Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Febbraio |
Beato Pio IX
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Benedetto XVI amava i gatti e diceva che per gli animali non c’è vita eterna

Pope-Benedict-XVI-caresses-a-lion-AFP

Photo by Andreas SOLARO / AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 02/01/23

Ratzinger aveva espresso un giudizio di chiusura sull’aldilà per gli animali, nonostante avesse molto a cuore i felini anche da Papa

Benedetto XVI amava molto gli animali, in particolare i gatti, eppure sosteneva che per loro non ci fosse la possibilità della vita eterna. Affermazioni che possono sembrare contraddittorie, ma che in realtà non lo sono. 

Il peluche del piccolo Joseph

La passione per i gatti di Joseph Ratzinger, scrive Jeanne Perego, autrice del libro “Joseph e Chico. Un gatto racconta la vita di Papa Benedetto XVI” (ottobre 2007, edizione Emp), iniziò molto presto: quando aveva solo due anni e viveva a Marktl am Inn, il paese in Baviera dove nacque il 16 aprile 1927,  ne aveva già uno in peluche che amava moltissimo, e che godeva la buona compagnia di un cagnolino e di un orsetto. A proposito di quest’ultimo le cronache locali raccontano che per averlo fece un gran capriccio davanti alla vetrina di una bottega locale, e soffrì quando l’orso scomparve dai giocattoli in vendita. Immensa la sua  gioia quando l’animale di peluche comparve sotto l’albero di Natale di quell’anno. 

Pope-Benedict-XVI-caresses-San-Bernard-dogs-AFP

Il gatto Chico

Il felino più famoso  della vita di Joseph Ratzinger è sicuramente il gatto Chico: un soriano rossiccio di proprietà dei vicini  della villetta a Pentiling dove viveva negli anni dell’insegnamento universitario a Ratisbona, e dove poi trascorreva le vacanze dopo il trasferimento a Roma. Ogni volta che riusciva a tornare in Baviera Ratzinger riceveva le lunghe visite di Chico che di fatto si installava per giorni  in casa sua.

Sul piano mentre suonava Mozart

Le storie su Chico, definito “il gatto del papa” dai media di tutto il mondo al momento dell’elezione di Ratzinger al soglio pontificio,  sono tante: si sa che amava passeggiare sulla tastiera del pianoforte mentre il cardinale innamorato di Mozart suonava.

Il calendario dei gatti

Si sa che osservava perplesso la scultura che rappresentava un felino come lui che faceva bella mostra di sé nel giardino. Non si sa – ovviamente – che cosa ne pensasse, invece, del calendario dedicato ai gatti che Joseph Ratzinger ogni anno comprava e appendeva in casa, le cui pagine venivano diligentemente girate dal fratello Georg

La morte di Chico

Chico, che è stato il gatto del cuore del cardinale poi diventato papa, ha dovuto essere addormentato per sempre da un veterinario nel 2015 perché “aveva un cancro alla lingua, e non riusciva quasi più a  mangiare”, come ha raccontato il suo padrone Rupert Hofbauer, che si occupava  della casa e del giardino di Ratzinger in sua assenza.

gatto

Tutti i gatti di Benedetto 

Ma Chico non è stato l’unico gatto  nella vita del papa emerito, oltre ai  gatti bavaresi della sua giovinezza, numerosi   quelli che vivevano con i Ratzinger nella fattoria a Hufschlag, vicino a Traunstein, ci sono tutti quelli romani, da quelli della colonia felina  che incontrava e nutriva  nel suo percorso quotidiano dalla casa in piazza della città Leonina  all’ufficio al sant’Uffizio, che poi lo seguivano in corteo fino a destinazione, tanto che una delle Guardie Svizzere una volta gli disse “Eminenza , che fa? Sta organizzando l’invasione dei gatti in vaticano?”, a quelli che vivevano nei Giardini Vaticani che lui – già eletto pontefice –  fece curare amorevolmente da un veterinario (Huffington Post, 31 dicembre 2022).

