Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Febbraio |
Beato Pio IX
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Il suo ultimo desiderio era sposarsi, e poi si è sorprendentemente ripreso!

boda.jpg

@madison_stroup_ | Instagram

Zach e Madison Stroup.

Urška Kolenc - pubblicato il 29/11/22

Era arrivato un momento in cui Zach non aveva più forze per lottare contro la malattia e si era arreso. Il suo ultimo desiderio era sposare l'amata Madison, ma dopo le nozze le cose hanno cominciato a cambiare...

Alla fine di agosto, Madison Stroup ha pubblicato un video toccante su TikTok con il marito Zach, che negli ultimi due anni ha attraversato molti momenti difficili, lottando contemporaneamente contro due malattie insidiose: il morbo di Crohn e il linfoma non Hodgkin.

Il video, il cui obiettivo è aumentare la consapevolezza sul cancro tra i giovani, è stato visionato più di 18 milioni di volte, e dal 28 agosto ha ottenuto 3 milioni di “Mi piace”.

La coppia di Fort Collins, Colorado (Stati Uniti), si è conosciuta al liceo nel 2015. Fino al 2020, Zach e Madison non avevano nulla di speciale e vivevano come tante altre giovani coppie. Zach, 26 anni, era proprietario di un’agenzia di assicurazioni, mentre Madison, 24, lavorava come parrucchiera. Nel tempo libero viaggiavano e si godevano la vita.

Prima diagnosi

Nel febbraio 2020, mentre erano in vacanza, Zach ha iniziato a lamentarsi di dolori alle articolazioni, affaticamento e problemi digestivi. Come ha raccontato al portale Today, prima era in salute e non andava mai dal medico, dedicandosi anche al culturismo. Due mesi dopo gli è stato diagnosticato il morbo di Crohn, una malattia intestinale infiammatoria cronica che provoca, tra le altre cose, diarrea, affaticamento, febbre, dolori addominali e perdita di peso.

Ha iniziato ad assumere farmaci, ma il trattamento non ha dato i risultati sperati. Si svegliava tutte le notti sudato, con la febbre alta. In sei mesi ha perso più di 30 chili. Ha consultato molti medici, che avrebbero dovuto aiutarlo a bloccare l’avanzata della malattia.

“L’ultima cosa che ci aspettavamo era il cancro”

Nel novembre 2020, Zach si è svegliato con un dolore acuto al petto. Sul collo c’era un ganglio linfatico molto infiammato. È andato al pronto soccorso, dove i medici hanno svolto una serie di esami.

“L’ultima cosa che ci aspettavamo era il cancro. Eravamo così giovani…”, ricorda Madison. “Quando il medico è entrato nello studio sembrava che avesse appena visto un fantasma… Ha detto: ‘Credo che tu abbia il cancro’”.

Dopo una serie di altre analisi, a Zach è stato diagnosticato il linfoma non Hodgkin, un tipo di cancro del sangue che inizia nei linfociti e può colpire a qualsiasi età. Nel caso di Zach, la malattia era al quarto stadio, ed era così aggressiva che si era estesa ai polmoni e al fegato.

Zach ha iniziato subito il trattamento. Nel marzo 2021, dopo sei cicli di chemioterapia, la malattia era in remissione. Qualche settimana dopo si è fidanzato ufficialmente con Madison. Pensavano che la loro battaglia contro il cancro fosse terminata, ma si sbagliavano…

View this post on Instagram

A post shared by 𝙼𝚊𝚍𝚒𝚜𝚘𝚗 𝚂𝚝𝚛𝚘𝚞𝚙 (@madison_stroup_)

Ricaduta

Dopo qualche mese, Zach si è reso conto che qualcosa non andava. All’inizio l’oncologo ha pensato che il formicolio ai piedi fosse un effetto secondario della chemioterapia, ma un giorno di novembre il ragazzo ha perso qualsiasi sensibilità alle gambe. I due giovani si sono resi conto che il cancro era tornato, e questa volta aveva attaccato il midollo spinale.

Anche se i chirurghi hanno estirpato con successo il tumore, Zach ha preso l’uso della gamba destra e ha dovuto usare una sedia a rotelle e un deambulatore. Dopo due settimane in un centro di riabilitazione, è stato trasferito in ospedale, dove ha iniziato nuovamente la chemioterapia. Purtroppo sono sorte delle complicazioni.

Uno dei medici ha detto che la chemioterapia non dava i risultati sperati, e ha detto che il cancro aveva invaso anche il cervello. Per questo è stato cambiato il trattamento, aumentando il numero di cicli, con la speranza che il tumore rispondesse alla chemioterapia.

Ostacoli e complicazioni

Poco dopo aver cominciato un nuovo trattamento, Zach ha sviluppato all’improvviso gonfiore e dolore addominale. All’inizio si pensava che fosse per via del morbo di Crohn diagnosticata in precedenza. Una delle infermiere, però, ha insistito perché si sottoponesse ad altri esami, dai quali è risultato che a Zach si era perforato l’intestino crasso durante la chemioterapia.

“Quell’infermiera gli ha salvato la vita”, ricorda Madison con gratitudine. Zach è stato immediatamente portato in sala operatoria. Gli è stata asportata la metà dell’intestino crasso e gli è stata posta una sacca per ostomia. Il medico ha detto che è stato un miracolo che sia sopravvissuto alla complicazione e non abbia avuto un attacco settico.

@the_stroups

We’ve had so many questions to why decided to get married in the hospital..Here’s a snip bit of our interview with CBS ❤️❤️‍🩹#loveconquersall#miracle#wedding#insicknessandinhealth @zach_stroup

♬ original sound – MadisonStroup

Perdita della speranza

Sia il trattamento che le complicazioni costanti hanno esaurito talmente Zach che ha perso il senso della lotta. Ha guardato Madison negli occhi, è scoppiato a piangere e le ha confessato che non aveva più forza per lottare.

Madison voleva approfittare al massimo del tempo che rimaneva loro.

In precedenza, avevano progettato di sposarsi solo dopo che Zach si fosse ripreso, ma viste le circostanze non c’era tempo da perdere.

Nozze in ospedale

Zach e Madison hanno optato per un matrimonio modesto, che ha avuto luogo in ospedale. “Negli ultimi due anni, il cancro si è impadronito della nostra vita. Non potevamo permettere che ci privasse anche del matrimonio”.

Il 15 aprile 2022, la coppia si è sposata nel corridoio del reparto di oncologia dell’Ospedale St. Lucas di Denver. Madison indossava un abito da sposa ancora non terminato. Della pettinatura e del trucco si sono incaricate delle infermiere che hanno ceduto volontariamente un giorno libero per la cerimonia.

Le restrizioni per via del coronavirus hanno impedito alla maggior parte di familiari e amici di essere presenti. All’inizio del loro nuovo viaggio, gli sposi sono stati accompagnati solo dai genitori e dal personale ospedaliero.

“Anche se ero esausto, il nostro matrimonio mi ha dato nuova speranza”, ha detto Zach. “Ho smesso di lottare contro la malattia, ma volevo ancora lottare per Maddy”.

Tutto indica che sia stato il sacramento del matrimonio a far sì che Zach recuperasse le forze. Non solo gli è tornato l’appetito, ma il corpo ha risposto in modo repentino al trattamento, il che gli ha permesso di poter affrontare un trapianto.

Dopo un intervento riuscito sono sorte altre complicazioni, che lo hanno riportato in terapia intensiva.

Dimissioni dall’ospedale

Quando ha sofferto di depressione e attacchi di panico a causa di questo, Madison gli ha mostrato sostegno e amore. Con l’aiuto della moglie, Zach è riuscito a superare gli ostacoli, e il 9 luglio, per la prima volta dopo nove mesi, è uscito dall’ospedale.

È poi arrivata la notizia che la coppia aspettava da tanto tempo: la malattia è in remissione, e Zach non ha più bisogno di cure, basta che resti sotto stretta supervisione medica.

Grazie a questo, Zach e Madison possono finalmente godersi la loro vita insieme. Le esperienze difficili hanno fatto sì che guardino a se stessi e al loro cammino in modo diverso.

Zach va a fisioterapia per recuperare le forze e la mobilità. Progettano di viaggiare, perseguire nuove mete e crescere nell’amore reciproco. E vogliono che la loro storia dia speranza alle persone che affrontano una situazione simile.

Tags:
cancrocoppiamatrimonio
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni