Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

Almudena, la Vergine nascosta nella muraglia (GALLERY)

WEB-ALMUDENA-SPAIN-VIRGIN-Leonardo-CC

Leonardo-CC

Inma Alvarez - pubblicato il 11/11/22

Un'antica devozione legata alla Reconquista

La Virgen de la Almudena è la patrona di Madrid, la capitale spagnola. È una delle moltissime “vergini ritrovate”. Questo fenomeno, legato alla Reconquista, ha visto il suolo ispanico costellato di ritrovamenti miracolosi di statue mariane, che gli sono valsi il soprannome di “terra di Maria”.

La tradizione de la Almudena madrilena è particolarmente bella, e anche se probabilmente le sue origini non sono straordinarie come dice la leggenda, quest’ultima è stata senz’altro fondamentale per la devozione e l’amore che i Madrilemi nutrono per la loro patrona.

La tradizione dice che all’inizio dell’VIII secolo, di fronte all’imminenza dell’invasione saracena, i cristiani della città, per evitare la profanazione dell’immagine, nascosero la Signora nella muraglia, murandola insieme a due candele accese.

Documenti successivi affermano che fu l’arcivescovo di Toledo, da cui allora dipendeva Madrid, a ordinare che venisse nascosta per evitare la profanazione, e che sotto il pontificato di Gregorio VII, re Alfonso VI, conquistando Mayerit, “convocò una processione guidata da lui stesso. Arrivando al punto della muraglia vicino all’Almudayna, delle pietre crollarono, e nel foro c’era l’immagine della Vergine con le due candele accese. Era il 9 novembre dell’anno 1085”.

Una “vergine nascosta”

Un’altra tradizione afferma che fu al Cid Campeador che si aprì miracolosamente la parte della muraglia in cui era stata nascosta la Vergine. Era come un segno del fatto che poteva conquistare la città.

È possibile che la leggenda abbia una base storica? Si sa che il Mayerit musulmano venne eretto su un insediamento visigoto precedente. Era inserito nella collina in cui oggi si trovano due dei monumenti più emblematici della città: la cattedrale de la Almudena e il Palazzo Reale. In epoca musulmana, questo altipiano sul fiume Manzanarre venne circondato da una muraglia e trasformato in una fortezza militare (al-mudayna).

Ci sarà stata sicuramente una devozione mariana locale: le cronache parlano di una “Virgen de la Vega”, venerata dalla popolazione del luogo, ed è molto probabile che i cristiani, dopo l’invasione musulmana, abbiano continuato a praticare la propria fede in privato e a trasmetterla di generazione in generazione.

Si sa anche che fin dal primo momento della Reconquista cristiana della città l’immagine ricevette una venerazione singolare, e che venne collocata in una chiesa in cui oggi si eleva la cattedrale de la Almudena.

Quando, nel 1707, venne abbattuto il cosiddetto cubo de la Virgen, ci si ricordò di collocare un’immagine di pietra al suo posto, dove i Madrileni continuano a venerare l’immagine in ricordo di quel ritrovamento.

Oggi la cattedrale de la Almudena ospita un’immagine successiva, di stile gotico, realizzata probabilmente tra il XV e il XVI secolo. La Vergine è vestita come una regina, con una tunica rossa e un mantello bordato di blu, e ha il Bambino in braccio.

Tags:
spagnastatuavergine maria
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni