Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 03 Dicembre |
San Francesco Saverio
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Una persona intelligente perché dovrebbe credere ai miracoli?

ángel in the sky

Shutterstock/Lane V. Erickson

I miracoli esistono. Padre Botta spiega perché bisogna credere ad essi.

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 23/11/22

Padre Maurizio Botta smonta il pensiero degli “scettici”

Una persona intelligente può credere ai miracoli: attenti, non è una domanda, ma un’affermazione che Padre Maurizio Botta sostiene con estrema convinzione nel suo libro “Le domande piccole dei grandi – Vivere la fede oltre i luoghi comuni (Edizioni Studio Domenicano). 

Per miracoli si intende quelli riferiti dai Vangeli e a quelli di cui si ha notizia che siano accaduti in qualche santuario. È ancora ragionevole credervi, nell’epoca della scienza, proprio quando la scienza sta raggiungendo dei risultati incredibili? 

PADRE MAURIZIO BOTTA
Padre Maurizio Botta al secondo capitolo generale del Monastero wifi, 19 ottobre 2019.

Due posizioni inconciliabili 

«Per definire un miracolo – premette Padre Botta – prima di tutto occorre fare una scelta di campo tra due posizioni che sono inconciliabili, cioè non possono essere vere contemporaneamente entrambe. Occorre affrontare un modo di vedere che sta alle soglie del problema. C’è una determinata soluzione che scoraggia dall’andare avanti. C’è un modo di pensare che sembrerebbe estremamente convincente e razionale». 

Le obiezioni al miracolo

Il sacerdote molto amato dai giovani, lo sintetizza con una frase: «il miracolo sarebbe un qualcosa che non riusciamo ancora a spiegare, ma qualcuno ora o in futuro, in un futuro prossimo o lontano, forse riuscirà a spiegare. Questa è una delle obiezioni più penetranti al problema del miracolo. È questa una opinione che si trova sulla soglia del problema e, in un certo senso, ti scoraggia a varcarla». 

Un atto di fede

E allora, perché interessarsi a qualche cosa che sicuramente prima o poi verrà spiegato da qualcuno? «Questo ragionamento – ribatte padre Maurizio – riposa comunque, e bisogna dirlo subito, su un atto di fede. E l’atto di fede è questo: la scienza un giorno spiegherà tutto. Questo è un dogma, è il dogma dello scientismo. In questo assomiglia alla nostra fede. Ma l’affermazione “un giorno la scienza spiegherà tutto”, a differenza della nostra fede, propone una fede di tipo irrazionale». 

San Giovanni Rotondo przed kanonizacją o. Pio

La natura non è il tutto

«Ci tengo a sottolinearlo – prosegue Padre Botta nel suo nuovo libro -. È irrazionale perché parte dal presupposto che la natura sia il tutto e che quindi solo all’interno della natura si debba cercare la spiegazione. Invece, la natura da sola non è capace nemmeno di spiegare se stessa». 

Oltre la natura stessa

Perché diciamo irrazionale questa affermazione? «Innanzitutto – osserva il sacerdote – perché, per spiegare la natura, occorre necessariamente andare oltre la natura. Le cose della natura – e noi siamo tra esse – si trovano nella condizione di avere l’essere, di possedere l’essere». 

Il tempo in cui non avevamo il nostro essere

«Il nostro essere in questo momento, l’esserci, l’avere l’essere in questo momento – continua Padre Botta – non è qualcosa di illusorio; grazie a questo essere che abbiamo ricevuto, noi possiamo ascoltare, possiamo capire, stiamo prestando attenzione. Attenzione, però! Questo è un essere che abbiamo ricevuto perché c’è stato un tempo in cui non lo avevamo. Il nostro essere è limitato. Non ha quell’estensione, quella larghezza che noi vorremmo». 

KREW JANUAREGO

Due esempi

Il sacerdote fa alcuni esempi: «Tutti noi non vorremmo morire, ad esempio. Invece il nostro essere ha un limite. Vorremmo avere la capacità di spostarci da un posto all’altro, invece non l’abbiamo. Allora vuol dire che l’essere che noi abbiamo ricevuto non appartiene alla nostra natura.  Un conto è avere l’essere e un conto è essere la sorgente dell’essere». 

Per spiegare la natura, sentenzia Padre Maurizio Botta, «bisogna assolutamente uscire dalla natura. E questa affermazione è inconciliabile con l’altra secondo la quale qualcosa all’interno della natura può spiegarne il senso complessivo».

Platone e Aristotele

È una constatazione della «pura ragione», non è cristiana, è pagana. «Già Platone e Aristotele erano arrivati a cogliere il fatto che ci deve essere una sorgente dell’essere, visto che in questo momento noi siamo all’interno di determinate leggi. La legge di gravità, dell’acustica e tante altre leggi, significano – e questa è una constatazione della ragione già pagana – che ci deve essere un legislatore esterno che queste leggi ha fissato».

La scienza ha superato questo?

«Mi potresti obiettare – conclude Padre Botta nel suo nuovo libro – che la scienza ha superato anche questo. Ma questo tipo di riflessione è insuperabile! Sono due posizioni che sono inconciliabili. Come potremmo definire allora il miracolo? Prima di definire il miracolo, andrei avanti, approfondirei quest’aspetto regalandovi qualcosa che ho regalato anche a me stesso». 

Clicca qui per acquistare “Le domande piccole dei grandi – Vivere la fede oltre i luoghi comuni”.

Tags:
miracolinaturapadre Maurizio Botta
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni