Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
Storie
separateurCreated with Sketch.

Michele Placido: nel mio film c’è il messaggio evangelico di Caravaggio

FC2244_pag_001-copia.jpg

Edizioni San Paolo

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 27/10/22

"L'ombra di Caravaggio" è il titolo del suo 14° film. E' in uscita il 3 novembre e ha un “taglio mistico” (VIDEO TRAILER)

«Secondo me Caravaggio era molto più mistico di altri illustri colleghi come Raffaello, era uno che conosceva le Sacre Scritture a memoria, anche se la sua fu una vita sciagurata. Ma la sete di spiritualità che aveva, la sento pure io dentro di me»: così Michele Placido presenta “L’ombra di Caravaggio“, il suo 14° film in uscita il 3 novembre, in un’ampia intervista pubblicata sul nuovo numero di Famiglia Cristiana in edicola. 

La Flagellazione di Cristo

Per l’occasione, il regista ha posato per la copertina del settimanale davanti a uno dei capolavori del pittore, la *Flagellazione di Cristo* custodita al Museo di Capodimonte di Napoli.

I luoghi di Caravaggio

Placido presenta così il suo film su Caravaggio: «Con gli sceneggiatori e in particolare con Sandro Petraglia con cui ho collaborato per *Romanzo Criminale* abbiamo pensato prima di tutto di non farne una biografia convenzionale, ma costruire appunto una specie di romanzo criminale nella Roma del suo tempo ambientato nelle strade, nelle taverne, tra i miserabili che frequentavano la confraternita di san Filippo Neri, insomma in tutti i luoghi dove Caravaggio andava per cercare la verità del messaggio evangelico che poi riversava nei suoi quadri».

Scamarcio interpreta il pittore

Nel film, Caravaggio è interpretato da Riccardo Scamarcio, mentre Louis Garrel è l’Ombra, una sorta di agente segreto incaricato dal Vaticano di condurre un’indagine per decidere se concedere o meno la grazia al pittore condannato per omicidio.

“Una formazione mistica”

Aggiunge Placido: «Anche io ho avuto una formazione, diciamo così, mistica. Davanti a casa nostra c’era la cattedrale e da bambino tutti i giorni vedevo gente che andava a Messa o ai funerali. Mio zio era un prete missionario e quando tornava da noi restavo incantato dai suoi racconti dal Paraguay all’India. Per me era come un eroe e volevo diventare come lui. Così a 9 anni sono entrato in un collegio di preti missionari. Ma dopo tre anni – conclude il regista del film “L’ombra di Caravaggio” – mi cacciarono, perché ero molto indisciplinato, come Caravaggio. E come lui, mi è rimasta questa sete di misticismo».

Tags:
caravaggiocinemafilm
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni