Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Mihajlovic e quelle tre ore con il Papa: “Mi ha lasciato un segno”

Pope-Francis-Sinisa-Mihajlovic

CUCCO RICUCCHI / NURPHOTO VIA AFP - Antoine Mekary | ALETEIA

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 16/12/22

L’allenatore del Bologna e quell’incontro con Papa Francesco. “Uomo saggio e simpatico. Può ricoprire ogni ruolo, in campo farebbe la differenza"

Sinisa Mihajlovic e quelle tre ore di colloquio con Papa Francesco, avvenute nel mezzo della battaglia contro la leucemia, che non è riuscito a sconfiggere.L’allenatore del Bologna ed ex calciatore, morto il 16 dicembre 2022 a soli 53 anni, aveva definito quell’incontro del 2021 con il papa «una esperienza indimenticabile». 

Il primo incontro con un Papa è stato con Wojtyla

Non è stata la prima volta che Mihajlovic, fervente cristiano, ha dialogato con un pontefice. «Ero stato da Papa Wojtyla tre volte mentre questa era la prima con Papa Francesco. Ho avuto una grandissima impressione perché è un uomo saggio, simpatico e anche con la battuta pronta. Sono andato con mia moglie e mia suocera e quando le ho presentate mi ha detto, “Ti dovrebbero fare santo subito visto che ti sei portato anche la suocera!”» (Tuttosport). 

PAPIEŻ FRANCISZEK

“Gli ho raccontato la malattia”

Mihajlovic, che si definiva «metà cattolico e metà ortodosso», ha partecipato a questo lungo incontro organizzato dal canale televisivo Nove con altri 5 personaggi famosi e persone protagoniste di storie emozionanti. «È stato gentilissimo con tutti. Ha ascoltato tutte le nostre storie, di persone che con la forza di volontà o la fede sono riuscite a superare montagne difficilissime, io per la malattia». 

“Quando lo senti parlare, ti lascia un segno dentro”

L’allenatore del Bologna ha raccontato le emozioni che ha vissuto. «Ho ricevuto la sensazione di avere di fronte un uomo con una saggezza enorme. Lo dimostra anche il fatto che siamo stati tre ore ma a me il tempo è sembrato volare, mi è parso che sia durato cinque minuti (…). Ho capito la grandezza della persona, ha davvero qualcosa in più. Quando lo senti parlare, per quello che dice e come lo dice lascia un segno dentro di te. Subito».

shutterstock_1615109461.jpg

Il Papa è un “tuttocampista”

Tuttosport chiedeva a Mihajlovic una metafora calcistica per Francesco: “Per il suo modo di agire lo vedrebbe meglio in porta, a centrocampo o in attacco?” E Sinisa rispondeva così: «Il Papa è un tuttocampista, può ricoprire ogni ruolo. L’importante è che stia in campo. Farebbe la differenza».

Tags:
calciofedepapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni