Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Quanti angeli esistono, di fatto? 

ARCHANGELS

wellcomeimages-(CC BY 4.0)-modified

Marzena Wilkanowicz-Devoud - pubblicato il 05/12/22

Si può sapere o no, il numero degli angeli? Ad alcuni la domanda sembrerà strana, eppure gli angeli hanno un ruolo fondamentale nel cristianesimo. Proviamo a vederci più chiaro.

Può sorprendere, che si voglia tentare di rispondere alla domanda sul numero degli angeli. Eppure essa ha lungamente impegnato l’attenzione dei Padri e dei Dottori della Chiesa. Quando ci si lancia nelle ricerche, alcune risposte fanno capolino, soprattutto nella Bibbia e negli scritti dei grandi santi. 

Le Scritture mettono inscena infatti immense «armate celesti». In una visione, il profeta Daniele vede l’Eterno accompagnato e servito da milioni di spiriti celesti: 

Migliaia di migliaia Lo servivano e miriadi di miriadi stavano davanti a Lui. 

Dan 7,10 

Quando – la sera del Giovedì Santo – Cristo ordina a Pietro di rinfoderare la spada, si riferisce anch’egli a “dodici legioni di angeli”: 

Credi tu che io non possa chiamare mio Padre, che subito metterebbe a mia disposizione più di dodici legioni di angeli? 

Mt 26,53 

Come precisa Anne Bernet nella sua Enquête sur les anges [Inchiesta sugli angeli, N.d.T.] (Artège), san Girolamo avrebbe stimato, relativamente al passo specifico, il numero di angeli evocato in qualcosa come 72mila. Ovviamente si tratta di cifre simboliche che dànno l’idea dell’incalcolabile. E tuttavia lo si dica riportando anche questa nota di Gregorio Magno: si tratta di un «numero finito agli occhi di Dio, ma infinito davanti a quelli umani». 

La moltiplicazione dei capolavori di Dio 

Soprannominato “dottore angelico”, san Tommaso d’Aquino ha lasciato un pensiero teologico luminoso sugli angeli, tutori personali (così ne parla nella Summa Theologiæ). Nell’opera in questione egli spiega la loro moltitudine con alcuni argomenti. Per lui esistono tre grandi tipi di creature: 

  • in primo luogo quelle del cosmo (creature materiali); 
  • quindi gli angeli (creature spirituali), buoni o cattivi; 
  • infine l’uomo, al crocevia tra i due mondi. 

Se l’esistenza degli angeli è per lui un’evidenza, san Tommaso aggiunge che senza le creature spirituali il creato non sarebbe completo. Gli angeli sono creature perfette, ed è nella perfezione che Dio si compiace: pertanto ha voluto 

moltiplicare il proprio capolavoro e creare molti più angeli che creature materiali o materiali-e-spirituali. 

Un altro argomento-chiave del maestro domenicano tocca la giustizia divina, che non 

potrebbe ammettere – spiega Anne Bernet – che il numero dei maledetti sia maggiore di quello degli eletti – si ricordi che Dio prevede da tutta l’eternità sia la defezione dei demonî sia la perdizione degli uomini trascinati da quelli all’inferno. 

Altri santi, in particolare certi grandi mistici, hanno sottolineato nei racconti delle loro visioni «innumerevoli schiere fiammeggianti». Padre Pio afferma anche che «ciò che ci appare vuoto è in realtà pieno di angeli». 

Nove cori angelici 

Malgrado il grande numero di angeli, non esiste la minima possibilità di confusione tra loro: al contrario, prevale il massimo ordine. Dio, per il quale la moltitudine degli angeli è una gloria, ha stabilito un’ineffabile armonia. Esistono (questa dottrina è stata canonizzata dallo pseudo-Dionigi Areopagita) nove cori di spiriti celesti: sono divisi in tre gerarchie, ciascuna a propria volta suddivisa in tre ordini distinti. La prima gerarchia comprende 

  • i serafini, 
  • i cherubini e 
  • i troni; 

la seconda 

  • le dominazioni, 
  • le potenze e 
  • le virtù; 

la terza gerarchia comprende 

  • i principati, 
  • gli arcangeli e 
  • gli angeli. 

Se le Scritture non menzionano la scala delle loro dignità, e se non tutti i padri della Chiesa hanno adottato una classificazione univoca e uniforme dei cori celesti, i teologi sono unanimi nel classificarli nell’ordine pseudo-dionisiaco. Ogni coro si distingue dagli altri per il proprio particolare ministero e per il grado di eccellenza e di grazia che gli è proprio. La vocazione prima dei cori è di manifestare lo splendore dell’Essere di Dio, la loro missione fondamentale è di condurre gli uomini in Cielo, di preparare l’incontro delle anime con Dio. Questi innumerevoli custodi dell’ordine – intelligenti e liberi messaggeri tra Dio e gli uomini – proteggono gli uomini e pregano per loro, incoraggiano le loro anime verso la santità. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
angeligerarchiagerarchie angelichesacra scritturasan tommaso d'aquino
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni