Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Il regalo che il Papa non avrebbe mai voluto ricevere proviene dall’Ucraina

Pope-Francis-greets-Greek-Catholic-Archbishop-Sviatoslav-Shevchuk-AFP

ALBERTO PIZZOLI | AFP

Ary Waldir Ramos Díaz - pubblicato il 08/11/22

Il Papa non dimenticherà il dono di Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk, responsabile e sacerdote della Chiesa Greco-Cattolica ucraina

“Papa Francesco è accanto al popolo ucraino nella preghiera e nell’azione”, ha affermato Sua Beatitudine Sviatoslav Shevchuk, responsabile e sacerdote della Chiesa Greco-Cattolica ucraina, dopo un’udienza privata con il Pontefice questo lunedì, 7 novembre 2022. 

Nel protocollo vaticano c’è una tradizione per le udienze private, lo scambio di doni, e il Papa sicuramente non dimenticherà il dono di Sua Beatitudine Shevchuk. 

L’incontro tra i due leader ha avuto luogo nella Biblioteca Privata del Palazzo Apostolico.

Il religioso, che non ha lasciato il Paese a seguito dell’aggressione russa ed è rimasto a Kiev per offrire sostegno alla popolazione, ha portato in dono al Pontefice il frammento di una mina russa che ha distrutto la facciata dell’edificio della chiesa greco-cattolica ucraina nella città di Irpin’, vicino Kiev, a marzo.

“Città martiri”

Si tratta di un gesto pieno di simbolismo, non solo perché Irpin’ è una delle prime “città martiri” colpite dall’aggressione russa contro l’Ucraina, ma anche perché dai corpi dei soldati ucraini, dei civili e dei bambini vengono estratti pezzi di mine simili, segno visibile della distruzione e della morte che la guerra provoca ogni giorno.

Fragment-of-a-Russian-mine-that-destroyed-the-facade-of-the-building-of-the-Ukrainian-Greek-Catholic-Church-in-the-city-of-Irpin-near-Kyiv

All’incontro, il Papa ha rinnovato la sua vicinanza a quello che ha definito “il popolo ucraino martirizzato”. Francesco ha anche esortato l’arcivescovo maggiore e i suoi pastori a un “servizio evangelico della vicinanza al popolo che soffre, oppresso dalla paura e dalla violenza della guerra”.

Il Pontefice ha poi ribadito l’impegno della Santa Sede per porre fine all’aggressione, arrivare a una pace giusta, promuovere la solidarietà con il popolo ucraino e sostenere gli sforzi per la pace.

Sua Beatitudine ha detto al Papa che “la guerra in Ucraina è una guerra coloniale, e le proposte di pace che vengono dalla Russia sono proposte di pacificazione coloniale. Queste proposte implicano la negazione dell’esistenza del popolo ucraino, della sua storia, cultura e anche la Chiesa”.

Shevchuk ha detto di aver ringraziato il Papa per tutto ciò che ha fatto per fermare la guerra e mediare per la pace, per liberare gli ostaggi e i prigionieri e organizzare la solidarietà universale della Chiesa cattolica a favore del martoriato popolo ucraino.

Tags:
papa francescoucraina
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni