Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Febbraio |
San Giuseppe da Leonessa
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

Conoscete la Madonna delle Galline e la sua storia?

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
Riproduzione-della-tavola-lignea-raffigurante-la-Madonna-del-Carmine

IgnazioWiki, CC BY-SA 4.0 via Wikimedia Commons

Silvia Lucchetti - pubblicato il 03/12/22

La Vergine apparve in sogno al sagrestano di una chiesa andata in rovina: "Figlio mio, devi dire al parroco che rimetta a posto questa casa di Dio. Altrimenti io me ne andrò via, in un posto dove mi vorranno bene anche le galline".

Sul numero del 16 ottobre scorso di Maria con te è presente un articolo a firma di Riccardo Caniato che racconta la curiosa e originale vicenda all’origine del santuario salernitano della Madonna delle Galline di Pagani.

View this post on Instagram

A post shared by Madonna delle Galline Official (@madonnadellegalline_official)

Pagani è una cittadina della provincia di Salerno di trentacinquemila abitanti. La popolazione è fortemente legata al santuario della Madonne delle Galline, titolo particolare e insolito con cui è venerata qui la Madre di Dio.

“Andrò via in un posto dove mi vorranno bene anche le galline”

Nel XIV secolo, racconta Caniato, sopra Pagani nella località Tramonti, c’era una chiesetta andata in rovina che conservava un’icona della Madonna del Carmine con Gesù Bambino. La storia tramandata narra che una notte la Vergine apparve in sogno al sagrestano dicendogli:

Figlio mio, devi dire al parroco che rimetta a posto questa casa di Dio. Altrimenti io me ne andrò via, in un posto dove mi vorranno bene anche le galline.

(Maria con te)

L’alluvione

L’uomo avvertì il sacerdote del sogno profetico ma forse non fu preso seriamente e così la situazione di abbandono in cui versava la chiesa non migliorò. Un’alluvione colpì Tramonti e il fiume d’acqua, detriti e fango trascinò via verso valle l’icona mariana. Di cui non si ebbe più notizia.

Le galline ritrovano l’icona della Madonna

Tempo dopo a Pagani, nel corso del Cinquecento, in una domenica in Albis (la domenica successiva a quella di Pasqua), un gruppo di galline si mise a beccare con insistenza in un punto. Non si mossero da quel tratto di terreno, razzolando e zampettando a lungo. Questo strano comportamento attirò l’attenzione dei passanti che incuriositi iniziarono a scavare proprio lì dove le galline beccavano. Così, grazie all’insistenza delle pennute, venne a luce la preziosa tavola che era stata trascinata via dalle acque.

Una chiesa dove le galline avevano ritrovato l’effige

La popolazione piena di gioia per il ritrovamento se ne occupò con amore e devozione, proprio come la Madonna aveva riferito al sagrestano. L’icona fu consegnata alla parrocchia di San Felice, ma a seguito della guarigione miracolosa di un paralitico nel 1609, (la Madonna della tavola gli era apparsa in sogno invitandolo ad alzarsi perché guarito) il vescovo di Nocera Mons. Simone Lunadoro decise di edificare una chiesa proprio nel punto dove le galline avevano rinvenuto l’effige.

La guarigione di un paralitico

Infatti si legge sul sito del santuario:

Il 1609 è un anno fondamentale nella storia del Santuario della Madonna delle Galline. La tradizione vuole che, proprio in quell’anno, uno storpio, giacendo in un locale non lontano dall’oratorio, ebbe in sogno la visione della Madonna che lo invitava ad abbandonare le stampelle e ad alzarsi in piedi, perché guarito. La notizia della miracolosa guarigione ebbe una eco eccezionale, al punto da stimolare la costruzione di un nuovo e più prestigioso edificio sacro. Ce ne dà notizia in un documento del 1610 l’allora Vescovo diocesano, Mons. Simone Lunadoro (1602 – 1610): 

Habbiamo ancora pur un’altra Immagine di Maria Vergine nella Chiesa, detta anticamente l’Annunziata, alla piazza del luogo de Pagani governata da Mastri e Confrati così detti li descritti nel numero della Confraternita, la quale (immagine) l’anno passato (1609) si scoprì molto gratiosa (che ottiene grazie), e tuttavia ancora seguita d’aggratiare chiunque con puro affetto dimandi il suo aiuto, dove per il concorso del popolo divoto, ch’ivi lassa larghe elemosine si fa da compiacimento ad una Chiesa molto più capace della frequenza della Brigata.

(madonnadellegalline.org)

Aggiunge Riccardo Caniato che la decisione del vescovo fu confermata da ben sette segni speciali dal Cielo, guarigioni miracolose, che continuarono a piovere dall’Alto quando la chiesa fu ultimata.

La festa della Madonna delle Galline

La gente di Pagani racconta che un giorno una signora aveva fatto dono al santuario di una gallina ruspante. Poco dopo però cambiò idea e volle riprendere con sé la pollastra. Ma niente, quella ritornò zampettando in chiesa dalla Vergine. Si narra che non fu l’unico caso e ancora oggi le galline più belle, ogni domenica in Albis, “sfilano” spontaneamente per riverenza davanti al santuario.

Così è nata la tradizione di offrire al carro per la processione della Madonna ogni sorta di volatili da cortile: galline, colombe, tacchini, anatre…

Italy city of pagans festival of the Madonna delle galline

La processione

Il carro durante la festa sfila per le vie della cittadina con sopra una statua lignea del settecento che ritrae la Madonna del Carmelo, realizzata proprio per questa speciale occasione. L’icona invece resta sull’altare della chiesa. I carmelitani e l’arciconfraternita della Madonna delle Galline curano interamente i festeggiamenti: processione, solenne Eucaristia. La festa a ritmo della tammurriata dura tre giorni e tre notti, dal venerdì alla domenica in Albis.

All’alba del lunedì infine – scrive Caniato – i suonatori depongono gli strumenti ai piedi della statua, in segno di affidamento, e, senza mai voltare le spalle al simulacro lasciano la chiesa intonando il canto Madonna della Grazia.

(Maria con te)
A traditional altar called tosello with the image of the Madonna del Carmelo called by the people Madonna delle Galline
Altare tradizionale allestito per la festa lungo le vie della cittadina

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
animaliiconamadonnasantuariotradizione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni