Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
Arte e Viaggi
separateurCreated with Sketch.

La clausura delle Clarisse di Toledo apre le porte dopo 700 anni

clarisas toledo

Santa Clara la Real de Toledo

Matilde Latorre - pubblicato il 05/11/22

Un tour virtuale dietro le mura del Convento Santa María del Real, a Toledo. Non è la visita di un museo, ma la scoperta della vita di preghiera e lavoro delle monache contemplative, successori di Santa Chiara d'Assisi

Non si tratta di visitare un museo. Il Convento Santa María del Real di Toledo (Spagna) spalanca le porte per offrire qualcosa di totalmente inedito. Ora è possibile entrare tra quelle mura che per 700 anni hanno preservato la clausura di monache discendenti da Santa Chiara d’Assisi, fondatrice – insieme a San Francesco – delle monache clarisse francescane.

Se non avete la fortuna di potervi recare nella “città imperiale”, non preoccupatevi: vi permetteremo di godervi un tour virtuale in cui potrete scoprire non solo l’arte, ma anche la fede e la spiritualità irradiata per sette secoli da queste donne che hanno dedicato la propria vita alla contemplazione di Dio.

L’esperienza di scoprire la clausura

L’idea di aprire le porte di uno dei conventi francescani più storici di Spagna, e anche d’Europa, è nata spontaneamente quando l’esigua comunità di monache ha deciso di unirsi a un’altra comunità di Clarisse di Toledo, le religiose di Madridejos, per ottimizzare spazi e risorse di fronte alla diminuzione delle vocazioni.

Clarisas de Toledo
Chiostro dell’Arancio.

Le monache avrebbero potuto vendere il convento. Le imprese del settore turistico avrebbero colto al volo l’opportunità per aprirvi un hotel di lusso storico. Un’altra possibilità sarebbe stata quella di liberarsi di questa responsabilità cedendo la struttura alle autorità locali perché la trasformassero in un museo.

Le religiose, tuttavia, sono state coraggiose e hanno deciso di mantenere la propria presenza perché la visita a questo luogo non sia semplicemente un’esperienza storica e artistica, ma possa trasformarsi anche in un’esperienza spirituale per i visitatori.

Una comunità che risale a Santa Chiara d’Assisi

Ripercorriamo un po’ la storia. Le Clarisse francescane sono arrivate a Toledo quando era ancora in vita la loro fondatrice, Santa Chiara d’Assisi (1194-1253).

Clarisas de Toledo
Coro della cappella del convento.

Dopo anni di presenza in città, sorse il progetto della fondazione del convento attuale. Documenti storici testimoniano che iniziò ad essere concretizzato verso il 1340 per volontà di una dama della nobiltà di Toledo, María Meléndez, appartenente a una famiglia mozárabe. 

Il 27 giugno 1371, Papa Gregorio XI promulgò ad Avignone la bolla Piis devotorum, con la quale autorizzava María Meléndez a fondare il convento di Clarisse, stabilendo che avrebbe dovuto dotarlo di tutto il necessario perché potessero vivervi trenta religiose.

clarisas de Toledo
Grate mudéjar del convento Santa Clara la Real di Toledo

In quel periodo, Inés Enríquez e sua sorella Isabel, figlie illegittime del re Enrico II di Castiglia, professarono come religiose in questo convento, che era già uno dei più importanti della città. Per questo, dal 1372 il convento iniziò a chiamarsi “Santa Clara la Real”.

La visita

La visita al convento inizia con un portone tipico dei palazzi di Toledo del XIV secolo. All’interno, la clausura è organizzata intorno a due cortili o chiostri, quello dell’Arancio e quello dell’Alloro. Intorno a questi si articolano le principali strutture conventuali – la chiesa e il coro, la Sala Capitolare, la Sala de Profundis… – e altre di uso quotidiano.

Il visitatore può anche ammirare importanti esempi di arte mudéjar (lo stile artistico dei regni cristiani della Penisola iberica dell’epoca, che inseriva influenze di stile ispanco-musulmano), come dipinti, sculture e opere di oreficeria di valore incalcolabile.

Aleteia, rete globale cattolica di informazione, in virtù della sua missione contribuisce, in collaborazione con la Fundación DeClausura, a comunicare la vita, la spiritualità e i prodotti dei monasteri contemplativi.

Tags:
clarisseconventospagna
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni