Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Febbraio |
San Biagio
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Se tieni gli occhi puntati su Gesù non ti perderai

THOUGHT

Yuricazac | Shutterstock

don Luigi Maria Epicoco - pubblicato il 03/01/23

Se tu guardi Gesù puoi anche permetterti di avere domande e crisi perché non ti perderai. Se perdi di vista Gesù sei già perduto anche se vivi nell’illusione di aver compreso tutto

Vangelo di mercoledì 4 gennaio

Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù. Gesù allora si voltò e, vedendo che lo seguivano, disse: «Che cercate?». Gli risposero: «Rabbì (che significa maestro), dove abiti?». Disse loro: «Venite e vedrete». Andarono dunque e videro dove abitava e quel giorno si fermarono presso di lui; erano circa le quattro del pomeriggio.
Uno dei due che avevano udito le parole di Giovanni e lo avevano seguito, era Andrea, fratello di Simon Pietro. Egli incontrò per primo suo fratello Simone, e gli disse: «Abbiamo trovato il Messia (che significa il Cristo)» e lo condusse da Gesù. Gesù, fissando lo sguardo su di lui, disse: «Tu sei Simone, il figlio di Giovanni; ti chiamerai Cefa (che vuol dire Pietro)». (Giovanni 1,35-42)

Il giorno dopo Giovanni stava ancora là con due dei suoi discepoli e, fissando lo sguardo su Gesù che passava, disse: «Ecco l’agnello di Dio!». E i due discepoli, sentendolo parlare così, seguirono Gesù.

La vera evangelizzazione funziona sempre in questo modo. Essa non è un discorso convincente ma la trasmissione di un fuoco, di una passione, di una certezza che puoi leggere nello sguardo di chi ha gli occhi fissi su Gesù.

Dobbiamo stare però attenti a non confondere la certezza della fede con la certezza di questo mondo. Essere certi nella fede significa avere un punto focale da cui guardare tutte le cose.

Le certezze di questo mondo invece sono la semplice spiegazione delle cose. Gesù non ci salva dalle domande e dai dubbi che la vita suscita nel nostro cuore, ma ci dà sempre un punto di vista che non perde l’essenziale.

Se tu guardi Gesù puoi anche permetterti di avere domande e crisi perché non ti perderai. Se perdi di vista Gesù sei già perduto anche se vivi nell’illusione di aver spiegato tutto l’universo.

Ma oltre lo sguardo è il calore delle parole di Giovanni che muovono i discepoli a lasciarlo per seguire Gesù. “Sentendolo parlare così”, annota il Vangelo.

Ciò sta a significare che c’è un modo che suscita desiderio di sequela e c’è un modo che scoraggia la sequela. Mi domando spesso se la gente che ci sente parlare è invogliata a seguire Gesù o sperimenta in sé solo impedimenti?

Quando il nostro modo di parlare del Vangelo suscita sensi di colpa nelle persone, o le fa sentire giudicate questo provoca sequela o impedisce l’incontro?

Non esiste una ricetta ma una chiave di lettura per capire la qualità delle nostre parole.

Tags:
dalvangelodioggidon luigi maria epicocogesù cristovangelo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni