Aleteia logoAleteia logoAleteia
giovedì 08 Dicembre |
Immacolata Concezione
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Cina e Vaticano più vicini: rinnovato nuovamente l’accordo sui vescovi

vescovi cina vaticano

Mgr Joseph Li Shan, évêque de Pékin © TEH ENG KOON / AFP

Gelsomino Del Guercio - pubblicato il 24/10/22

"Papa Francesco, con determinazione e paziente lungimiranza, ha deciso di proseguire in questo percorso"

Il Vaticano e la Cina «dopo opportune consultazioni e valutazioni, hanno concordato di prorogare per un altro biennio la validità dell’Accordo Provvisorio sulla nomina dei Vescovi, stipulato il 22 settembre 2018 e rinnovato una prima volta il 22 ottobre 2020».

“Dialogo rispetto e costruttivo con la Parte Cinese”

«La Parte Vaticana – si legge in un comunicato – è intenzionata a proseguire il dialogo rispettoso e costruttivo con la Parte Cinese, per una proficua attuazione del suddetto Accordo e per un ulteriore sviluppo delle relazioni bilaterali, in vista di favorire la missione della Chiesa cattolica e il bene del Popolo cinese».

Parolin spiega il senso dell’Accordo

«Il cuore dell’Accordo ha certamente a che fare anche con il consolidamento di un buon dialogo istituzionale e culturale. Ma riguarda principalmente beni essenziali per la vita quotidiana della Chiesa in Cina». Con queste parole il cardinale segretario di Stato vaticano, Pietro Parolin, intervistato da L’Osservatore Romano e Radio Vaticana-Vatican News, spiega le ragioni che hanno portato la Santa Sede a siglare e a rinnovare per la seconda volta l’Accordo Provvisorio con la Repubblica Popolare Cinese. 

PAROLIN
Il cardinale Parolin, il più alto diplomatico del Vaticano.

Pastori “degni” per i cattolici cinesi

Ricordando che l’Accordo, firmato da Santa Sede e Governo della Repubblica Popolare Cinese il 22 settembre 2018, è «provvisorio», in attesa di «verificare l’efficacia del risultato e individuare eventuali miglioramenti» (e di qui la necessità di prorogare la vigenza dell’Accordo), Parolin precisa: «Papa Francesco, con determinazione e paziente lungimiranza, ha deciso di proseguire in questo percorso non nell’illusione di trovare nelle regole umane la perfezione. Ma nella concreta speranza di poter assicurare alle comunità cattoliche cinesi, anche in un contesto così complesso, la guida di pastori che siano degni e idonei al compito loro affidato».

web-china-catholic-priest-communion-000_hkg9614472-peter-parks-afp-ai.jpg
L’eucaristia in una Chiesa cinese. Molte comunità sono costrette a svolgere messe e sacramenti ancora clandestinamente.

Tagle ricorda le “lacerazioni” nella Chiesa cinese

Il cardinale Luis Antonio Gokim Tagle precisa a Vatican News quali sono i criteri che portano la Santa Sede a perseverare nella decisione presa 4 anni fa. «L’accordo tra Santa Sede e governo cinese sottoscritto nel 2018 riguarda le procedure per la scelta e la nomina dei Vescovi cinesi – evidenzia Tagle -. Si tratta di una questione specifica, che tocca un punto nevralgico della vita della comunità cattolica in Cina. In quel Paese, le vicende storiche avevano portato a dolorose lacerazioni in seno alla Chiesa, fino a proiettare un’ombra di sospetto sulla stessa vita sacramentale. Quindi erano in gioco cose che toccano la natura intima della Chiesa e la sua missione di salvezza».

“In piena comunione con il Papa”

Con l’Accordo tra Vaticano e Cina, si cerca di garantire che i vescovi cattolici cinesi «possano esercitare il loro compito episcopale in piena comunione con il Papa. La ragione di tutto – prosegue il cardinale filippino – è custodire la valida successione apostolica e la natura sacramentale della Chiesa cattolica in Cina. E questo può rassicurare, confortare e rallegrare i battezzati cattolici in Cina». 

Cardinal Luis Antonio Tagle of Manila
Il cardinale Tagle ha seguito la questione dell’Accordo tra Vaticano e Cina.

L’Accordo non si riduce a una “strategia diplomatica”

«La Santa Sede – prosegue Tagle – ha sempre ribadito la natura circoscritta dell’Accordo, che pure tocca una questione vitale per la Chiesa e anche per questo non può essere ridotta a elemento di contorno di qualche strategia diplomatica. Ogni considerazione che ignora o oscura questa fisionomia singolare dell’Accordo, finisce per darne una rappresentazione falsata».

The funeral of the Bishop Joseph Fan Zhongliang – fr
Funerali del vescovo Joseph Fan Zhongliang della Chiesa Cattolica “sotterranea” cinese. AFP PHOTO/Peter PARKS

Le sofferenze dei cattolici in Cina

Cosa rispondere a chi dice che la Santa Sede, pur di trattare con il governo cinese, nasconde e ignora sofferenze e problemi di cattolici cinesi? «Sofferenze e difficoltà passate e anche recenti – afferma il cardinale filippino – sono sempre davanti allo sguardo della Sede apostolica sulle vicende della Chiesa in Cina. Anche le scelte presenti sono fatte proprio prendendo le mosse da questo riconoscimento e dalla gratitudine per chi ha confessato la fede in Cristo in tempi di tribolazione». 

I vescovi “clandestini” 

Tagle si esprime anche sul riconoscimento dei vescovi cosiddetti “clandestini” in Cina da parte degli apparati politici del Partito Comunista. «Per favorire la soluzione di questo problema, forse converrebbe tener presente da parte di tutti che i vescovi non possono essere visti come “funzionari”: i vescovi non sono “funzionari del Papa” o “del Vaticano”, perché sono appunto successori degli Apostoli. E non possono nemmeno essere considerati come “funzionari religiosi” di apparati politici mondani, o come dice Papa Francesco, “chierici di Stato”».

Tags:
cinavaticanovescovo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni