Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

NFT vs Criptovalute: perché tuo figlio dovrebbe conoscerli

UMA_221024_BLOG.jpg

tonybangkok

Umberto Macchi - pubblicato il 26/10/22

Quali le differenze, i rischi e le opportunità di questi prodotti digitali?

Da tempo ormai si parla di NFT, ma non tutti hanno dimestichezza con la tecnofinanza (soprattutto i meno giovani). Eppure in molti si sono buttati a capofitto in questo nuovo trend (soprattutto i più giovani), alcuni uscendone perfino milionari. In questo articolo cercherò di spiegare le basi degli NFT ai genitori.

Cosa sono gli NFT

Il termine NFT sta per Non-Fungible Token, che in italiano significa Gettone digitale non fungibile, ovvero non riproducibile. “Fungible e non-fungible” significa che può o meno essere sostituito con altro. Gli NFT sono pezzi unici: non sono intercambiabili, non possono essere replicati né sostituiti. Un NFT è un token particolare che rappresenta l’atto di proprietà e il certificato di autenticità di un bene unico: serve a identificare in modo univoco e sicuro un prodotto digitale creato su internet.

Facciamo un esempio pratico

NFT può essere qualsiasi oggetto digitale: un video, una foto, una GIF, un testo, un articolo, un quadro, un audio… Quando un oggetto digitale è certificato con un NFT è come se sopra ci fosse la firma dell’autore, e nessuno può dire che non sia originale o che ce ne siano altre copie se non firmate con un NFT.

Per esempio, se vostro figlio è un artista e vuole esporre i suoi quadri digitali online rischia di imbattersi in potenziali truffatori che possono copiare il suo progetto e venderlo, magari a qualità ridotta, spacciandolo altrove per opera sua. Ecco, questo è il tipico problema che può essere superato con gli NFT: ogni NFT, quindi, rappresenta un bene unico, protegge il frutto di una creazione e solo quello. Come se stessimo parlando di un quadro fisico, che so, i “Girasoli” di Van Gogh: qualcuno può tentare di replicarlo, ma l’originale sarà sempre e solo in possesso di una persona o ente in grado di garantire la sua autenticità.

Come funzionano gli NFT

Gli NFT vengono utilizzati in diverse applicazioni specifiche che richiedono oggetti digitali unici come arte crittografica, oggetti da collezione digitali e giochi online. Sono nati per proteggere le risorse digitali da qualsiasi tipologia di truffa. Attraverso una firma digitale univoca che protegge e dichiara autentica l’opera, permettendo anche di venderla e ricevendo quindi in cambio criptovalute o denaro.

Chi acquista un’opera legata a un NFT non acquista l’opera in senso stretto, ma si garantisce la possibilità di rivendicare un diritto su quell’opera attraverso uno strumento noto come smart contract, ovvero un protocollo informatico che facilita e verifica l’esecuzione di un contratto.

L’NFT stesso emette un certificato digitale di autenticità basato sulla blockchain, un registro digitale condiviso e immutabile dove vengono memorizzate le transazioni di dati che non possono essere alterati, manipolati o eliminati. È un sistema per garantire la tracciabilità dei trasferimenti, la trasparenza e la verificabilità: prima della blockchain qualsiasi cosa su internet era facilmente riproducibile e quindi non si poteva garantire, per esempio, che un’opera d’arte digitale fosse autentica. Grazie alla blockchain, che certifica una avvenuta transazione tra due persone attraverso una rete decentralizzata di più individui e non dalle autorità centrali, l’oggetto digitale che si vuole proteggere diventa di per sé unico.

Differenza tra criptovalute e NFT

Gli NFT sono in contrasto con le criptovalute come i Bitcoin, prima di tutto perché queste, come molti gettoni di rete o di utilità, sono fungibili, ovvero possono essere duplicati infinite volte in copie esattamente identiche e interscambiabili. Gli NFT, invece, non sono fungibili: sono pezzi unici e non possono essere replicati né sostituiti. Le opere garantite da NFT non possono essere scambiate o cedute per metà: non posso venderti una porzione dei “Girasoli” di Van Gogh digitale né chiederti la stessa opera in cambio. Una cifra in criptovalute può invece essere trasferita a terzi senza problemi o essere utilizzata per acquistare un quadro protetto da NFT.

Giovani e NFT

La Generazione Z è molto vicina al mondo delle criptovalute e alla blockchain. Al di là della moda, c’entra anche la prospettiva futura offerta da un settore che promette nuove opportunità di lavoro. Con i sistemi messi in atto dalla Gig Economy, dominata da freelance o lavoratori part-time, le opportunità di “fare soldi” sono diventate accessibili a un vasto numero di persone di ogni età, e i nuovi adolescenti si muovono con una mentalità imprenditoriale molto più smart di quelli che li hanno preceduti.

Tutto questo ha sicuramente un riflesso nel mondo dei creativi e del mercato dell’arte. I teen artist vivono in una realtà poco tangibile, al di fuori del circuito delle gallerie, esponendo le proprie creazioni NFT su social e piattaforme (OpenSea, SuperRare e Nifty Gateway tra le più note). Molti giovani professionisti hanno inoltre iniziato a offrire

consulenze e mettere a disposizione ciò che sanno su piattaforme online come Upwork o Fiverr.

A quanto sembra la Gen Z ha saputo scorgere nei mezzi tecnologici, ormai parte del suo DNA, delle concrete potenzialità per superare barriere dovute ad anni di crisi e di instabilità economica.

Tags:
criptovalutenft
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni