Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Febbraio |
San Giuseppe da Leonessa
Aleteia logo
Approfondimenti
separateurCreated with Sketch.

Neopaganesimo, neosciamanesimo… culti ancestrali o invenzione New Age?

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
Dioses de Egipto

Mia Stendal - Shutterstock

Luis Santamaría del Río - pubblicato il 23/01/23

Religioni scomparse come quella dell'Egitto dei faraoni, la mitologia greca e una moltitudine di culti sciamanici rinascono e diventano di moda

Il paganesimo ‘rinasce’ in Egitto promosso dai ritiri spirituali”. Questo titolo guidava un articolo recente dell’agenzia Efe, mostrando quello che è sempre più chiaro. Nella maggior parte dei casi, i gruppi e “maestri spirituali” che assicurano di essere depositari di una saggezza o di una tecnica millenaria non sono altro che abili personaggi del campo della New Age che hanno preso singoli elementi di qualche religione o cultura antica per inventare il proprio insegnamento (o legittimare quello che già avevano).

La pubblicazione recente di Efe informava della crescita del turismo di gruppi che si recano a visitare i resti archeologici dell’antico Egitto per meditare e riflettere con inni che suppongono l’adorazione degli dèi di quella civiltà: Amon Ra, Horus, Iside, Osiride… Questi ritiri, secondo la pubblicità, permetteranno ai partecipanti di essere “testimoni di miracoli e poteri degli antichi”.

Anche se può sembrare strano, è sempre più abituale se assumiamo una prospettiva globale. Se c’è un’altra religione dell’antichità estremamente conosciuta è quella greca, la cui mitologia è stata fondamentale nella storia e nella cultura dell’Occidente.

Risulta che c’è anche una versione contemporanea dell’antico culto ellenico: il “dodecateismo”, ovvero la credenza nei 12 dèi principali dell’Olimpo, anche se in questo caso per molti di coloro che ci credono queste divinità non sarebbero altro che la rappresentazione simbolica di valori e forze della natura.

L’immaginazione di alcuni va molto al di là, e ci si azzarda a presentarsi come gli eredi della spiritualità della preistoria. Di recente, uno spazio culturale gestito dai Domenicani a Madrid è stato teatro di una conferenza sul “metodo di meditazione intuitiva Arka Dhyana”.

Il suo guru, Tina Lindhard, afferma di sapere “come contattare il nostro Essere interiore attraverso il nostro cuore, e ottenere così una guida intuitiva nella nostra vita”. Presumibilmente, si basa sulle conoscenze dell’essere umano preistorico.

Quando il “neo” apporta troppa novità

Qualcosa di simile si può osservare nella Wicca, la versione più estesa del neopaganesimo contemporaneo, nella sua linea di stregoneria. Anche se chi la pratica la presenta come una continuità con alcuni culti precristiani anglosassoni, ciò che è certo è che i suoi inizi si ritrovano alla metà del XX secolo, con la figura di Gerald B. Gardner. 

Come spiega Vicente Jara, ricercatore della Rete Latinoamericana di Studio delle Sette (Red Iberoamericana de Estudio de las Sectas, RIES), non c’è alcuna prova dell’esistenza dei culti praticati dagli adepti della Wicca prima degli anni Trenta del Novecento. Di fronte a ciò che dicono esponendo le loro dottrine e pratiche, “non c’è stata alcuna continuità di pratiche occultiste, stregonesche o pagane per tanto tempo in modo stabilito, coordinato e lineare”.

Accade lo stesso con l’altra grande corrente del neopaganesimo conosciuta come “neosciamanesimo”, soprattutto per quanto riguarda il presunto recupero delle spiritualità dei popoli indigeni latinoamericani precedenti all’evangelizzazione del continente.

Sostanze tossiche

In questo contesto, una moltitudine di guru, da un lato e dall’altro dell’Atlantico, si autodefinisce sciamani, “taitas” o facilitatori di esperienze soprannaturali di origine ancestrale.

Questo fenomeno sta assumendo attualmente maggiore importanza man mano che conosciamo la gran quantità di gruppi che offrono ritiri e laboratori, che includono il consumo di varie sostanze allucinogene di origine naturale, vegetale (il peyote e soprattutto l’ayahuasca) o animale (con veleni di anfibi come il Bufo alvarius e il kambó).

Al di là dei rischi per la salute che rappresenta l’ingestione di queste sostanze, in particolare per la salute mentale – fino ad arrivare alla morte di alcuni “praticanti”, come mostra il blog pubblicato da un gruppo di Spagnoli interessati –, in genere si svolgono dinamiche di tipo settario.

Poca serietà, tanto business… e sette

La ripresa di ciò che è antico, ancestrale e originario è molto attraente, ed è qualcosa che trova facilmente una collocazione nella cosiddetta New Age, che pretende di offrire all’essere umano contemporaneo una spiritualità “autentica”, valida per tutti, senza le aggiunte nocive che presupporrebbero le religioni storiche (soprattutto il cristianesimo, ovviamente).

Come si è già detto, nella maggior parte dei casi i riferimenti a questioni del passato (credenze, divinità, pratiche spirituali…) superano di gran lunga quello che conosciamo attraverso l’indagine storica e archeologica.

I guru dei movimenti neopagani fanno una debole opera di invenzione e ricreazione sulla base, a volte, di nomi di dèi e testi antichi. Non va dimenticato che molte di queste religioni sono scomparse.

Sono i continuatori o gli eredi di quei culti ancestrali? In alcuni casi di neosciamanesimo, si può rintracciare un certo filo conduttore attraverso gli sciamani di popoli originari. Nel resto del fenomeno, parliamo di presuntuosi che si autoproclamano conoscitori diffusori di quella saggezza. Come sempre, nella New Age si gioca con il sentimento di essere “una persona speciale” proprio dell’esoterismo.

Insieme a questo, dobbiamo fare attenzione perché in molte occasioni ci troviamo davanti a vere sette. I loro leader attirano persone interessate alla spiritualità, alle culture antiche, al ruolo della donna, a un maggior contatto con la natura e a un ritorno all’essenziale per generare dipendenza nei loro adepti, presentandosi come i loro unici salvatori.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
egittogrecianew agepaganesimoreligioni
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni