Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Giovani imprenditori e cattolici: l’impegno e la testimonianza dell’UCID

RAPPRESENTANTI UCID INSIEME AL CARDINALE MATTEO MARIA ZUPPI

©Ucid.it

Firma da parte del Presidente CEI, il cardiale Matteo Maria Zuppi, del Manifesto dell'impresa etica scritto giovani dell'UCID risalente al ritiro dello scorso 26 marzo a Bologna (a sinistra della foto Benedetto Delle Site, Presidente Movimento Giovani UCID Nazionale, a destra il dottor Gian Luca Galletti).

Silvia Costantini - pubblicato il 09/11/22

Intervista a Benedetto Delle Site, Presidente del Movimento Giovani dell’Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti (UCID): “il Papa ci ha sempre detto che anche il business può rispondere a una nobile vocazione”

Una realtà italiana che si sta distinguendo nel panorama delle organizzazioni giovanili imprenditoriali per dinamismo e voglia di dare voce ad un mondo inascoltato: sono i giovani dell’Unione Cristiana Imprenditori Dirigenti (UCID), una associazione cattolica che in Italia esiste dal 1947 ed ha visto avvicendarsi alla presidenza importanti personalità. Da Francesco Merloni a Giancarlo Abete, da Riccardo Ghidella a Gian Luca Galletti. Nel suo Statuto il richiamo alla Dottrina Sociale della Chiesa per uno scopo ambizioso: evangelizzare il mondo dell’economia, anche grazie all’accompagnamento spirituale dei sacerdoti. Nel 2022, Anno Europeo dei giovani, l’UCID Junior ha svolto il suo primo ritiro spirituale a Bologna dal Cardinal Zuppi e una missione istituzionale a Bruxelles, nel cuore d’Europa. Aleteia ne ha parlato con Benedetto Delle Site, Presidente nazionale del Movimento Giovani dell’UCID.

D – Presidente, cosa lega l’impresa con la fede?

R – La fede cristiana è la fede nell’Incarnazione, di un Dio che viene nella storia, fra gli uomini: non c’è separazione fra cose umane e cose divine, tutti gli affari umani possono essere santificati, cioè offerti a Dio e fatti secondo la sua volontà. Così anche ogni lavoro umano onesto, compreso quello di chi realizza o dirige un’impresa, sia essa una multinazionale o una piccola impresa locale. Il Papa ci ha sempre detto che anche il business può rispondere a una nobile vocazione. Per questo parliamo di Dottrina Sociale della Chiesa, perché dalla fede vissuta dalla Chiesa scaturiscono principi e criteri di orientamento, validi per tutti gli uomini e le donne di buona volontà: la centralità della persona, il bene comune, la custodia del creato, la solidarietà e la sussidiarietà.

D – La vostra associazione nasce nel 1947, cosa fate esattamente?

R – L’UCID è il luogo dove si incontrano gli imprenditori, i dirigenti d’azienda e i professionisti accomunati dall’appartenenza alla Chiesa e dalla volontà di crescere nella conoscenza e nella pratica degli insegnamenti del Papa in campo economico e sociale. Noi giovani in particolare, nell’ambito del progetto Ucid Giovani on Tour abbiamo realizzato una Carta Valori e un Manifesto dell’impresa etica ispirato dal Compendio della Dottrina Sociale della Chiesa, e li abbiamo portati nelle aziende perché questi insegnamenti siano conosciuti e, possibilmente, messi in pratica. Il 26 marzo di quest’anno il nostro Manifesto è stato sottoscritto da Sua Eminenza il Cardinale Zuppi nel nostro primo ritiro spirituale annuale. Nella stessa giornata abbiamo visitato gli stabilimenti della FAAC, nota multinazionale dei cancelli automatici che da anni non solo eccelle nei risultati economici ma che impiega buona parte dei propri profitti per migliorare la vita dei suoi dipendenti (welfare aziendale), del territorio (responsabilità sociale d’impresa) e in aiuti per i più deboli in tutto il mondo (cittadinanza globale d’impresa). Un esempio d’impresa che risponde al nostro Manifesto.

D – Uno dei grandi problemi oggi per i giovani è la mancanza di lavoro. Cosa può fare UCID?

R – Sui territori realizziamo progetti che vedono coinvolte scuole e parrocchie, dove noi possiamo offrire esperienza e orientamento ai ragazzi e alle ragazze. Come UCID Giovani c’è un progetto che possiamo considerare il nostro fiore all’occhiello: Virtus Lab. Nato in Calabria e attivo a livello nazionale grazie alla Fondazione Antonio Emanuele Augurusa, si tratta di un vero esempio di intelligenza imprenditoriale cristiana applicata. Come imprenditori abbiamo visto che il problema non è tanto la mancanza di lavoro, ma la mancanza fra i giovani di profili che le nostre aziende oggi cercano disperatamente. Per questo Virtus Lab crea quei profili favorendo l’incontro fra aziende e giovani in cerca di lavoro, ne cura la formazione e l’housing e garantisce un inserimento lavorativo al termine del percorso praticamente nel cento percento dei casi. Questo modello è stato sposato a Reggio Emilia da Fabio Storchi, presidente dell’Unione Industriali, e sta finanziando borse di studio per il Dottorato di Economia Civile all’Università Lumsa di Roma.

D – Il 2022 è l’anno europeo dei giovani, come vedete l’Europa?

R – Crediamo fortemente, da businessmen e da cristiani, nella dimensione europea e globale. A patto di non disconoscere ma anzi valorizzare l’impronta cristiana di entrambe. Per questo come Movimento Giovani dal 18 al 22 maggio di quest’anno siamo stati in missione a Bruxelles, nel cuore d’Europa, per incontrare i vertici istituzionali, politici ed economici dell’UE. Il nostro Manifesto è stato sottoscritto a Bruxelles anche dal presidente dei giovani della Confindustria europea. La missione è stata anche l’occasione per portare a battesimo, su iniziativa italiana, il primo gruppo giovani a livello europeo nell’ambito dell’UNIAPAC, l’associazione che a livello mondiale unisce le associazioni cristiane dei leaders d’impresa. Un progetto che avevamo presentato al Presidente Bruno Bobone il 4 novembre accogliendolo a Roma e che grazie ai nostri seniores europei Laurent Battaille e Riccardo Ghidella è ora realtà, presentata davanti al Santo Padre nell’ultimo Congresso dell’UNIAPAC lo scorso ottobre. Speriamo così di portare la visione d’impresa contenuta nel nostro Manifesto a livello europeo e mondiale.

Tags:
imprenditori cristianipapa francescoUnione Cristiana Imprenditori Dirigenti
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni