Aleteia logoAleteia logoAleteia
martedì 07 Febbraio |
Beato Pio IX
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Hong Kong, condannato il cardinale Zen

cardinal-zen-000_1bc79q.jpg

AFP

Le cardinal Zen, en 2018.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 25/11/22

E’ finito con una multa di circa 500 dollari il processo a Hong Kong al cardinale cinese. Ecco il motivo della condanna

Il cardinale novantenne Joseph Zen, vescovo emerito di Hong Kong è stato condannato a Hong Kong. Avrebbe violato, insieme a altri cinque esponenti della società civile e del movimento democratico, l’ordinanza sulle società. Perché non avrebbe registrato correttamente il Fondo di sostegno umanitario 612, utilizzato anche per garantire assistenza legale e medica ai manifestanti coinvolti nelle proteste del 2019 ad Hong Kong.

CARDINAL ZEN

Il fondo

Secondo la corte, però, il fondo – della consistenza di 34 milioni di dollari dovuti a 100mila partecipazioni – sarebbe stato utilizzato anche per sostenere le manifestazioni contrario alle azioni del governo locale e al suo controllo da parte di Pechino (Avvenire, 25 novembre).

Rischio ergastolo

Il cardinale Zen e gli altri cinque imputati si sono dichiarati non colpevoli, ma non hanno deposto né chiamato testimoni. Non rischiano il carcere. Ma potrebbero tuttavia incorrere in pene più gravi, come l’ergastolo, dal momento che – secondo quanto riferito dai media locali – ancora incombe l’indagine sulle accuse di collusione con forze straniere. Ovvero uno dei quattro reati previsti dalla legge sulla sicurezza nazionale, voluta da Pechino nel giugno 2020 per spegnere le proteste di quattro anni fa.

HONG KONG

La prassi non seguita da Zen

La stessa legge prevede che qualsiasi organizzazione si registri presso la polizia almeno un mese prima della sua costituzione. Mentre i gruppi costituiti “esclusivamente per scopi religiosi, caritatevoli, sociali o ricreativi” possono essere esentati da questo requisito. 

Organizzazione politica e non religiosa

Secondo i procuratori, il 612 Humanitarian Relief Fund doveva essere registrato in quanto organizzazione di natura politica, fondata e gestita da più persone. Lo ha detto il giudice Ada Yim nel pronunciare la sentenza (Vatican News, 25 novembre).

Tags:
cardinale joseph zencinacondanna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Daily prayer
And today we celebrate...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
See More
Newsletter
Get Aleteia delivered to your inbox. Subscribe here.