Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Febbraio |
San Giuseppe da Leonessa
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Giovanni Paolo II, i cani-poliziotto e… la Presenza Reale

Police dog

Photo Spirit / Shutterstock

Marzena Wilkanowicz-Devoud - pubblicato il 17/01/23

Mentre alcuni fedeli fanno fatica a credere alla presenza reale di Gesù nel Santissimo Sacramento, un aneddoto riportato dal viaggio di Giovanni Paolo II a Baltimora (USA), nel 1995, provoca loro (e noi) a credere.

Tra la folla dei giornalisti che hanno seguito i viaggi di Giovanni Paolo II nel corso del lungo pontificato, sono in pochi ad essersi dedicati a questa storia sorprendente… Il Catholic Times, però, il giornale americano della diocesi di Springfield, si era fatto eco di un aneddoto quantomeno suggestivo

Era accaduto durante la quarta visita pastorale del pontefice polacco negli Stati Uniti: tutto era cominciato con un piccolo cambio di programma improvvisato all’ultimo minuto (pratica frequente per Giovanni Paolo II). 

Era l’8 ottobre 1995, l’ultimo giorno della sua visita a Baltimore. Il Papa doveva incontrare i seminaristi del seminario di St. Mary. Bisogna precisare che l’incontro doveva svolgersi nei giardini del seminario. Arrivando (e il programma era già bello carico), il Papa chiese se potesse prima di tutto andare a pregare nella cappella del seminario. I servizi di sicurezza, che non avevano previsto il passaggio del Pontefice in quella cappella all’interno dell’edificio, si misero allora rapidamente in azione. Come la circostanza consigliava, tutto l’edificio fu frugato da cima a fondo, con particolare attenzione per la cappella in cui il Papa voleva recarsi per pregare. 

La presenza reale segnalata dai cani 

Per questo furono portati dei cani-poliziotto, particolarmente versati per individuare ogni presenza umana vivente, ancorché nascosta. Lo scopo? Sgominare un eventuale attentato o un qualsivoglia agguato contro il Pontefice. Questi cani particolarmente esercitati sono molto utilizzati, specialmente in caso di terremoto, per ritrovare i sopravvissuti sotto le macerie. Dopo aver attraversato i corridoi e gli uffici del seminario, i cani vennero portati in cappella. Arrivati davanti al tabernacolo, si fermarono e si misero ad abbaiare senza più muoversi – cosa che doveva significare la presenza di una persona nascosta lì dentro. 

Toccato dalla storia, padre Élisée Noël, autore de L’adoration qui plaît à Dieu (Saint-Paul), descrive nel proprio libro come un giorno in una chiesa l’aveva raccontata a dei bambini che si apprestavano a fare la prima comunione. Poi ha chiesto loro perché i cani si fossero fermati davanti al tabernacolo. Senza esitare hanno tutti risposto che è stato per segnalare che, nel tabernacolo, si trovava una persona. 

Ho chiesto loro chi fosse questa persona, e tutti hanno risposto: «Gesù!». Vorrei tanto che tutti aveste una fede simile a quella dei piccoli, e soprattutto che la manifestaste diventando adoratori in spirito e verità, il genere di adoratori che il Padre nostro cerca. 

Certamente questa bella storia può aiutare quanti dubitano a diventare degli adoratori più ardenti. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
adorazione eucaristicaeucaristiagiovanni paolo IImiracoli eucaristicistati uniti d'america
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni