Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Febbraio |
Beato Pio IX
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

La prima strage di cattolici in Inghilterra: pagarono in 40, con la vita 

The painting by Daphne Pollen (1904-86) commissioned for the 1970 canonization of the forty martyrs of England Wales.

© Painting by Daphne Pollen (1904-86) via jesuitinstitute.org

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 15/12/22

Se oggi i cattolici sono una minoranza sempre più ristretta nelle isole britanniche, e in particolare in Inghilterra, la ragione della crisi risale a molti secoli fa

Il 25 ottobre 1970, papa Paolo VI canonizzò quaranta martiri che offrirono la vita per custodire la fede cattolica in Inghilterra e Galles tra il 1535 e il 1681. 

La prima aggressione ai cattolici

Quando il suo predecessore Clemente VII non acconsentì al desiderio di Enrico VIII di divorziare dalla regina Caterina d’Aragona, il Re si fece capo della Chiesa e costrinse i sudditi ad accettare il suo nuovo ruolo. Cominciò così il tentativo di sradicare la fede cattolica nelle isole britanniche: centinaia di laici, sacerdoti e religiosi furono torturati e giustiziati. Ancora oggi non se ne conosce il numero esatto, scrive Giuliana Vittoria Fantuz nel libro “Inghilterra di sangue” (edizioni Ares).

Censurata dai libri di storia 

Di questa tragica vicenda quasi non si parla nei libri di storia. E, generalmente, la regina Elisabetta I, fondatrice della Chiesa d’Inghilterra, è presentata come custode del bene dei sudditi. Nei fatti, la popolazione divenne anglicana lentamente e dolorosamente, subendo persecuzioni e ingiustizie imposte con editti e leggi anche sotto i successivi regni da Giacomo VI a Carlo II, passando per il regime di Cromwell.

Saint John CHURCH IN BATH
La Chiesa di San Giovanni a Bath, una delle più importanti chiese cattoliche d’Inghilterra.

Sacerdoti, frati e fedeli trucidati 

A quasi 500 anni dalla loro eroica morte, osserva l’Autrice, questi santi sono tuttora segno di speranza e ci rinnovano per il loro esempio l’invito del grande pensatore francese Blaise Pascal: «Gesù sarà in agonia fino alla fine del mondo; non bisogna dormire durante questo tempo». Vi sono parecchi sacerdoti, ma anche frati, monaci e alcuni fedeli laici (donne e uomini) tra i Quaranta Martiri d’Inghilterra e Galles.

Il caso del sacerdote gesuita Alexander Briant 

Dopo numerose e strazianti torture, egli viene condannato a morte e, mentre si trova in tribunale, gli è intimato di gettare via la piccola croce di legno che si era fabbricato in carcere, e da cui non si staccava mai. La sua risposta dice la sua fede: «Non lo farò mai, sono un soldato della Croce e non abbandonerò questo stendardo fino alla morte». E quando, infine, gli viene strappata via con la forza, aggiunge: «Potete togliermela dalle mani, ma non dal cuore. Morirò per Colui che per primo morì per me». 

La croce dei discepoli 

Sì, è la croce che dà ai discepoli di ogni tempo la forza di testimoniare il Signore Gesù. E, da quella prima Pasqua in cui avvenne la Risurrezione, è stato inaugurato il tempo della Chiesa in cui i battezzati sono chiamati a dire nella vita – con la fede, la speranza e la carità – che Gesù è il Signore. 

CLICCA QUI PER ACQUISTARE IL LIBRO

COPERTINA LIBRO INGHILTERRA DI SANGUE DI GIULIANA VITTORIA FANTUZ
Tags:
cattolicichiesainghilterra
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.