Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 20 Febbraio |
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Pregare per qualcuno significa condurlo da Gesù

Łukasz przetrwał rozwód dzięki adoracji Chrystusa w Najświętszym Sakramencie

Postmodern Studio | Shutterstock

Zdjęcie ilustracyjne

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 09/02/23

"E gli condussero un sordomuto, pregandolo di imporgli la mano". La traduzione concreta di questo versetto consiste in una cosa molto semplice: intercessione.

Vangelo di venerdì 10 febbraio (S. Scolastica (m))

Di ritorno dalla regione di Tiro, passò per Sidone, dirigendosi verso il mare di Galilea in pieno territorio della Decàpoli. E gli condussero un sordomuto, pregandolo di imporgli la mano. E portandolo in disparte lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e disse: «Effatà» cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente. E comandò loro di non dirlo a nessuno. Ma più egli lo raccomandava, più essi ne parlavano e, pieni di stupore, dicevano: «Ha fatto bene ogni cosa; fa udire i sordi e fa parlare i muti!». (Marco 7,31-37)

La descrizione del miracolo del sordomuto del Vangelo di oggi segue una dinamica che può insegnarci molto. La prima di esse consiste nel fatto che ci sono alcuni che si offrono come mezzo per far incontrare Gesù con quest’uomo

E gli condussero un sordomuto, pregandolo di imporgli la mano.

La traduzione concreta di questo versetto consiste in una cosa molto semplice: intercessione. Pregare per qualcuno significa condurlo da Gesù.

Il secondo dettaglio è l’infinita delicatezza con cui Gesù interviene su quest’uomo:

E portandolo in disparte lontano dalla folla, gli pose le dita negli orecchi e con la saliva gli toccò la lingua; guardando quindi verso il cielo, emise un sospiro e disse: «Effatà» cioè: «Apriti!». E subito gli si aprirono gli orecchi, si sciolse il nodo della sua lingua e parlava correttamente.

Gesù non spettacolarizza il dolore di quest’uomo. Non usa la sua sofferenza per farsi pubblicità, anzi primariamente costruisce con lui una relazione di intimità e poi opera la cosa più potente che l’amore può operare, cioè aprire le chiusure.

Effata! Apriti! Infatti non sta a significare solo l’apertura delle orecchie e della bocca, ma la capacità di riaprire la vita, di far entrare in essa aria pulita, di riconsegnarla alla sua giusta gioia.

Se qualcuno ci domandasse il vero motivo per cui crediamo in Gesù noi potremmo rispondere dicendo che Egli è l’unico che amandoci spalanca di nuovo la nostra vita, la apre di nuovo all’inedito, e rende possibile nuovamente ogni forma di vera comunicazione e quindi relazione. E tutti sappiamo che proprio dalle relazioni passa ciò che può renderci felici. 

Tags:
dalvangelodioggidon luigi maria epicocogesù cristovangelo
Top 10
See More