni, e tuttavia era solo una piccola carmelitana in un convento di provincia. Fu aprendo un quaderno in cui aveva copiato dei passi del Nuovo Testamento che trovò la risposta che cercava.

Al capitolo 12 della Prima Lettera ai Corinzi, lesse della varietà di vocazioni nella Chiesa. Al capitolo 13 lesse che la più alta chiamata tra tutte era l’amore, e allora capì: la Chiesa ha molte membra, ma un cuore solo. Aveva trovato il suo ruolo: “Nel cuore della mia madre Chiesa, la mia vocazione è l’amore”.

Aprire la Bibbia non è come la lotteria o pescare una carta

Non bisogna essere favorevoli o contrari a questa pratica: fa parte della tradizione spirituale. Molti cristiani potrebbero infatti attestare l’impatto di una parola del Signore in un momento o nell’altro del loro percorso – una parola ricevuta come una risposta o una chiamata ad aprire la Bibbia, o trovata senza neanche cercarla, il che è forse ancor più convincente.

Bisogna comunque rimanere prudenti e misurati. Rendere sistematico, o più o meno “magico”, l’uso di questa pratica comporta un pericolo spirituale e psicologico. Le personalità fragili possono cercarvi una sorta di sicurezza che le assolve dalla responsabilità – come se il nostro destino fosse scritto, come se non dovessimo più assumere i rischi del libero arbitrio e del dibattito intelligente.

Di converso, le persone con un carattere dominante o persuasivo possono cercare di usarlo, in modo consapevole o meno, per manipolare un gruppo o degli individui. Alcuni dicono “Prendiamo un versetto”, altri “Leggiamo un versetto a caso”. Sono espressioni fuorvianti. Aprire la Bibbia non è come giocare alla lotteria o prendere una carta. È compiere un atto di fede. Significa in primo luogo entrare in un atteggiamento di preghiera, ascoltare in modo umile e attento. È quindi un abbandonarsi al Signore nell’atteggiamento di un discepolo aperto alle indicazioni, di un figlio che cerca di obbedire.

Alcuni teologi criticano questo approccio alla Scrittura ritenendolo soggettivo e ingenuo. Lo definiscono addirittura un approccio fondamentalista che cortocircuita uno studio un po’ più obiettivo del testo e del suo contesto. Chiaramente, una lettura effettuata con fiducia e un cuore semplice non ne preclude una intelligente e più riflettuta e viceversa. L’obiettivo dell’esegesi non è mettere tra la Parola di Dio e chi la ascolta dei filtri così densi e complicati da sovrastare la voce dell’Amato.

Tags:
bibbia
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
POPE JOHN PAUL II
Philip Kosloski
I consigli di san Giovanni Paolo II per pregare
2
Gelsomino Del Guercio
Scoperti nuovi frammenti della Bibbia: ma al posto di Dio c’è scr...
3
Gelsomino Del Guercio
7 santuari uniti da una linea retta. La misteriosa fede per San M...
4
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
5
SERGIO DE SIMONE
Gelsomino Del Guercio
L’agonia di Sergio, il bambino napoletano che fu sottoposto...
6
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
7
Alessandro Gisotti
Papa: prima di giudicare, guardiamoci allo specchio
Vedi di più