Le mail degli animalisti preoccupati  

Dopo la sua elezione a papa, riporta Il Giornale (31 dicembre 2022), arrivarono migliaia di mail da parte di animalisti e semplici appassionati, preoccupati del fatto che il suo Chico, in realtà di proprietà dei suoi vicini di casa in Bavaria che aveva scelto lui come proprietario, non potesse seguirlo in Vaticano.

Le passeggiate con i gatti a Borgo Pio 

Venne addirittura intervistata dai quotidiani di mezzo mondo, Agnes Heindl governante di lunga data del fratello del papa, deputata in un primo momento a fare da badante sia al felino che ad un altro cucciolo multicolore suo amico. Sono molti gli abitanti di Borgo Pio, il piccolo quartiere a ridosso del Vaticano, che ricordano le sue passeggiate circondato da gatti randagi a cui portava portava frequentemente cibo e non è un caso, che durante il suo pontificato, uno degli oggetti più venduti fu un cappellino da cardinale per gatti.

Felini in Congregazione!

Anche il cardinal Tarcisio Bertone, già Segretario di Stato, confermò questo suo grande amore: “Si fermava, diceva loro alcune parole in tedesco, probabilmente in dialetto bavarese. Portava loro sempre qualcosa da mangiare e se li tirava dietro fino al cortile della Congregazione della dottrina per la fede” (quando Ratzinger era cardinale e prefetto della Congregazione). 

La guardia svizzera e l’invasione dei gatti 

Sempre il cardinal Bertone raccontò un divertente episodio che spiega molto bene il sentimento che il papa emerito aveva per i felini: “Una volta da Borgo Pio è entrato in Vaticano con una dozzina di gatti al suo seguito, mentre parlava con loro una guardia svizzera gli disse: ‘Eminenza sta organizzando l’invasione dei gatti in Vaticano?’ Lui lo guardò ridendo e gli rispose: “Oh, non credo che siano pericolosi!”.

“Si scioglieva davanti agli animali”

Alti esponenti del Vaticano sottolineano l’amore di Benedetto XVI per gli animali, in generale. “La prima immagine che mi viene in mente – ha sottolineato nel 2013 monsignor Alfred Xuereb in una intervista rilasciata a Luca Collodi di Radio Vaticana – è che Benedetto XVI si scioglieva davanti agli animali, alla natura, gli piaceva stare fuori, quando uscivamo, per fare una scampagnata, anche quando veniva suo fratello dalla Germania. Ricordando, forse, i momenti in cui, in Germania, da ragazzo, andavano a fare gite nella natura”. ‘Papa Benedetto – aveva aggiunto – non ha amore solo per i gatti, ma per tutti gli animali” (Vatican News, 1 gennaio 2023).

La vita eterna degli animali

Benedetto XVI, nel 2008, nella Cappella Sistina, proprio accanto allo straordinario affresco michelangiolesco del Giudizio Universale, pronunciò un’omelia che fece molto discutere: perché tirò in ballo gli animali, parlando della vita eterna. Ecco le sue parole:

“Tutto ciò che ha inizio sulla terra prima o poi finisce, come l’erba del campo, che spunta al mattino e avvizzisce la sera – ha detto il Pontefice -. Però nel Battesimo il piccolo essere umano riceve una vita nuova, la vita della grazia, che lo rende capace di entrare in relazione personale con il Creatore, e questo per sempre, per tutta l’eternità. Sfortunatamente l’uomo è capace di spegnere questa nuova vita con il suo peccato, riducendosi ad una situazione che la Sacra Scrittura chiama “morte seconda”. Mentre nelle altre creature, che non sono chiamate all’eternità, la morte significa soltanto la fine dell’esistenza sulla terra, in noi il peccato crea una voragine che rischia di inghiottirci per sempre, se il Padre che è nei cieli non ci tende la sua mano” (La Stampa, 13 gennaio 2008).

Tags:
animaligattipapa benedetto xvi
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.