Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

La misericordia di Dio è per tutti: sei disposto ad accoglierla?

Mani al cielo

Natali _ Mis|Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 11/01/23

Il nostro problema non è convincere Dio ad amarci, ma convincere noi stessi ad aprirci al Suo amore.

Vangelo di giovedì 12 gennaio

Allora venne a lui un lebbroso: lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi guarirmi!». Mosso a compassione, stese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, guarisci!». Subito la lebbra scomparve ed egli guarì. E, ammonendolo severamente, lo rimandò e gli disse: «Guarda di non dir niente a nessuno, ma va’, presentati al sacerdote, e offri per la tua purificazione quello che Mosè ha ordinato, a testimonianza per loro». Ma quegli, allontanatosi, cominciò a proclamare e a divulgare il fatto, al punto che Gesù non poteva più entrare pubblicamente in una città, ma se ne stava fuori, in luoghi deserti, e venivano a lui da ogni parte. (Marco 1,40-45)

Mi commuove sempre il breve ma intenso dialogo che Gesù intrattiene con il lebbroso in questo passo del Vangelo di Marco di oggi:

Allora venne a lui un lebbroso: lo supplicava in ginocchio e gli diceva: «Se vuoi, puoi guarirmi!». Mosso a compassione, stese la mano, lo toccò e gli disse: «Lo voglio, guarisci!». Subito la lebbra scomparve ed egli guarì.

“Se vuoi, puoi” è una giaculatoria bellissima da usare con Gesù. La preghiera di questo lebbroso non è pretesa. È la preghiera di chi si affida alla volontà di Dio, ma allo stesso tempo manifesta che questa volontà può tutto.

Gesù si commuove davanti alla fede di quest’uomo che soffre e fa molto di più che guarirlo: lo tocca. È un gesto proibito e soprattutto pericoloso visto l’alto rischio di contagio.

Ma Gesù sa che ci sono dei momenti nella vita in cui non bastano sono le parole, si ha bisogno di fare esperienza. Un abbraccio delle volte vale più di un semplice ti voglio bene. È bello pensare che la fede non è la spiegazione del dolore, ma l’esperienza della presenza reale di Gesù proprio in quel dolore.

Quest’uomo si vede guarito ma soprattutto si sente amato da qualcuno che non inizia ad amarlo dopo la guarigione, ma proprio mentre è lebbroso.

Ed è proprio questo amore la causa della sua guarigione. Se nelle cose del mondo bisogna meritarsi le cose, Gesù nel Vangelo ci dice che il Suo amore non è questione di meriti ma questione di accoglienza. La misericordia di Dio è per tutti, senza nessuna condizione, tranne una: devi essere disposto ad accoglierla.

Infatti il nostro problema non è convincere Dio ad amarci, ma convincere noi stessi ad aprirci a questo amore.  

Tags:
dalvangelodioggidon luigi maria epicocovangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni