Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Febbraio |
San Giuseppe da Leonessa
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Perché pregare per la conversione dei nostri cari?

shutterstock_2048988746.jpg

M-Production | Shutterstock

Hozana - pubblicato il 21/01/23

Come intendere la necessità reale di pregare per la conversione dei nostri familiari? Perché dobbiamo desiderare tanto la salvezza di ciascuno di loro?

di Wellington de Almeida Alkmin

“Credi nel Signore Gesù, e sarai salvato tu e la tua famiglia”.

At 16, 31

Quando San Pietro ha annunciato questo al carceriere che lo teneva prigioniero, ha chiarito che la salvezza non era solo per lui, ma che anche tutta la sua famiglia avrebbe potuto convertirsi e quindi essere salva.

Fin dalle origini, la Chiesa ha sempre detto chiaramente che dobbiamo pregare per la salvezza dei nostri cari. Sono moltissimi i documenti, i congressi e i santi che hanno consumato la propria vita per questa causa: la preghiera per la conversione della famiglia.

Vale la pena di ricordare le parole di Papa Francesco:

“L’amore in famiglia è un cammino personale di santità per ciascuno di noi. Per questo l’ho scelto come tema per l’Incontro Mondiale delle Famiglie di questo mese. Preghiamo per le famiglie cristiane di tutto il mondo, per ciascuna e per tutte le famiglie, perché con gesti concreti vivano la gratuità dell’amore e la santità nella vita quotidiana”.

Ma come intendere la reale necessità di pregare per la conversione dei nostri cari? Perché dobbiamo desiderare tanto la salvezza di ciascuno di loro?

Propongo una piccola riflessione.

Cercate di ricordare tutti i vostri cari, quelli che vorreste che fossero al vostro fianco in ogni tempo e luogo, che non escono mai dai vostri pensieri…

Siamo solo di passaggio in questa vita, e volete e e pregate di essere un giorno in Paradiso, giusto? Come ci ricorda San Giovanni, “Questa è la promessa che egli ci ha fatta: la vita eterna” (1 Gv 2, 25). Ora immaginate di stare un giorno in Cielo e che una volta arrivati lì non troviate nessuna delle persone che tanto amate e che oggi sono al vostro fianco. C’è posto per tutti, come ha detto Gesù: “Nella casa del Padre mio ci sono molte dimore; se no, vi avrei detto forse che io vado a prepararvi un luogo?” (Gv 14,2). Come vi sentireste e vivreste l’eternità senza la loro presenza?

Penso che non sia necessario entrare nei dettagli su quanto ci sia bisogno di pregare non solo per la nostra salvezza, ma anche per quella di tutti coloro che per noi sono preziosi. Saulo (nome ebraico con cui era noto ai Giudei) è stato un grande esempio della necessità di conversione e di pregare per i fratelli. Un giorno è letteralmente caduto da cavallo incontrando Gesù sulla via di Damasco (At 9,1-6) durante la persecuzione dei cristiani. Il cambiamento di vita è stato così grande che ha preferito essere chiamato Paolo (in Latino, lingua ufficiale dell’Impero Romano) o Paulus, com’era conosciuto tra i pagani, a cui ha dedicato la sua vita e per cui ha cercato conversione e salvezza. San Paolo, consapevole della necessità della salvezza di tutti i suoi fratelli ebrei, più di una volta è entrato nelle sinagoghe per proclamare che Gesù è Dio:

“Si mise subito a predicare Gesù nelle sinagoghe, affermando che egli è il Figlio di Dio” (At 9,20).

“Quando giunsero a Efeso, Paolo li lasciò là; poi, entrato nella sinagoga, si mise a discorrere con i Giudei” (At 18,19).

Come San Paolo, facciamo ciò che Nostro Signore ha chiesto prima di partire per il Cielo dopo la resurrezione: “Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi non avrà creduto sarà condannato” (Mc 16, 15 ss.). Penso che, come me, non vogliate perdere nessuno dei vostri cari, giusto? E allora “non cessate mai di pregare ” (1 Ts 5, 17), ci esorta San Paoolo, perché io, i miei cari, voi e i vostri cari possiamo un giorno stare insieme nella Casa del Padre.

Se avete letto questo testo fino a qui è perché forse tra i vostri cari ci sono persone che hanno bisogno delle vostre preghiere. Pregate subito per loro!

In prossimità della festa della conversione di San Paolo, noi della rete sociale di preghiera Hozana abbiamo creato una pagina di intenzioni speciali. Le intenzioni che inserirete in questa pagina verranno inviate ai Francescani che curano il Santuario della Conversione di San Paolo a Damasco, che pregheranno per voi e per ciascuna delle vostre intenzioni. Inserite la vostra intenzione di preghiera ora!

Dio benedica voi e la vostra famiglia. Spero che ci incontreremo in Paradiso.

Tags:
conversionepreghiera
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni