Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 28 Novembre |
Santa Caterina Labouré
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

RASSEGNA STAMPA / La Chiesa in Spagna lancia un portale per la protezione dei minori

Questo articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus
BARCELONA

Pau BARRENA / AFP

i.Media per Aleteia - pubblicato il 18/10/22

Ogni giorno, Aleteia offre una selezione di articoli scritti dalla stampa internazionale sulla Chiesa e le questioni principali che preoccupano i cattolici nel mondo. Le opinioni e i punti di vista espressi in questi articoli non sono quelli degli editori.

Martedì, 18 ottobre 2022

1. La Chiesa in Spagna lancia un portale per la protezione dei minori

2. Tre antiche mummie rimpatriate dal Vaticano in Perù

3. Cardinal Romero: “La piccola Chiesa del Marocco testimonia il Concilio”

4. L’estensione sinodale di Papa Francesco è un progetto o una scommessa?

5. La nuova parola inventata da Papa Francesco

1La Chiesa in Spagna lancia un portale per la protezione dei minori

La Conferenza Episcopale Spagnola ha creato il portale web “Paradarluz” (“Per dare luce”) per offrire una panoramica del lavoro svolto dalla Chiesa in Spagna per la protezione dei minori e la prevenzione degli abusi. Il sito spera anche di favorire il contatto con gli uffici idonei istituiti in diocesi, congregazioni religiose e altre istituzioni ecclesiali, offrendo una linea di comunicazione diretta. È stato allestito un totale di 202 uffici – 60 nelle diocesi e 142 nelle congregazioni – per ricevere rapporti sugli abusi e stabilire protocolli per l’azione e formazione per proteggere i minori e impedire gli abusi. Il sito contiene anche un’estesa bibliografia di documenti relativi a questi crimini, protocolli creati da diocesi e istituzioni religiose e materiale stampa. Il cardinale Juan José Omella, arcivescovo di Barcellona e presidente della Conferenza Episcopale Spagnola, riconosce nella lettera di presentazione del portale che il lavoro svolto dalla Chiesa spagnola “non è mai abbastanza di fronte alla sofferenza”, ma spiega che il sito mira ad aiutare tutta la società a “prendere consapevolezza delle decisioni che sono state prese e di quelle che siamo pronti a prendere”. La Chiesa spagnola ha iniziato il suo viaggio per affrontare la questione nel 2010, adottando i primi protocolli d’azione. Con gli anni c’è stato un miglioramento, aggiornando le norme legali collegate a questi crimini nella cornice del Diritto Canonico e in collegamento con la Santa Sede. La Spagna è uno dei tanti Paesi europei a condurre un’indagine indipendente sugli abusi commessi nella Chiesa. Altri esempi sono la Francia e il Portogallo.

Omnes, spagnolo.

2Tre antiche mummie rimpatriate dal Vaticano in Perù

Tre antiche mummie conservate nel museo Anima Mundi – la galleria etnologica all’interno dei Musei Vaticani – sono state rimpatriate in Perù. In una cerimonia svoltasi il 17 ottobre, il presidente del Governorato dello Stato della Città del Vaticano, il cardinale Fernando Vérgez Alzaga, e il Ministro degli Esteri peruviano, César Rodrigo Landa Arroyo, hanno firmato un documento per formalizzare l’atto. L’evento si inserisce nel contesto di un progetto di rimpatrio di resti umani da parte del museo, spiega Vatican News. Dal 2010, la struttura vaticana ha perseguito una politica per considerare i resti umani non come opere d’arte o oggetti da collezione. Il primo risultato di questa politica è stato il rimpatrio di resti umani dall’Ecuador. È stata poi avviata una collaborazione con il Perù per restituire queste mummie non datate, scoperte a 3.000 metri sulle Ande peruviane lungo i corso del fiume Ucayali, affluente del Rio delle Amazzoni. Il museo Anima Mundi è stato istituito da Papa Pio XI nel 1925 dopo una mostra in in Vaticano sul tema delle missioni. All’epoca, più di 100.000 opere d’arte di tutto il mondo sono state inviate al Pontefice in dono. Anche il Perù ha partecipato all’iniziativa, inviando una serie di artefatti rappresentativi della cultura e della civiltà del Paese, tra cui le tre mummie in questione.

Vatican News, italiano.

3Cardinal Romero: “La piccola Chiesa del Marocco testimonia il Concilio”

Il cardinale salesiano Cristóbal López Romero, arcivescovo di Rabat, Marocco, assicura che il dialogo interreligioso è uno dei frutti del Concilio Vaticano II, che ha avuto luogo 60 anni fa e ha cambiato il volto della Chiesa. Papa Francesco dà una spinta per continuare su questa via, spiega.

Salesianos, spagnolo.

4L’estensione sinodale di Papa Francesco è un progetto o una scommessa?

Papa Francesco ha aggiunto un altro anno al processo sinodale globale. L’obiettivo è rallentare il ritmo o rimandare l’inevitabile?

The Pillar, inglese.

5La nuova parola inventata da Papa Francesco

Nella sua omelia dell’11 ottobre, il Papa ha usato una parola che non esiste nel dizionario italiano: “indietrismo”. Chiunque ha capito bene cosa intendeva il Pontefice, sostiene un giornalista di Información de la Comunidad.

Infodecom, spagnolo.

Il resto dell'articolo è riservato ai membri di Aleteia Plus

Sei già membro? Per favore, fai login qui

Gratis! - Senza alcun impegno
Puoi cancellarti in qualsiasi momento

Scopri tutti i vantaggi

Aucun engagement : vous pouvez résilier à tout moment

1.

Accesso illimitato a tutti i nuovi contenuti di Aleteia Plus

2.

Accesso esclusivo per pubblicare commenti

3.

Pubblicità limitata

4.

Accesso esclusivo alla nostra prestigiosa rassegna stampa internazionale

5.

Accedi al servizio "Lettera dal Vaticano"

6.

Accesso alla nostra rete di centinaia di monasteri che pregheranno per le tue intenzioni

Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Sostieni i media che promuovono i valori cristiani
Tags:
rassegna stampa internazionale
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni