Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 01 Febbraio |
Beata Anna Michelotti
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Il sindaco con la SLA che si è convertito ed è felice aiutando la gente

alcalde-ELA-JUAN-RAMON-AMORES-2.jpg

Gentileza José Ramón Amores.

Benito Rodríguez - pubblicato il 30/11/22

Juan Ramón Amores lotta instancabilmente contro la SLA. Malgrado le limitazioni per la malattia, dice di essere felice e fortunato e si dedica al servizio degli altri. In questa difficile tappa della sua vita ha ritrovato Dio

La SLA non lo ferma. Si è ammalato sette anni fa. Il 13 novembre 2015, Juan Ramón ha ricevuto la brutta notizia: soffriva di sclerosi laterale amiotrofica (SLA). Gli hanno dato tre anni di vita, e gli hanno raccomandato di fare testamento.

“È stato un colpo molto duro”, ricorda, ma “due ore dopo sono andato a lavorare”. Dal primo momento, ha capito che avrebbe portato avanti la sua vita nel miglior modo possibile. “Mi era chiaro che dovevo continuare a lavorare”, dice.

La vittoria delle elezioni

Con la malattia, la sua vocazione di servizio pubblico si è accentuata ancor di più. All’epoca era Direttore generale per lo Sport della Giunta della Castilla la Mancha (Spagna).

“Voglio fare il bene, risolvere i problemi della gente”, dice.

Quattro anni dopo aver ricevuto la diagnosi, si è presentato per l’incarico di sindaco di La Rolda, municipio di Albacete, e ha vinto le elezioni.

È diventato sindaco il 15 giugno 2019, quando gli effetti della SLA erano già visibili.

alcalde-ELA-JUAN-RAMON-AMORES.jpg

Camminava con difficoltà. “Sono caduto e ho sbattuto il viso. Pensavo che mi avrebbe distrutto nel discorso di investitura, ma è andata bene. Ora vedo le foto e il colpo si nota”.

Da allora, va avanti con la sua agenda. Oggi, con problemi per parlare normalmente e in sedia a rotelle, ha una routine molto piena, ed è sempre aperto agli altri. “Giro per il paese, molti mi incoraggiano, altri mi esprimono le loro lamentele. Alcuni mi criticano. La gente viene a raccontarmi quello che le succede, i problemi che ha”. E lui è lì, con la sua malattia, ad assistere tutti.

La famiglia, il suo grande sostegno

Tutto questo non sarebbe possibile senza la sua famiglia. Juan Ramón è sposato con Mónica Varela, con la quale ha due figli: Iván, di 8 anni, e Jimena, di 5.

ALCALDE-ELA-JUAN-RAMON-AMORES-4.jpg

È stata una scelta coraggiosa, perché la sua seconda figlia è nata quando lui era già malato.

“Se avessi dato retta al medico non avrei avuto Jimena. Non volevo lasciare Iván solo”.

Sia lui che la moglie sanno che una famiglia e il sostegno tra fratelli sono una grande ricchezza. “All’inizio avevamo paura, ma ora quando li vedo insieme sono molto felice”.

“Andiamo al parco, uno sale con me sulla sedia e l’altro dietro. Vogliamo essere una famiglia normale”, dice.

Per questo, nella sua agenda, c’è ogni giorno un appuntamento segnato in rosso:

“Lavoro molte ore in Comune, ma riservo sempre del tempo per stare con i miei figli, ogni giorno, per giocare con loro”.

Il sogno di suo figlio

Juan Ramón parla con naturalezza con i suoi figli della SLA e della vita. “Nessuno sa dove sarà domani”, dice loro.

Il suo obiettivo è “dare loro un’eredità in forma di superamento. Voglio che in futuro siano orgogliosi del padre”. Ma già lo sono, tanto che suo figlio Iván sa bene cosa vorrà fare da grande.

Lo scorso anno, quando ha dovuto scrivere un tema per la scuola spiegando cosa avrebbe voluto fare in futuro, ha detto di voler diventare uno “scienziato per curare la malattia di mio padre e aiutare tutti”.

Mónica, la moglie

Se c’è una persona fondamentale nella vita di Juan Ramón è Mónica. Si nota l’emozione di Juan Ramón quando parla di lei:

“Se non fosse per lei non potrei far nulla. Ha dovuto smettere di lavorare perché io potessi portare avanti il mio lavoro”.

Il sindaco non ha parole per ringraziarla per questo lavoro silenzioso ma costante. È sempre lì con lui e con i bambini. Arriva ovunque, con una dedizione totale per amore.

Ritrovare Dio

Come tanti bambini in Spagna, Juan Ramón è stato battezzato, ha fatto la Prima Comunione e poi la Cresima. È stato educato nella fede, ma in gioventù l’ha abbandonata.

“Avevo perso la fede”, riconosce, “ma negli ultimi anni mi sono riavvicinato a Dio. Ogni giorno ho più fede e sono più dentro la Chiesa”.

La malattia è servita per ritrovare il Signore, che lo accompagna in questa tappa della sua vita.

alcalde-ELA-JUAN-RAMON-AMORES-3.jpg

Vivere, gioire e aiutare

Juan Ramón vuole che la sua storia venga conosciuta perché la gente pensi “Può toccare a chiunque, qualsiasi cosa si faccia”.

Il suo messaggio è chiaro: “La vita è un dono”. Per questo, chiede di sforzarsi di goderla, di essere felici, e offre la sua formula per raggiungere questa felicità: “Aiutando la gente”.

“Il presente è molto bello, bisogna viverlo e goderne, il futuro non esiste. Pensiamo troppo al futuro e a quello che vogliamo avere, e non ci rendiamo conto che già lo abbiamo e non ce lo godiamo”.

Tags:
conversionesla
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni