Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Cardinale avverte che le leggi sull’omosessualità danneggiano gravemente la libertà religiosa

SEN. CHARLES SCHUMER LEADS PRESS CONFERENCE

Nathan Posner | ANADOLU AGENCY VIA AFP

John Burger - pubblicato il 18/11/22

Il Senato statunitense analizza il disegno di legge per codificare la sentenza Obergefell della Corte Suprema

Un noto cardinale statunitense ha avvertito che se il Congresso approverà un disegno di legge per codificare il matrimonio omosessuale, la libertà religiosa degli Americani sarà gravemente danneggiata.

“Se le cose procedono lungo il percorso in cui si stanno muovendo, il Congresso potrebbe essere sul punto di sopprimere le convinzioni di lunga data su matrimonio e famiglia”, ha scritto mercoledì il cardinale Timothy Dolan di New York, mentre il Senato degli Stati Uniti si prepara al voto preliminare sul Respect for Marriage Act.

Il disegno di legge abrogherebbe il Defense of Marriage Act (DOMA), una legge del 1996 che affermava, per scopi federali, che il matrimonio è l’unione di un uomo e una donna e permetteva agli Stati di rifiutare di riconoscere i “matrimoni omosessuali” concessi in base alle leggi di altri Stati. 

Mercoledì pomeriggio, il Senato ha votato 62-37 per spezzare l’ostruzionismo repubblicato contro il HR 8404, il Respect for Marriage Act. Dodici Repubblicani hanno aiutato i Democratici a raggiungere la soglia dei 60 voti.

La Reutersha indicato che secondo lo U.S. Census Bureau ci sono circa 568.000 coppie omosessuali sposate negli Stati Uniti.

Il fatto che nella società statunitense sia aumentato il sostegno pubblico al matrimonio omosessuale, ha scritto il cardinale Dolan, non impedirà alle persone di fede di “testimoniare le verità splendide e senza tempo sul matrimonio, radicato sia nella fede che nella ragione: uomini e donne sono complementari; ogni bambino merita un padre e una madre; il matrimonio è un’unione esclusiva e permanente, aperta alla trasmissione della vita umana, e un esercizio di sacrificio amorevole che trascende il proprio io”.

Il porporato ha espresso le sue osservazioni sul First Freedom Blog sul sito web della Conferenza dei Vescovi Cattolici degli Stati Uniti. Dolan è presidente del Comitato episcopale per la Libertà Religiosa.

“L’istituzione del matrimonio, intesa correttamente come naturalmente ordinata a procreare e curare i figli, è unica per un motivo”, ha scritto il cardinale. “Ha la speciale capacità di promuovere la stabilità e il successo di ogni nuova generazione, e tutto questo garantisce un riconoscimento speciale. Non ci asterremo mai dal proclamare questa verità”.

La Camera dei Rappresentanti, controllata dai Democratici, ha approvato l’RMA a luglio, sulla scia della sentenza della Corte Suprema del 24 giugno 2022 Dobbs v. Jackson.

Concordando con la decisione della corte di ribaltare Roe v. Wade, il giudice Clarence Thomas ha osservato che lui e i suoi colleghi dovrebbero riesaminare la motivazione del “giusto processo” in decisioni che vanno dalla Griswold v. Connecticut, che ha stabilito un “diritto alla privacy” per quanto riguarda l’uso di contraccettivi da parte di una coppia sposata, alla Lawrence v. Texas, che nel 2003 ha depenalizzato la sodomia, fino alla Obergefell v. Hodges, che ha dato il via al matrimonio omosessuale a livello nazionale.

“Dobbiamo cuocere la torta”

Nel suo post sul blog di mercoledì, il cardinale Dolan ha discordato sul fatto che la sentenza della Corte nel caso Dobbs minacci il diritto stabilito nella Obergefell. La vera minaccia, ha dichiarato, è contro il diritto americano fondamentale alla libertà religiosa.

“Ora, senza restrizioni legali sulla libertà di avere una relazione omosessuale, molti cercano di andare oltre e di forzare le parti private – organizzazioni religiose, individui di fede – ad approvare e sostenere queste relazioni con le nostre parole e i nostri comportamenti”, ha scritto il porporato, riferendosi ad alcuni esempi recenti in cui alcune persone sono state costrette a partecipare in qualche modo a un’unione omosessuale contro le loro convinzioni. “Dobbiamo cuocere la torta nuziale, progettare il sito web del matrimonio, affittare le sale e organizzare i fiori – e poi pagare i benefits coniugali, pensare a figli affidatari e adottivi – anche se viola le nostre convinzioni più profonde sul matrimonio e sulla famiglia”.

Il cardinale ha accusato il Respect for Marriage Act di “cercare di mettere da parte la nostra idea di matrimonio. Noi che ci atteniamo a queste antiche convinzioni saremmo voci nel deserto, sempre più emarginate e respinte di fronte all’approvazione da parte del Congresso dei matrimoni civili omosessuali come norma nazionale. Sarebbe un atto di coraggio solo proclamare la saggezza dei secoli”.

Per far sì che più Repubblicani al Senato sostenessero l’RMA, sono stati aggiunti alcuni emendamenti alla libertà religiosa al disegno di legge. Dolan ha definito questi tentativi “deboli” e un modo per “preservare lo status quo nel rapporto tra libertà religiosa e matrimoni civili omosessuali, ma l’emendamento fallisce anche in quel misero obiettivo. Per coloro che continuano a credere e a sostenere il modello tradizionale del matrimonio, lo status quo non è accettabile. Quale messaggio viene inviato al pubblico scegliendo di preservarlo?”

Secondo Dolan, i danni del disegno di legge sarebbero di vasta portata. “In qualsiasi conflitto con il matrimonio civile omosessuale e i diritti che ne derivano, si dirà che il Congresso si è preso la briga di codificare la Obergefell, ma non di proteggere le libertà di parola e di religione che la Obergefell danneggia, rendendoli diritti di seconda classe”, ha scritto. “Il disegno di legge sarà una nuova freccia nella faretra di coloro che desiderano negare alle organizzazioni religiose la libertà di esercitare liberamente i loro doveri religiosi, privarle delle esenzioni fiscali o escluderle dalla piena partecipazione alla realtà pubblico. Questo fallimento di permettere uno spazio nell’arena pubblica a coloro che offrono una testimonianza autentica sul matrimonio disonora quanto c’è di meglio delle tradizioni americane. Il nostro Paese è sempre servito come dimostrazione al mondo del fatto che i cittadini in profondo disaccordo possono coesistere in un’armonia sostenuta da una legge e da una cultura che promuove la tolleranza e il compromesso. È il momento di raddoppiare il nostro impegno per quegli ideali”.

“Svolta autoritaria”

La CBS News ha riferito che l’emendamento bipartisan svelato lunedì “assicura che alle organizzazioni religiose no-profit non verrà richiesto di fornire servizi, strutture o beni per la celebrazione di un matrimonio omosessuale, e protegge la libertà religiosa e l’obiezione di coscienza disponibili ai sensi della Costituzione e della legge federale, compreso il Religious Freedom Restoration Act. Chiarisce anche che il disegno di legge non autorizza il Governo federale a riconoscere il matrimonio poligamo e salvaguarda qualsiasi beneficio o status – come esenzioni fiscali, sovvenzioni, contratti o finanziamenti educativi – di un’entità purché non derivi da un matrimonio”.

L’emendamento “riconosce l’importanza del matrimonio, riconosce che le diverse credenze e le persone che le sostengono meritano il dovuto rispetto e afferma che le coppie, comprese quelle dello stesso sesso e interrazziali, meritano la dignità, la stabilità e la protezione continua del matrimonio”, ha riferito la CBS.

Il Religious Freedom Institute , che lavora per ottenere un’ampia accettazione della libertà religiosa come diritto umano fondamentale, ha avvertito in una lettera ai senatori principali il mese scorso che il Respect for Marriage Act “avrebbe inflitto un colpo devastante” alla libertà religiosa in America, anche con gli emendamenti. “Rappresenta una pericolosa svolta autoritaria da parte del Congresso e dell’amministrazione, che estenderebbe il potere di governo ben oltre il suo ruolo costituzionale e danneggerebbe le libertà fondamentali di tutti gli Americani”.

“Approvare l’RMA significherebbe che il Governo degli Stati Uniti si è arrogato un’autorità che non ha… cercando di smantellare e ricreare un’istituzione che esisteva molto prima dello Stato, ovvero il matrimonio e la famiglia da questo prodotta”, ha dichiarato l’RFI.

L’Istituto ha detto che il disegno di legge richiederebbe il riconoscimento federale della definizione di matrimonio di ogni Stato senza ulteriori limitazioni. “Promuoverebbe poi le cause contro persone, organizzazioni e imprese religiose che operano in base alle loro convinzioni religiose del fatto che il matrimonio è un’unione di un uomo e una donna e che agiscono anche ‘in nome della legge statale’. La definizione ‘in nome della legge statale’ nell’RMA è molto pericolosa per la libertà religiosa, e aumenta significativamente il rischio di responsabilità per qualsiasi organizzazione privata che non riconosce e implementa pienamente pratiche che affermano il ‘matrimonio omosessuale’ se questa organizzazione: (1) partecipa ad un’attività congiunta con uno Stato, (2) svolge una funzione tradizionalmente svolta dal Governo, o (3) mantiene operazioni intrecciate con le politiche governative. Questi criteri sono così ampi che potrebbero spazzare via qualsiasi organizzazione che dissenta dalla nuova definizione di matrimonio promossa dallo Stato”.

“L’RMA presume che coloro che difendono il matrimonio naturale siano motivati dal fanatismo piuttosto che da un impegno costante per un’antica comprensione di Dio, della dignità umana e della natura del matrimonio”, ha detto David Trimble, vice-presidente dell’RFI per le Politiche Pubbliche e Direttore del suo Centro Nazionale per l’Educazione alla Libertà Religiosa. “Questa premessa di bigottismo è profondamente offensiva e indegna di qualsiasi Governo americano che sostenga di rappresentare tutti i suoi cittadini”.

Il voto di mercoledì lascia la strada libera a un voto al Senato. Il disegno di legge, con i suoi nuovi emendamenti sulla libertà religiosa, dovrebbe poi essere nuovamente votato alla Camera.

Tags:
cardinale timothy dolanlibertà religiosamatrimonio gayomosessualitàstati uniti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni