Aleteia logoAleteia logoAleteia
venerdì 27 Gennaio |
Sant'Angela Merici
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Un’esperienza di misticismo: così Gesù si è manifestato a Mariachiara

Mariachiara-Messina

Mariachiara Messina Testimone di Fede | Facebook

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 28/11/22

Con il misticismo nuziale, la giovane siciliana Mariachiara Mattei, malata di cancro e sofferente, accoglie Gesù il 21 gennaio 2014, tre anni prima di morire in concetto di santità

Si chiama mistica nuziale e consiste nell’accogliere la trasformazione richiesta da Gesù per entrare nel Regno dell’Amore: un percorso dove anche le sofferenze più atroci vengono accolte con la pace interiore, e Mariachiara Messina, malata di cancro, sapeva bene a cosa stesse andando incontro. L’incontro con Gesù, la presa d’atto di questo cammino, avviene il 21 gennaio 2014, tre anni prima che la giovane ragazza siciliana, vola in cielo al termine di una grave forma di tumore della ghiandola detta “timo”, che non le aveva lasciato scampo. 

L’Amore eterno e fedele 

Mariachiara Messina muore nel 2017 in concetto di santità, secondo molti che l’avevano conosciuto. Ma quel giorno del 2014 è decisivo. Perché in quell’occasione comprende che il suo percorso è quello che va dall’amore umano, che coincide con il bisogno di essere amata, all’Amore eterno e fedele, cioè all’amore casto per Gesù. Prima di morire, la giovane ne aveva parlato con Don Emanuele di Santo., in conversazioni private, da cui il sacerdote ha preso spunto per scrivere il libro “Con la croce nel cuore e la risurrezione sul volto – Ritratto spirituale di Mariachiara Messina” (Tau editrice). 

Il diario di Mariachiara

«Ho capito da qualche giorno – scriveva nel suo diario Mariachiara Messina – che Gesù vuole iniziare con me un processo di trasformazione, ma può farlo solo se io accetto di iniziare e questo significa che devo dire il mio sì, che sarà un processo non facile, ma impegnativo, in quanto ci saranno delle prove anche non facili da affrontare e ciò vuol dire che io credo che nessuno può costringermi mai a fare qualcosa (peccati) che non voglio (il male ti può tentare, è vero, ma poi sei tu a fare il peccato o a rifiutarlo), e nessuno può superare le prove per me, come per magia, ma devo essere io stessa ad affrontarle».

La presenza di Gesù 

Mariachiara pensava che questa trasformazione consistesse nel rinunciare a commettere peccati. Ma Gesù si spingeva oltre. «Una trasformazione da ciò che mi ha da tempo preannunciato, ma io non avevo inteso. Nè avevo abbastanza fede da poter capire, né tutt’ora mi viene facile capire come possa essere che proprio io avrò questa trasformazione. Io così nulla in tutte le cose, sotto tutte le sfaccettature». 

“Sofferenza diventa Pace”

La giovane, malata di cancro e sofferente, in un misticismo nuziale ormai sempre più nitido, sosteneva che «Dio vuole con la sua Bontà usare me perché nella debolezza (mia) Lui mostra la sua Potenza. E maggiore è la debolezza, maggiore sarà la Grandezza della Potenza che Egli potrà manifestare. E ho capito che questo sarà il mio percorso, da percorrere per trasformarmi, e sarà un percorso pieno di fatiche. Nel percorso Sofferenza diventa Pace e Tristezza diventa Gioia». 

La mistica nuziale 

Questa pagina del 21 gennaio 2014, scrive Don Emanuele di Santo., è fondamentale perché traccia un percorso di mistica nuziale, ispirato alla spiritualità del Cantico dei Cantici, che Mariachiara medita attraverso la lettura di un testo spirituale moderno: “Piedi di cerva sulle alte vette” di Hannah Hurnard. Si tratta di una curiosa allegoria, narrata come una fiaba, del viaggio mistico verso Dio da parte dell’anima, che passa dalla paura all’Amore attraversando la valle delle prove e della sofferenza. Mariachiara vi si rispecchia, rileggendo in filigrana il cammino di trasformazione che Dio sta operando in lei.

Accettare la propria fragilità

Accettando i suoi doni e i limiti dettati dalla fragilità della sua condizione di salute, Mariachiara Mattei è giunta alla sua opzione fondamentale: amare Dio nella sua concreta situazione pur non facendo una scelta di vita (consacrata o coniugale). Qualcuno potrebbe pensare che questo sia dipeso soltanto dal fatto che, man mano che la malattia avanzava, le possibilità di realizzare una scelta qualsiasi diminuivano fino ad apparire speranze illusorie. In realtà, c’è stata in Mariachiara un’evoluzione interiore, che l’ha portata a scegliere Gesù come suo unico Sposo.

6 aprile 2014: vivere con Gesù sulla croce

Iil 6 aprile 2014, la giovane morta in concetto di santità, annota nel suo diario: «Ogni sofferenza mi sarà gradita perché è un privilegio che il Signore mi concede, in quanto è un modo di vivere con Gesù sulla croce, accanto a Lui, completare la Passione, essere offerta per Dio, per quello che Lui vuole più di tutto: salvare anime, non sarò mai in grado di ringraziarlo abbastanza per tutto quanto mi ha concesso, per le sue visite, gioie e vicinanza dei dolori, per tutte le preghiere, che ha fatto fare per me, da parte di tanta gente».

Clicca qui per acquistare  libro “Con la croce nel cuore e la risurrezione sul volto – Ritratto spirituale di Mariachiara Messina

Tags:
amorecammino di santitàgesù cristo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni