Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Papa Francesco ad Asti: Cristo, Re che “apre la braccia a tutti”

Pope-Francis-celebrates-mass-on-November-20-2022-at-the-cathedral-of-Asti-AFP

VINCENZO PINTO | AFP

Lucandrea Massaro - pubblicato il 20/11/22

Nel momento clou della parte pubblica del viaggio ad Asti del pontefice, Bergoglio esorta a non lasciarsi contagiare dall'indifferenza

È gremita la Cattedrale di Asti, dove il Pontefice ha presieduto la celebrazione eucaristica in chiusura di questi due giorni di “ritorno alle origini” del papa (italo)argentino. In prima fila i cugini di Bergoglio, ma da tutti i comuni vicini sono accorsi per salutare questo Papa che non ha mai dimenticato le sue origini piemontesi, come sottolinea lui stesso a inizio omelia precisando di essere tornato “a ritrovare il sapore delle radici” . Ma non è sulla nostalgia del passato che Francesco batte durante la celebrazione dedicata a Cristo Re.

“Da queste terre – è l’inizio dell’omelia – mio padre è partito per emigrare in Argentina; e in queste terre, rese preziose da buoni prodotti del suolo e soprattutto dalla genuina laboriosità della gente, sono venuto a ritrovare il sapore delle radici”. Ma oggi – aggiunge – è ancora una volta il Vangelo a riportarci alle radici della fede”. Radici che si trovano “nell’arido terreno del Calvario, dove il seme di Gesù, morendo, ha fatto germogliare la speranza: piantato nel cuore della terra ci ha aperto la via al Cielo; con la sua morte ci ha dato la vita eterna; attraverso il legno della croce ci ha portato i frutti della salvezza”

(Avvenire)

Gesù è un Re “a braccia aperte, a brasa aduerte“, ripete il Papa in dialetto piemontese. E questa espressione la ripete più volte nel corso dell’omelia.

Pope-Francis-celebrates-mass-on-November-20-2022-at-the-cathedral-of-Asti-AFP

“Solo entrando nel suo abbraccio” capiamo cha ha abbracciato “tutto di noi, anche quanto di più distante c’era da Lui: la nostra morte”, “il nostro dolore, le nostre povertà, le nostre fragilità e le nostre miserie”. “Lui non osserva la tua vita per un momento e basta, non ti dedica uno sguardo fugace come spesso facciamo noi con Lui, ma Lui rimane lì, a brasa aduerte, a dirti nel silenzio che niente di te gli è estraneo, che vuole abbracciarti, rialzarti, salvarti così come sei, con la tua storia, le tue miserie, i tuoi peccati”, rimarca il Papa esortando a lasciarci amare da Lui, “perché solo così veniamo liberati dalla schiavitù del nostro io, dalla paura di essere soli, dal pensare di non farcela”. Le “brasa aduerte” di Cristo che “dischiudono anche a noi il paradiso, come al ‘buon ladrone'”, aggiunge riferendosi al Vangelo odierno.

Con la sua morte Gesù, ricorda Francesco, “ci ha dato la vita eterna”. E guardando a Lui, al Crocifisso, vediamo che è un “re dei Giudei” come  scritto sulla croce, diverso da tutti gli altri. Non “un uomo forte seduto su un trono”, ma tutto il contrario, “appeso ad un patibolo”.

Il Dio che «rovescia i potenti dai troni» (Lc 1,52) opera come servo messo in croce dai potenti; ornato solo di chiodi e di spine, spogliato di tutto ma ricco di amore, dal trono della croce non ammaestra più le folle con la parola, non alza più la mano per insegnare. Fa di più: non punta il dito contro nessuno, ma apre le braccia a tutti. Così si manifesta il nostro Re: a braccia aperte, a brasa aduerte.

(Vatican News)

Quindi il Pontefice, citando il brano della Liturgia, mette in guardia dal “contagio letale dell’indifferenza”, “una brutta malattia”. “L’onda del male si propaga sempre così: comincia dal prendere le distanze, dal guardare senza far nulla, dal non curarsi, poi si pensa solo a ciò che interessa e ci abitua a girarsi dall’altra parte”, dice Bergoglio.

“È questo è un rischio anche per la nostra fede – continua -, che appassisce se resta una teoria non diventa pratica, se non c’è coinvolgimento, se non ci si spende in prima persona, se non ci si mette in gioco. Allora si diventa cristiani all’acqua di rose – come io ho sentito dire a casa mia – che dicono di credere in Dio e di volere la pace, ma non pregano e non si prendono cura del prossimo e anche, a loro non interessa Dio, né la pace. Questi cristiani soltanto di parola, superficiali!”.

(AGI)
Tags:
cristo repapa francesco
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni