Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 29 Marzo |
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

La chiesa in cui le vedove organizzavano una pia processione

Ábside de la basílica de san Vitalis en Roma

Maria Paola Daud

Maria Paola Daud - pubblicato il 15/02/23

San Vitale in Fovea, una delle basiliche più antiche di Roma

Bisogna scendere 33 gradini per arrivare a una delle basiliche più antiche di Roma, la basilica di San Vitale, fondata sotto Innocenzo I (401-417).

Dice la tradizione che sul luogo venne costruito un oratorio grazie alla generosa donazione di tutti i suoi gioielli da parte della matrona Vestina.

Inizialmente venne dedicata ai santi martiri Gervasio e Protasio, i cui resti erano stati trovati da Sant’Ambrogio a Milano.

Gervasio e Protasio erano due giovani soldati martiri di origine milanese, figli di San Vitale, soldato consolare, marito di Santa Valeria. Durante il martirio, il padre sarebbe stato sepolto vivo nella fovea, ovvero il pozzo. Per questo il luogo venne chiamato San Vitale in Fovea.

Tortura de san Vitalis

La basilica venne restaurata varie volte nel Medioevo, e ricostruita completamente dai Papi Sisto IV (1475) e Clemente VIII (1595).

Gli ultimi interventi lasciarono una sola navata e fecero scomparire il portico, chiudendo e riducendo poi il vestibolo della chiesa.

La caratteristica scala d’accesso è stata costruita nel 1859 per salvare il dislivello dopo la costruzione di Via Nazionale.

I lavori di restauro realizzati negli anni Trenta del Novecento hanno poi restituito il portico al suo aspetto originale.

Oggi la facciata presenta un portico di epoca paleocristiana, con cinque archi su colonne con capitelli del V secolo.

Exterior de la basílica de san Vitalis

Il portale di ingresso ha un’iscrizione e lo stemma di Sisto IV, e preziose porte lignee intagliate agli inizi del XVII secolo.

Puerta antigua tallada en madera en la Basílica de san Vitalis

L’interno custodisce importanti affreschi che rappresentano le storie di martiri e profeti.

Mujeres mártires cristianas

La peste e la processione delle vedove

Nel 590, dopo una grande inondazione del Tevere che distrusse gran parte della città, ci fu una terribile epidemia di peste che sterminò gran parte della popolazione, provocando la morte anche di Papa Pelagio II (579-590).

San Gregorio Magno (590-604) esortò il popolo alla preghiera istituendo una litania septiforme, chiamata così perché era formata da sette cori, e configurata così:

Primo coro: il clero.

Secondo coro: abati e monaci.

Terzo coro: badesse e le loro congregazioni.

Quarto Coro: i bambini.

Quinto coro: i laici.

Sesto coro: le vedove.

Settimo coro: le donne sposate.

Ciascuno di questi cori partiva in processione da una chiesa diversa fino alla tappa finale nella basilica di Santa Maria Maggiore.

Il sesto coro, quello delle vedove, partiva dalla basilica di San Vitale.

Durante questa processione, organizzata da San Gregorio Magno, si verificò l’apparizione salvatrice dell’arcangelo Michele sulla Mole Adriana (oggi Castel Sant’Angelo) nell’atto di sguainare la spada, segno della fine dell’epidemia.

La Stazione del Secondo Venerdì di Quaresima

Dal VII secolo, officiata da una comunità di monaci, nella basilica si è instaurata la statio del venerdì della seconda settimana di Quaresima, caratterizzata da una ricca liturgia dedicata all’eroismo dei martiri.

Fino al XIX secolo, la chiesa è stata depositaria di una straordinaria eredità di carità, che consisteva nella distribuzione gratuita di pane ai poveri della città, come per disposizione testamentaria del possiedente romano Francesco Silla.

Fonte:santivitale.com,vatican.va

Tags:
chiesaprocessioneromavedova
Top 10
See More