Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Perché alla fine dell’anno dobbiamo provare gratitudine e tristezza

kobieta siedzi w szklarni wśród roślin i rozmyśla

DimaBerlin | Shutterstock

Philip Kosloski - pubblicato il 29/12/22

Guardando l'anno passato, questi devono essere i nostri sentimenti principali

La fine di un altro anno solare può suscitare una serie di sentimenti al momento di ricordare i tanti eventi degli ultimi dodici mesi. Possiamo rimpiangere le occasioni perdute, e allo stesso tempo sperare in un nuovo inizio.

Il Direttorio vaticano sulla Pietà Popolare e la Liturgia ci presenta due sentimenti che dobbiamo sperimentare alla fine dell’anno:

“Dalla pietà popolare provengono alcuni pii esercizi che caratterizzano il 31 dicembre. Nella maggior parte dei paesi dell’Occidente in tale giorno si celebra la fine dell’anno civile. La ricorrenza induce i fedeli a riflettere sul ‘mistero del tempo’ che corre veloce e inesorabile. Ciò suscita nel loro animo un duplice sentimento: di pentimento e di rammarico per le colpe commesse e per le occasioni di grazia perdute lungo l’anno che volge al termine; di gratitudine per i benefici ricevuti da Dio”.

Come esseri umani, tutti commettiamo errori, ed esprimere il dolore che sperimentiamo è una parte della nostra esperienza della misericordia di Dio. Quando proviamo questa tristezza e cerchiamo il perdono di Dio, riconosciamo la nostra dipendenza da Lui, sapendo che Egli è pronto ad accoglierci tra le Sue braccia paterne.

Anche se ricordare i nostri fallimenti è un buon esercizio, non dovremmo dedicare troppe energie a pensarci. Dobbiamo concludere la nostra meditazione ringraziando Dio per le tante benedizioni che ci ha elargito. Per quanto oscura possa sembrarci la nostra vita, Dio ci ha dato innumerevoli benedizioni e grazie nell’ultimo anno. Dobbiamo semplicemente riconoscere questi momenti, chiedendo a Dio aiuto per scoprire l’abbondanza del Suo amore per noi.

Al termine dell’anno solare, possiamo guardare agli ultimi dodici mesi con questa miscela di gioia e tristezza e al prossimo anno con profonda speranza.

Tags:
annoanno nuovo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni