Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Febbraio |
Beato Pio IX
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Perché preghiamo per i morenti?

HOSPITAL BED

Thaiview | Shutterstock

Philip Kosloski - pubblicato il 04/01/23

Preghiamo per chi sta per morire perché possa essere rafforzato nelle sue ultime ore di vita e perseveri fino alla fine

La morte può essere un evento spaventoso nella vita di una persona, soprattutto quando sa che sta per morire e che può lasciare questa vita da un momento all’altro. È per questo che è estremamente importante pregare per chi sta morendo, chiedendo a Dio di effondere la Sua grazia sull’anima sofferente.

Il Catechismo della Chiesa Cattolica spiega perché i morenti hanno bisogno delle nostre preghiere nella sua sezione sul sacramento dell’Unzione dei malati:

“La grazia fondamentale di questo sacramento è una grazia di conforto, di pace e di coraggio per superare le difficoltà proprie dello stato di malattia grave o della fragilità della vecchiaia. Questa grazia è un dono dello Spirito Santo che rinnova la fiducia e la fede in Dio e fortifica contro le tentazioni del maligno, cioè contro la tentazione di scoraggiamento e di angoscia di fronte alla morte”. 

CCC 1520

Satana farà qualsiasi cosa in suo potere per allontanare una persona morente da Dio nei suoi ultimi momenti. Il senso di disperazione e solitudine può far pensare a una persona che Dio l’abbia abbandonata.

Il senso di vergogna e di indegnità può poi attanagliare un individuo sulla soglia della morte, facendogli credere che per il peso dei suoi peccati non possa andare in Paradiso.

San Giovanni Paolo II notava nella sua Letttera agli Anziani che la morte può comportare una paura dell’ignoto difficile da sopportare:

“Ha detto in proposito il Concilio: ‘In faccia alla morte l’enigma della condizione umana diventa sommo. Non solo si affligge, l’uomo, al pensiero dell’avvicinarsi del dolore e della dissoluzione del corpo, ma anche, ed anzi più ancora, per il timore che tutto finisca per sempre’. Certo, il dolore resterebbe inconsolabile, se la morte fosse la distruzione totale, la fine di tutto. La morte costringe perciò l’uomo a porsi le domande radicali sul senso stesso della vita: che c’è oltre il muro d’ombra della morte? Costituisce essa il termine definitivo della vita o esiste qualcosa che l’oltrepassa?”

I morenti hanno bisogno delle nostre preghiere per affrontare queste domande con pace e serenità. Hanno bisogno della grazia di Dio per porre fine a questa vita senza temere l’ignoto.

Possono morire in pace sapendo che Gesù ha vinto la morte e li accoglierà nella Sua dimora eterna.

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni