Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 04 Febbraio |
San Biagio
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Cristiano nigeriano sopravvive alla decapitazione e si racconta

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
Manga-Nigeria.jpg

© ONG Portes Ouvertes

Manga è un cristiano nigeriano che ha rifiutato di sottomettersi all'intimazione degli islamisti.

Cécile Séveirac - pubblicato il 02/12/22

Manga è un giovane cristiano nigeriano. Jihadisti di Boko Haram hanno tentato di decapitarlo perché non aveva voluto rinnegare Cristo. Lui però è sopravvissuto e ha raccontato i fatti all’organizzazione internazionale Portes Ouvertes, che sostiene i cristiani perseguitati.

Manga è cristiano – e il Cielo sa quanto sia difficile essere cristiani in Nigeria (lo si considera tra i posti più pericolosi al mondo per i membri della Chiesa): ogni due ore un cristiano viene ucciso. 

Manga stava per essere tra costoro: il 2 ottobre 2012 il giovane, che all’epoca aveva 20 anni, è rientrato a casa come ogni sera, dopo i corsi in università. La madre preparava la cena. Un quadro perfettamente ordinario: una famiglia, la cena in tavola. Poi raffiche di spari. Erano le 19:30. Gli uomini di Boko Haram, gruppo islamista affiliato ad Al-Qaeda, fanno irruzione nell’abitazione – ed ecco che la vita di Manga viene sconvolta. Gli jihadisti procedono secondo il solito metodo: fanno uscire di casa gli uomini più grandi della famiglia (nel caso Manga, suo padre e suo fratello minore), mentre la madre e i bambini più piccoli venivano chiusi in un’altra stanza. 

«Poi hanno chiesto a me e a mio padre se fossimo pronti a rinnegare Gesù e ad abbracciare l’Islam», testimonia Manga alla ONG Portes Ouvertes. Il padre di Manga ha rifiutato: 

Allora ci hanno detto: «Vi uccideremo». Ho risposto loro: «Ma se ci uccidete che ci guadagnate?». 

La risposta ha innescato un pestaggio a sangue: Manga è stato colpito col calcio del fucile e il padre selvaggiamente assassinato: 

Lo hanno decapitato e gli hanno messo la testa in braccio, davanti ai miei occhi. Poi hanno cercato di decapitare mio fratello, lasciandolo per morto. Nel frattempo, lui era sotto una tempesta di botte e calci. 

Manga assiste impotente al massacro del suoi. Poi viene il suo turno: «Hanno preso un altro coltello, con la lama seghettata, e hanno cercato di tagliarmi il collo». In quel momento (di terrore indescrivibile), Manga è riuscito comunque a trovare la forza di pregare: 

Ho pensato a Gesù inchiodato sulla croce, e ho fatto mia la sua preghiera: «Padre, perdonali perché non sanno quello che fanno». Ho pregato anche col Salmo 118: «Non morirò, ma resterò in vita / e annuncerò le opere del Signore». Non sapevo se sarei sopravvissuto, ma ad ogni modo ho pregato. 

Anche lui è stato dato per morto e abbandonato in un lago di sangue, coi corpi del padre e del fratello, martiri, davanti agli occhi. Come se tutto ciò non fosse bastato, i satelliti di Boko Haram hanno agganciato una bomba alla porta di casa, dentro la quale la madre di Manga e i fratelli più piccoli urlavano di terrore. Sono stati salvati dal coraggioso intervento dei vicini, che sono riusciti ad abbattere un tramezzo per far uscire i superstiti, prima di chiamare la polizia. 

Erano le 23 ormai. Manga e il fratello, pressoché esangui, venivano portati in ospedale. I medici riuscirono presto a stabilizzare il fratello, ma per Manga il destino sembrava tracciato e il personale era sul punto di rinunciare. In quel momento preciso, però, l’elettrocardiogramma indicò che il cuore di Manga sembrava determinato a resistere e combattere: «Mi sono reso conto di essere vivo perché Dio aveva deciso così», sottolinea Manga. 

Come Manga, molti cristiani in Nigeria giungono a testimoniare una Speranza che ispira e impone rispetto: 

La situazione è più grande di noi, ma sappiamo che il nostro Dio è il Dio vivente, che può rovesciare la situazione in un batter d’occhio. E anche se non lo facesse, noi gli resteremmo fedeli. Dunque continuate a pregare per noi, è la cosa migliore che possiate fare per la Nigeria. 

Facciamo del nostro meglio per l’opera di Dio, per onorarlo con la nostra vita. Che la fame e la sete di Dio siano ancora di più nel vostro cuore. 

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
boko harammartirimartirionigeriatestimonianze di vita e di fede
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni