Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 01 Febbraio |
Beata Anna Michelotti
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

RASSEGNA STAMPA / La Cina assicura un consenso amichevole nonostante le rimostranze vaticane

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
CHINA

Antoine Mekary | Aleteia

i.Media per Aleteia - pubblicato il 01/12/22

Ogni giorno, Aleteia offre una selezione di articoli scritti dalla stampa internazionale sulla Chiesa e le questioni principali che preoccupano i cattolici nel mondo. Le opinioni e i punti di vista espressi in questi articoli non sono quelli degli editori.

Giovedì, 1° dicembre 2022

1. La Cina assicura un consenso amichevole nonostante le rimostranze vaticane

2. Arcivescovo Broglio: il Sinodo, un’opportunità per combattere la polarizzazione

3. Ripercorrendo le visite tedesche e belghe in Vaticano

4. Richieste di “sbattezzarsi”; i numeri della Chiesa cattolica in Belgio

5. L’accusa di traffico di armi contro i sacerdoti è una “rappresaglia” russa, dice un vescovo ucraino

1La Cina assicura un consenso amichevole nonostante le rimostranze vaticane

Sabato, il Vaticano ha accusato esplicitamente Pechino di aver violato l’accordo del 2018 sulla nomina dei vescovi cinesi con l’insediamento del vescovo John Peng Weizhao come ausiliare della provincia di Jiangxi, che il Vaticano non riconosce come diocesi. Il portavoce del Ministro degli Esteri cinese, Zhao Lijian, ha assicurato la buona volontà dello Stato. Zhao ha detto che non era a conoscenza della situazione specifica del vescovo Peng, ma ha dichiarato che i rapporti tra Cina e Vaticano sono migliorati negli ultimi anni, per il beneficio e lo “sviluppo armonioso” del cattolicesimo cinese. “La Cina vuole continuare a estendere il consenso amichevole con il Vaticano e mantenere lo spirito del nostro accordo ad interim”, ha detto Zhao ai giornalisti. Una risposta che si inserisce in un contesto particolarmente complesso, visto che l’accordo rinnovato lo scorso ottobre è stato fortemente criticato da molti. Papa Francesco avrebbe poi ordinato il vescovo Peng clandestinamente come vescovo di Yujiang nel 2014, quattro anni prima dell’accordo del 2018, il che spiega il rammarico della Santa Sede per la decisione unilaterale di Pechino di assegnare il vescovo ad un’altra diocesi che non riconosce.

Crux, inglese.

2Arcivescovo Broglio: il Sinodo, un’opportunità per combattere la polarizzazione

L’arcivescovo Timothy Broglio, neoeletto presidente della Conferenza Episcopale Statunitense, ha partecipato a un incontro a Roma con i presidenti e coordinatori delle assemblee continentali del Sinodo sul futuro della Chiesa. Descritto da alcuni come un presule che incarna l’ala conservatrice della Chiesa statunitense, ha detto a Vatican News di sperare che il Sinodo sia un’opportunità per combattere la polarizzazione. L’arcivescovo delle forze armate è la guida di una Chiesa statunitense divista tra progressisti e conservatori, una divisione che a volte si manifesta anche nel sostegno o nelle critiche nei confronti di Papa Francesco. A suo avviso, il problema principale risiede nell’incapacità della società statunitense di dialogare e ascoltare veramente l’altro. “Lo vediamo anche nei campus universitari, dove si potrebbe pensare che un aspetto fondamentale dell’apprendimento sia anche quello di ascoltare chi non è necessariamente d’accordo con me. Ma abbiamo questa chiusura per la quale non vogliamo sentire le persone, se rappresentano una certa posizione non sono le benvenute in un campus”, lamenta, ritenendo che il Sinodo potrebbe, all’interno della Chiesa cattolica negli Stati Uniti, fornire un’apertura e “guarire” parte della polarizzazione. Quanto all’organizzazione della fase continentale per il Nord America, l’arcivescovo Broglio spiega che verrà effettuata essenzialmente in modo virtuale, perché le dimensioni degli Stati Uniti e del Canada rendono la logistica troppo imponente e costosa per svolgerla di persona. Ogni diocesi può reclutare da 3 a 5 delegati per partecipare a queste assemblee. Per garantire che un’ampia varietà di persone possa esprimersi, le sessioni si terranno in inglese, francese e spagnolo. 

Vatican News, inglese.

3Ripercorrendo le visite tedesche e belghe in Vaticano

Perché c’è una differenza nell’accoglienza vaticana nei confronti dei vescovi tedeschi e belgi?

Crux, inglese.

4Richieste di “sbattezzarsi”; i numeri della Chiesa cattolica in Belgio

5.200 cattolici belgi hanno chiesto di non essere più battezzati nel 2021, anche se la Chiesa ha accolto lo scorso anno più fedeli che nel 2020, riferisce un rapporto.

7 sur 7, francese.

5L’accusa di traffico di armi contro i sacerdoti è una “rappresaglia” russa, dice un vescovo ucraino

I sacerdoti arrestati in Ucraina sono accusati di traffico di armi usate per combattere gli occupanti russi. Gli officiali della Chiesa dicono tuttavia che gli arresti sono una ritorsione per le indagini ucraine sui monasteri ortodossi.

The Pillar, inglese.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
rassegna stampa internazionale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni